La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Visioni »

Guardie carcerarie al posto delle badanti, città e campagne paralizzate e isteriche nel film di Francesco Patierno, "Cose dell'altro mondo". Al cinema a Vicenza ad ascoltare il brontolio degli spettatori seccati con Diego Abatantuono, Valerio Mastandrea, Valentina Lodovini, Renato Nuvoletti e Sandra Collodel

Se gli emigranti stranieri un bel mattino non ci sono più, il Veneto delle fabbrichette come fa a tirare avanti?

07-09-2011

di

Cose dell'altro mondoLa trama di “Cose dell’altro mondo”, è centrata sul processo introspettivo e collettivo di una cittadina veneta (riconoscibile il centro di Bassano, provincia di Vicenza), all’accadere qualcosa di surreale: la scomparsa dei migranti, d’un colpo, in una notte di temporali: 90 mila dalla regione, un milione dall’Italia, recita il film. In realtà, le cifre sottovalutano il fenomeno di una migrazione consolidata da oltre 25 anni. Sono 95 mila i migranti solo nella provincia di Vicenza, di cui 25 mila minorenni che vanno a scuola. Cosa succederebbe se svanissero all’improvviso? Sarebbe il Veneto lo stesso Veneto? Saremmo “noi” gli stessi “noi”?

Al cinema col timore di riconoscere i nostri limiti

C’è aspettativa nel cinema “Roma” di Vicenza. Sala zeppa di adulti, i ragazzini amano le emozioni chiassose dei film d’azione. Gli adulti non sgranocchiano pop-corn, però scaricano la tensione parlottando. “Mah, vediamo. Abatantuono che fa il veneto!”; “Se è razzista verso di noi, lo si capirà subito”; “Cosa vuoi che sappiano dire in veneto, degli attori romani!”. Il pubblico è pronto ad essere ferito nell’amor proprio. Ci si abitua più facilmente a generalizzare rispetto ad essere “descritti” da un film presentato al Festival di Venezia e ritenuto di interesse generale da parte del Ministero dei Beni Culturali. “A speriamo ben”, sussurra la mia vicina, capelli laccati, mani intrecciate e pesantissimi orecchini d’oro, appena le luci si spengono. L’idea base di “Cose dell’altro mondo” riprende “A day without Mexicans” (“Un giorno senza messicani”), di Sergio Arau (2004), che descrive lo scenario satirico-catastrofico di una California abbandonata dai lavoratori messicani. Nel 1924 fu la volta di “The City Without Jews” (“La città senza ebrei”), di H.B. Breslauer, basato sul libro di Hugo Bettauer. Entrambe le opere sono una risposta allegorica al razzismo anti-chicanos e all’antisemitismo.

Nel film ambientato in Veneto, il telegiornale sentenzia che, con la scomparsa dei migranti “si è fermato tutto il Veneto”. Poco a poco, gli stereotipi razzisti dei quali in tanti si riempivano la bocca, si affievoliscono nella malinconia. I migranti non sono solo lavoratori (sottopagati), ma anche colleghi, compagni, amori. Geniali le scene che rendono indiretto tributo al lavoro delle collaboratrici familiari: scomparse anche loro, gli anziani non autosufficienti vagano per la piazza privi di cura e tenerezza. Così, la cittadina simbolicamente “si perde”, si frammenta, si lascia andare ad una inerzia controbilanciata da compensazioni dei servizi in stile burocratico-militare che ricordano lo stile di vita dei terremotati. Molto toccante la scena delle “badanti” sostituite dalle guardie carcerarie che servono pasti in lunghe file. L’importanza fondamentale delle collaboratrici familiari permea tutti i ritratti familiari del film. Peccato che non si sia approfondito ulteriormente il tema: non sono solo “dolci”. Sono tante (9 mila solo nella provincia di Vicenza) e preparate: donne caratterizzate da alta qualificazione, conoscenza di varie lingue, preparazione tecnica notevole e una sensibilità psicologica sconosciuta a tanti parenti italiani.

