La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Credere Obbedire Combattere »

I mercenari del porcellum delizia dei giornali e forza del potere

26-09-2011

di

Ma avete visto con che piglio rivoluzionario Angelino Alfano ha impugnato davanti alle tv l’arma della nuova legge elettorale? Scamiciato, congestionato e perfino vagamente minaccioso, sembrava dire: non provate a fermarmi perché faccio uno sfracello. E un marziano venuto dallo spazio avrebbe pensato che al povero Angelino l’atroce legge vigente (forse la peggiore al mondo) l’abbia imposta il feroce Saladino comunista. Invece no. Il dannato porcellum l’hanno voluto Berlusconi e Bossi e lo hanno imposto a tutto il Paese per i loro porci interessi, gli unici di cui, del resto, si occupino da sempre. Ad avere un po’ di memoria (e di spazio) si potrebbero rievocare i trucidi argomenti con i quali hanno fatto votare alle Camere l’imbroglio che ha privato gli elettori del loro diritto e ha consentito a una relativa maggioranza di diventare “la più grande maggioranza della storia repubblicana”. Senza peraltro riuscire a governare e ottenendo di risolvere alcuni schifosi problemi personali del premier solo con l’aiuto mercenario di Scilipoti.

Il fumo della persecuzione: vale solo per alcuni

Che brutta giornata quella di giovedì. La maggioranza del Parlamento ha detto no ai giudici che volevano arrestare Milanese, senza curarsi affatto del famoso “fumus persecutionis”. Come ha detto sfrontatamente Bossi, è stato salvato il governo e basta. E siccome giovedì è stata una giornata televisiva tra le più affollate di dibattiti, dichiarazioni, interventi ed esondazioni, ne abbiamo sentite di tutti i colori su fatti di cui, personalmente, come milioni di italiani e perfino di padani, ci vergogniamo da morire. C’erano i soliti noti (come Belpietro) del dibattito con frustino, che giravano da una rete all’altra per fustigare la nuda verità. Urla strepiti e insulti, dai quali abbiamo tratto la convinzione che, essendosi il Parlamento costituito in tribunale, qualunque cittadino può pretendere di ricorrere ad esso per sfuggire al carcere. A meno che non sia richiesta la Ferrari come unica prova di innocenza. E, ovviamente, chiunque avrà pure diritto a mezz’ora in video da Bruno Vespa per insultare i suoi giudici. Privilegio che, del resto, non è stato negato neanche ai peggiori assassini.

Galan fuori dalla storia: dove trova il coraggio di dire questo è il miglior governo?

Una domanda sorgeva spontanea dopo la visione, mercoledì, di “Otto e mezzo”: ma il ministro Galan, ci è o ci fa? Di fronte alla plateale, scandalosa nullità del governo nel contrastare la crisi, mentre Confindustria chiede a Berlusconi di non far vergognare gli imprenditori all’estero, Galan ha sostenuto che l’esecutivo insediato nel 2008 è stato il migliore della storia repubblicana. Esterrefatti gli intervistatori Lilli Gruber e Stefano Folli, come crediamo la maggior parte degli spettatori. L’uomo che sovrintende al più grande patrimonio artistico del mondo e che, in un Paese normale, dovrebbe essere una grande personalità intellettuale, da noi si presenta in tv per sparare risibili balle e per confermare il suo berlusconismo fuori tempo massimo. Pur riconoscendo che la promessa rivoluzione liberale non si è avverata e che il premier, come vorrebbe Giuliano Ferrara, dovrebbe chiedere scusa a quelli che ha deluso, il ministro ha continuato a farcire il suo discorso di elogi spropositati a Berlusconi, un povero ricco circondato da cortigiani, cortigiane e Scilipoti.

Sono nata a Ghilarza (Oristano), ho studiato lettere moderne all’Università Statale di Milano, in pieno 68. Ho cominciato a lavorare all’Unità alla fine del 73, quando era ancora ‘organo’ del Pci, facendo esperienza in quasi tutti i settori, per approdare al servizio spettacoli negli anni 80, in corrispondenza con lo straordinario sviluppo della tv commerciale, ovvero con l’irresistibile ascesa di Silvio Berlusconi. Ho continuato a lavorare alla redazione milanese dell’Unità scrivendo di televisione e altro fino alla temporanea chiusura del giornale nell’anno 2000. Alla ripresa, sotto la direzione di Furio Colombo, ho cominciato a scrivere quotidianamente la rubrica ‘Fronte del video’, come continuo a fare oggi. E continuerò fino a quando me lo lasceranno fare. Nel 2003 è stato stampato e allegato all’Unità un volumetto che raccoglieva due anni di ‘Fronte del video’.