La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Inchieste » Internet »

Lo ha denunciato per stupro assieme a un'amica. Prove debolissime, ma la destra dei Repubblicani statunitensi chiede che il leader di Wikileaks venga "ucciso" e che il sito sia dichiarato "organizzazione terroristica". Ecco la risposta di Israel Shamir

Povero Assange, caduto nella trappola di una strana donna: se l’è portato a letto anche se preferisce le ragazze. Perché?

16-12-2010

di

Julian Assange - Poster Boy NYCUn sito americano vicino al Tea Party, RightwingNews.com, ha suggerito che “un agente della Cia con un fucile da cecchino spari un colpo vicino al cranio di Assange, la prossima volta che appare in pubblico, giusto come avvertimento”. State sicuri che la Cia è ben più saggia del Tea Party. O perlomeno hanno imparato la lezione di Che Guevara. Oggigiorno rovinano semplicemente la reputazione di un ribelle invece di sprecare un proiettile. Non trasformeranno Assange in un martire, ma useranno solo i suoi ex alleati per trasformarlo in una barzelletta. Lo riempiranno di calunnie. È molto più efficace e definitivo dello sparo di un cecchino. La storia ci insegna che sono molto bravi ad utilizzare questa tattica. Negli anni ’70, poterono solamente dire che Philip Agee era un donnaiolo e un ubriacone. Oggi non si limitano alle accuse di pedofilia, come ad esempio hanno fatto contro Scott Ritter perché questo si è rifiutato di ripetere le bugie di George W Bush sulle armi di distruzione di massa dell’Iraq. Ci si può aspettare che la campagna sullo stupro di Assange sia solamente l’inizio. Forse diranno che è pure un pedofilo. La minaccia non ancora espressa è sufficiente a far dileguare almeno i più impressionabili sostenitori di Wikileaks”.

Al contrario di gran parte della controinformazione, che sembra avere la certezza granitica che Assange sia un agente della Cia o del Mossad mentre noi siamo molto più prudenti nell’esprimere un’opinione definitiva contro il fondatore di Wikileaks (nonostante i dubbi, molto forti, rimangano). Il tipo potrebbe tranquillamente rientrare nella ristretta schiera di persone “non catalogabili”, persone che non si possono cioè inserire in quelle solite e confortevoli categorie prestabilite che anche la “controinformazione” di frequente usa per crearsi un’immagine coerente di come va il mondo. In un’intervista a Forbes, Assange ha dichiarato:
“Non sono uno anti-sistema. Incasellarmi in una categoria economica o filosofica non sarebbe corretto…Ho abbastanza conoscenza della politica e della storia per sapere che il libero mercato rischia di finire in una situazione di monopolio se non si lavora per mantenerlo libero. Wikileaks è nato con lo scopo di rendere il capitalismo più libero e etico”.

Qualche mese prima, dopo aver pubblicato il video sulla strage degli americani in Iraq, dichiarò che lui “ama demolire i bastardi”. Oltre al video sull’Iraq, Wikileaks sarebbe in possesso anche di un video di una strage (circa 200 morti civili) avvenuta in Afghanistan un anno fa, e i cui colpevoli sarebbero anche in questo caso gli americani. Questi video, uniti ai documenti che provano la falsità dei diplomatici statunitensi, che in pubblico dicono una cosa e in privato l’esatto opposto, danneggiano senza dubbio quel poco di reputazione che è rimasta degli Stati Uniti nel mondo. Non per niente ricordo che alcuni fra i primi siti che lessi dove si sosteneva l’idea che Wikileaks fosse “un complotto”, erano dei siti dell’esercito americano, dove il militarismo è una religione, e dove ci si lamentava che Wikileaks danneggiava l’immagine dell’esercito mostrando i video delle loro stragi. Non erano le stragi da loro fatte che danneggiava “l’immagine dell’esercito”: no, era chi mostrava i video di quelle stragi a danneggiarli.

“La pseudo-progressista organizzazione Reporters Sans Frontières ha attaccato Assange per aver messo in pericolo le vite di innocenti agenti segreti Statunitensi che operano in Afghanistan. Nonostante la terminologia ‘sinistrorsa’, RSF è un’organizzazione privata che riceve fondi da fonti del governo USA che hanno l’obiettivo di destabilizzare Cuba. L’organizzazione ha dei collegamenti con gli emigranti cubani che vivono a Miami”.

Anche Anna Ardin ha avuto collegamenti con le organizzazioni (legate alla Cia) che mirano a destabilizzare Cuba. Ora, sappiamo che Robert Menard, il segretario generale di ‘Reporters Senza FrontierÈ, ha dichiarato che i principali finanziatori dell’organizzazione sono gruppi legati alla politica estera americana, fra cui l’USAID, il ‘Center for Free Cuba’ (di cui faceva parte Otto Reich, un diplomatico dell’amministrazione Bush Jr. che fu costretto a dimettersi quando venne allo scoperto il suo ruolo nel tentato colpo di stato contro il Venezuela di Hugo Chavez, nel 2002), e dulcis in fundo, dalla NED, la famigerata ‘National Endowment for Democracy’, che tutti noi conosciamo per il suo ruolo nel tentato colpo di stato contro l’Iran avvenuto un anno fa.

