La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Inchieste » Quali riforme? »

Riforma elettorale: ma perché l’opposizione ha pasticciato con due progetti uno contrario all’altro, proporzionale e maggioritario?

12-09-2011

di

Alla fine tocca sempre a loro, ai cittadini, supplire alle inadempienze e alle incapacità dell’attuale classe politica. Lo fanno pagando i costi di un indebitamento pubblico di cui non hanno colpa, lo fanno scegliendo sindaci che non sono quelli imposti dall’alto, lo fanno chiedendo l’abrogazione di norme che i parlamentari fingono di non poter cambiare. È questo il caso del referendum sulla legge elettorale, depositato in gran fretta da un irriducibile Parisi, da un sempreverde Segni e da un Di Pietro che è riuscito, così, a scippare l’iniziativa al Pd. Il che suona paradossale, perché il Pd aveva rischiato, in giugno, di ritrovarsi in casa addirittura due referendum in materia elettorale: quello apripista del prof. Passigli, già senatore di area, che virava verso un sistema proporzionale, e quello reattivo di Veltroni, determinato a difendere il presunto bipolarismo della seconda repubblica. Portare avanti due referendum contrapposti avrebbe, naturalmente, significato il fallimento, ma questo non comportava ritirarli entrambi. Tanto meno ritirarli in nome di presunte iniziative parlamentari, che certo non mancano, ma che sono spesso depositate da questo o quel politico con la consapevolezza che non arriveranno mai all’approvazione. In altre parole, i fatti dimostrano che le liste bloccate non dispiacciono a nessun partito e “il vorrei ma non posso” è ormai una stanca litania dietro la quale anche l’opposizione si è accomodata.

E i cittadini che c’entrano? Il referendum abrogativo è rimasto per loro l’ultima possibilità di cambiare le regole elettorali in tempo per la scadenza del 2013: o si raccolgono 500.000 firme entro il 30 settembre o non ci saranno più i tempi tecnici per evitare che anche il prossimo sia un Parlamento di nominati.

Sappiamo bene che la legge elettorale che uscirà dal referendum non è la migliore possibile, ma non è il momento dei sogni e qualunque soluzione, al momento, è preferibile al Porcellum. Persino il Mattarellum, che, pure, ha la colpa di avere estremizzato la frammentazione partitica creando maggioranze di governo solo numeriche, e che, contrariamente a quanto si dice, non ha neppure il merito di aver introdotto il bipolarismo in Italia. Va detto chiaro, infatti, che l’alternanza tra due poli non è un’esclusiva né del sistema proporzionale né di quello maggioritario, tanto che nelle principali democrazie occidentali convive efficacemente ora con l’uno, ora con l’altro sistema.

Si tranquillizzino, dunque, i sostenitori del maggioritario: molti di quelli che sostengono l’attuale referendum sono per una legge elettorale di impronta maggioritaria, purché a doppio turno (visti i disastri provocati dal monoturno – e non dalla quota proporzionale – nel Mattarellum). Ma quelli stessi sostenitori sanno anche che impiccarsi ad una formula non porta da nessuna parte, come da anni predica inascoltato lo spigoloso professor Sartori. Se è vero che una riforma maggioritaria a doppio turno richiederebbe anche una riforma del sistema parlamentare in direzione semipresidenziale, sul modello francese, davvero è pensabile che una classe politica incapace di approvare una semplice legge ordinaria, come è quella elettorale, possa sostenere il percorso di una riforma costituzionale?

Meglio stare, allora, con i piedi per terra. I sistemi proporzionali non sono il male assoluto, anzi. In molti Paesi garantiscono non solo il bipolarismo, ma anche governi che decidono. Tutto dipende dal tipo di sistema proporzionale che si adotta, dai correttivi tecnici che, come in Germania, possono fare la differenza. L’importante è che, con la scusa di non poter fare meglio, non ci si rassegni al peggio, con l’immobilismo totale.

Paola Caporossi, ricercatrice e analista del rischio, nel 2007 partecipò alla fase costituente del PD. Attualmente è direttrice e vicepresidente di “Fondazione Etica”, nata nel 2008 grazie al sostegno, tra gli altri, del banchiere Giovanni Bazoli (presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa San Paolo), vede tra i membri del proprio comitato scientifico il professor Valerio Onida, presidente emerito della Corte Costituzionale.
 

Commenti

  1. Lorenzo

    Dal momento che il doppio turno non ce lo possiamo permettere,ritorniamo al proporzionale, magari con sbarramento alla tedesca.