La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Liquido Specchio »

Ragazze, Ragazzi

26-05-2009

di

Della mia generazione (1976), quelli che sento più estranei alla mia pelle sono i tristi. Sarà perché non mi rassegno ad essere parte dell’Italia del risentimento. Sarà perché sono migrante, avendo sparso infanzia e giovinezza nelle Americhe. Migrante privilegiata, d’accordo, ma pur sempre crisalide costretta ad uscire rapidamente dal bozzolo, in contesti multiculturali e plurilinguistici radicalmente diversi, che irridono agli stereotipi sugli Italians, in situazioni non tanto di crisi economica quanto di sacche enormi di povertà estrema, di illegalità diffusa e di conflitti armati.

Ed ora sono doppiamente migrante. Di ritorno, ho trovato un’altra Italia, totalmente diversa da quella che avevo lasciato. In penombra, dicono alcuni. Arcipelago incomunicante per i giovani, sbigottite crisalidi.

Incontriamoci, migranti della nostra età, sopravvissuti a tutti i gironi scolastici del regno della Gelmini, dall’asilo nido agli studi postuniversitari, anche in questa piccola rubrica. Condividendo scoperte, pensieri, emozioni, dilemmi e scelte. Lucidi fino alla crudeltà. Con autoironia, che è segno di autostima, talento signorile, disarmo culturale.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/05. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Specialista in cooperazione internazionale. Autrice di "Romanzo di frontiera" (Albatros, Roma 2011), magia e realtá delle donne latinoamericane alla frontiera Messico-USA; "In Amazzonia" (Milano, Feltrinelli, 2006); "La Ternura y el Poder" (Quito, Abya Yala, 2006); "Una canoa sul rio delle Amazzoni: conflitti, etnosviluppo e globalizzazione nell'Amazzonia peruviana" (Gabrielli Editore, Verona, 2002); co-autrice di "Prove di futuro" (Migrantes, Vicenza, 2010).
 

Commenti

  1. Francesca

    Ciao Azzurra, ho letto alcuni dei tuoi articoli (arrivata per caso a questo sito tramite un commento di Doriana Goracci…): complimenti. Ho la tua stessa età e accolgo volentieri il tuo invito ad incontrarci all\’interno di questa bella rubrica.
    Ciao, e buon lavoro