Ma continuiamo con l’analisi che Shamir fa di una delle accusatrici di Assange, Anna Ardin:

In aggiunta al suo curriculum anti-Castro e pro-Cia, Anna Ardin a quanto pare si diletta nel suo sport preferito, il male-bashing [pestaggio anti-maschile, ndr][*]. Un forum Svedese riporta che la donna è un’esperta in molestie sessuali e nelle “principali tecniche maschili di soppressione”. Una volta, mentre teneva una lezione, uno studente maschio del pubblico guardò i suoi appunti invece che lei. Anna Ardin lo denunciò per molestie sessuali perché lui la discriminò in quanto donna e perché, sostenne la Ardin, fece uso delle “principali tecniche maschili di soppressione” nel tentativo di farla sentire invisibile. Quando lo studente venne a sapere del reclamo della donna, la contattò per scusarsi e spiegarsi. La risposta di Anna Ardin fu un’altro reclamo per molestie sessuali, ancora una volta perché il ragazzo stava usando “le principali tecniche di soppressione”, questa volta per sminuire i suoi sentimenti.

Ci sarebbe da ridere se queste cretine non avessero dietro uno stuolo di cagnolini maschi, degli autentici castrati mentali, che scodinzolano gioiosamente ogni qual volta queste mentecatte vomitano le loro ridicole teorie femministe. Il femminismo va catalogato fra i disturbi psichici gravi, e invece di permettere loro di tenere “conferenze” nelle università, le femministe andrebbero rinchiuse in una casa di cura (di quelle belle attrezzate), assieme a quei castrati mentali di “intellettuali” maschi che con i loro viscidi e untuosi azzerbinamenti danno credito alle loro vaginate.

Oltre alla Ardin, l’altra donna che ha accusato di stupro Assange si chiama Sofia Wilen. Le due sono amiche, come ci racconta Shamir:

La seconda accusatrice, Sofia Wilen, 26 anni, è amica di Anna. Qui si può vedere un video di una conferenza di Assange dove le due stanno insieme. Quelli presenti alla conferenza erano meravigliati dal comportamento “da groupie” della ragazza. Anche se le rockstars sono abituate alle ragazze che vogliono fare sesso con loro, la cosa è molto meno comune nel duro campo del giornalismo politico. Sofia si è data molto da fare per portarsi a letto Assange, secondo la sua stessa confessione; ed è stata anche la prima ad andare dalla polizia. La ragazza è poco conosciuta e i suoi motivi sono vaghi. perché una giovane donna (che condivide la sua vita con l’artista americano Seth Benson) dovrebbe perseguire una così ignobile avventura politica?

Continua Shamir:

Il brillante scrittore Israeliano Gilad Atzmon descrive, nel suo divertente romanzo ‘My One and Only LovÈ, come i servizi segreti utilizzano giovani donne come esche per delle trappole. È questo uno di quei casi ? O forse altro non è che un esempio di ‘gold digging’ [Ndr. cioè lo scopo sarebbe solo quello di ottenere soldi da Assange]. Le nuove leggi, in Svezia e in tutta Europa, hanno reso gli uomini estremamente vulnerabili a questa sorta di truffa a scopo di estorsione. Una giovane donna svedese (il nome non è stato reso pubblico), di 26 anni, ha con successo vinto un milione di dollari nel corso di una vacanza in Grecia, come riportato dal Daily Telegraph. La donna disse di essere stata stuprata. Quattro uomini furono arrestati, i loro nomi resi pubblici, e i loro lavori messi in pericolo. Lei è tornata a casa milionaria, con la sua sacra identità al sicuro. Il suo successo porta all’emulazione: secondo un rapporto dell’Unione Europea, la Svezia ha venti volte più denunce di stupro addirittura dei focosi Italiani. La maggior parte vengono subito accantonate, giustamente.

In attesa di ulteriori sviluppi Assange si è consegnato alla polizia londinese chiedendo d ottenendo la libertà su cauzione pronto a continuare le indagini sui collegamenti tra le due ragazze che lo hanno denunciato.

Note

[*] Nei blog americani circola la supposizione che la Ardin sia lesbica, il che darebbe ancora più forza ai sospetti sul ruolo della Cia: perché una femminista lesbica dovrebbe andare a letto con un uomo eterosessuale, se non per “altri motivi” che non siano quelli “tradizionali”?

Israel Shamir, scrittore e giornalista israeliano di origine russa, vive a Jaffa. Le sue posizioni politiche sono mal sopportate a Gerusalemme: è favorevole al ritorno dei profughi palestinesi. Lo ha scritto e lo ha detto e il giornale progressista dove lavorava - Ha'aretz - lo ha licenziato.