La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Passavo di lì »

Ma perché tacciono i socialisti che sul quotidiano diretto dal faccendiere latitante scrivevano i loro inni a Forza Italia? I silenzi di Cicchitto, Sacconi e Brunetta. Si rivoltano nella tomba Nenni, Lombardi e Pertini: la loro rivoluzione finita in un lupanare

Povero “Avanti!”, ucciso dal quaquaraquà Lavitola: da giornale della speranza a foglio di ricatti di chi aiutava Tarantini a portare le ragazze al Cavaliere

08-09-2011

di

AvantiLo confesso. Nel 1969, ottenuta la maturità, e per guadagnare qualche soldo che mi permettesse un po’ di indipendenza, accettai di andare a lavorare presso la redazione torinese dell’”Avanti!”. Le mie simpatie politiche erano decisamente più a sinistra – il Sessantotto era scoppiato l’anno prima -, ma volevo lavorare e mi piaceva scrivere.

Ed era pur sempre il giornale diretto alla sua fondazione da Leonida Bissolati, e poi, a parte la parentesi mussoliniana (1912-1914), da personaggi come Nenni, Lombardi, Pertini o Ghirelli. Ma che ora il suo direttore sia il signor Lavitola ha dell’incredibile. C’era sì stata la parentesi craxiana e del suo Ghino di Tacco, ma mai, credo, qualcuno avrebbe pensato che potesse finire nelle mani di un personaggio simile, accusato di far coppia con quel Tarantini che veniva finanziato da un presidente del Consiglio munificente e benefattore di protettori, puttane e papponi.

Pertini, Bissolati o Nenni si rivolteranno sicuramente nella tomba. Più qualcun altro che ha ancora i piedi su questa terra, come il sottoscritto. Ma i socialisti, o presunti tali, che dicono?

Mussolini, Craxi, Lavitola, tre “socialisti” che hanno assassinato l’Avanti!

di Ippolito Mauri

Chissà in quale tropico sta trafficando Valter Lavitola direttore e proprietario dell’Avanti. L’ultimo scoop un anno fa nel paradiso (fiscale) di Santa Lucia. Con l’idealismo di un giovane reporter indagava sulla casa a Montecarlo del cognato di Fini. E il trionfo corre nei fogli devoti al Cavaliere. Lavitola orgoglioso con un pavone spalanca il titolo, nove colonne, prima pagina, caratteri rossi nel rispetto della tradizione socialista, per annunciare la truffa alla quale non credono i giudici romani. Se l’ordine dei giornalisti non sopporta che la professione dell’informare venga confusa con la professione del ricattare, trafficare armi e intrighi da faccendiere, certi protagonisti politici cresciuti nel socialismo dell’”Avanti!”, mantengono il silenzio della vergogna. Nessun rimpianto per l’agonia morale del giornale attorno al quale era cresciuta la loro vocazione del servire il popolo.

E dopo 105 anni di vita travagliata, la storia dell’”Avanti!” finisce nelle immondizie. Distrutto dalle battaglie che pretendevano dignità al lavoro della gente senza nome, dalla persecuzioni di governi autoritari, soprattutto dal decisionismo di due uomini forti e un quaquaraquà, responsabili in modo diverso dell’agonia del giornale nato per coordinare la speranza. Mussolini e Craxi hanno diretto e cancellato “Avanti!”. Parabole lontane eppure il risultato non cambia. Mussolini fa bruciare la redazione dalle camice nere e lo chiude “per sempre “appena va al governo. Craxi lo trascina al fallimento nel braccio di ferro disperato coi magistrati di Mani Pulite. Villetti è il direttore che si dimette: non ne sopporta l’uso personale. E i lettori spariscono.

Muore nel ’94, rinasce nel ’96, lo compra un certo Lavitola che subito chiude per riaprire nel 2003. Di socialismo neanche l’ombra. Le bandiere di Forza Italia fanno capire chi ha pagato la rinascita: Cicchitto, Paolo Guzzanti (vice direttore del Giornale), Brunetta, fedelissima Boniver. L’editore occulto candida Lavitola nella circoscrizione Sud: primo dei non eletti. Avrebbe gestito Tarantini da Montecitorio. Adesso il silenzio dei colpevoli. Tace Brunetta, cresciuto all’ombra di un De Michelis dal cuore d’oro. Lo raccomandava per ogni commissione concorsi e appalti: “Poareto, ghe do una man”.

Tace Sacconi deputato socialista a 29 anni. Sottosegretario nella prima e seconda repubblica, ministro del lavoro e della salute mentre la moglie dirige Farmitalia, associazione che promuove legittimamente gli interessi degli industriali farmaceutici. Qualcuno brontola per il conflitto di interessi. E la Salute passa a Fazio. Tace Fabrizio Cicchitto, colonna inquieta dell’ Avanti ! di Gaetano Arfé, partigiano che si era formato alla scuola di Benedetto Croce e Federico Chabot. Non sa come moderare il radicalismo del giovanotto scatenato negli articoli contro il governo Craxi. “I rischi delle privatizzazioni sono tutte in piedi. Gli squali più grossi sono in attesa…”.

I padri del socialismo fine ‘900 riponevano grandi speranze nei riccioli dell’enfant rouge: “Non colto, ma bene informato. Legge più riviste che libri. Formazione marxista rigorosa con tendenza al leninismio. Viene dalla Cgil di Santi dove ha imparato a dialogare strutturalmente col Pci entusiasmando i ragazzi “che non sopportavano la deriva a destra del partito. Ne diventa la voce fino a quando spunta nella P2, gomito a gomito col Cavaliere. Negli ultimi mesi è troppo impegnato in tv per accorgersi dove rotola quel “suo “giornale che ha accompagnato la storia del socialismo italiano. E adesso non parla: cosa potrebbe dire?

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.
 

Commenti

  1. Mauro Matteucci

    Questa è l’Italia che ci siamo ritrovati in barba a tanti socialisti che caddero per nobilissimi ideali oggi infangati da personaggi squallidissimi!

  2. Giuliano Lorenzetti

    A ben guardare la scomparsa del partito socialista, del suo giornale ‘L’Avanti’, di 18 anni di teatrino della politica con Berlusconi incantatore di serpenti e la sua cricca dedita agli affari e alla corruzione, per finire ai Tarantini, ai Lavitola ecc. fanno parte di una precisa eredità: quella di un latitante dal nome Bettino Craxi.