Sottovalutare l’Altro per disumanizzarlo

Riconosciamo i paesaggi veneti delle periferie: campagne e capannoni industriali fra una ricca cittadina e l’altra, avvolti nella nebbiolina. Lontano dal potere culturale e nel cuore dell’economia locale, i lavoratori stranieri moltiplicano la ricchezza della regione, una potenza economica le cui esportazioni superano quelle nazionali della Grecia. Ma i lavoratori stranieri sono invisibili nei luoghi di ritrovo del centrocittà, e nei discorsi sull’identità collettiva veneta. La grande abilità del film risiede nel puntare i riflettori sull’universale, italiana e veneta tendenza a dare per scontato l’Altro. Questo distacco è alla radice dell’ostilità, perché disumanizza gli stranieri, per poi renderli perfetti capri espriatori di una violenza verbale che associa pedagogicamente i “nemici” a perversioni varie (“zingari ladri, fondamentalisti islamici, fancazzisti albanesi, prostitute nigeriane: prendete il cammello e andate a casa!”). A questo proposito, il fatto che i protagonisti stranieri siano più una presenza emotiva che degli interlocutori reali, è funzionale al senso del film. Si tratta appunto di guardare con la lente d’ingrandimento alcuni “nostri” limiti.

Mediocrità maschili e diritto alla tenerezza

Dell’ottimo cast risaltano gli straordinari Diego Abatantuono e Valerio Mastandrea, motori dell’ironia e dell’umanità della trama. Entrambi rappresentano opposte “mascolinità” italiane, che giocano sul doppio filo della mediocrità (negata o ammessa) e della tenerezza (nascosta o riconquistata). Nel film queste due mascolinità sono esuberanti rispetto ai personaggi femminili. Questi ultimi sono più numerosi ma più discreti, più sagaci e aperti rispetto alla multiculturalità. Non si sentono “minacciati dagli stranieri”, forse perché non si trovano a difendere illusioni di monopoli: sul corpo dell’amato, sul patrimonio di famiglia, sul territorio degli avi. Questo distacco dal possesso tout court li rende meno rigidi e aggressivi dei personaggi maschili. Ad eccezione, certo, della turpe moglie veneta del protagonista.

Quella del personaggio di Abatantuono, l’imprenditore e produttore televisivo Mariso Golfetto, è una mascolinità spaccona, donnaiola, maschilista: ha bisogno di dominare in pubblico perché castrato e malsopportato nel privato. Abatantuono interpreta magistralmente l’imprenditore “padrone” che passa in rassegna il lavoro compiuto da Altri (i lavoratori stranieri), anche se tutto lui lo percepisce come “mio” (il lavoro e i lavoratori). E´ irresistibile quando si trastulla con spade, fucili e armi di ogni tipo, chiaro simbolo dell’ossessione fallica. Nella sua cosmovisione, esiste una gerarchia di “padroni”, dove il capitalismo si mescola al religioso: lui si dichiara “portavoce del Paròn”, ossia di Dio. La ricchezza lo ha spogliato di ogni umiltà, e con fare gradasso, racconta il suo sfruttare i lavoratori immigrati come uno spirituale “fare beneficenza”. Marito e padre fallito, nasconde il diritto all’affetto in grande segreto.

Un monologo cavernicolo, inno all’ipocrisia di chi si arricchisce sulla pelle degli altri

Nel celebre monologo di “maledizione” nei confronti dei migranti, presunti colpevoli di alterare il tessuto sociale, rendere i punti di riferimento culturali da assoluti a relativi, moltiplicare le lingue e i menu per le strade, o addirittura designati come “criminali” e propensi all’ozio, il riferimento indiretto alla Lega Nord più Borgheziana è evidente. Si tratta però di un capriccio della sceneggiatura, una tentazione alla quale il film sa resistere. Immediatamente ci si ricorda dell’attuale scandalo della Mastrotto Group, una multinazionale del settore conciario con sede ad Arzignano (25 mila abitanti in provincia di Vicenza): 800 dipendenti irregolari, 1.3 miliardi di fatturato non dichiarato, per una evasione di 106 milioni al Fisco. I riflettori dell’intolleranza puntano solo sull’ “illegalità” degli Altri, pesciolini rispetto ai nostro sistema-squalo.

Universo veneto che si trasforma continuamente

“Cose dell’altro mondo”, non è un documentario politico sul leghismo zotico, bensì un racconto grottesco e magico delle domande che ci poniamo nei confronti dell’Altro, e dei sentimenti che questi ci suscita. Infatti, si cita l’analogia fra l’avversità nei confronti dei meridionali (nel passato) e quella verso gli stranieri (oggigiorno). Ottima anche l’analisi di come gli studenti delle elementari già si esercitino nel ripetere gli stereotipi razzisti uditi in famiglia (“lo dice mia mamma”). L’istituzione scuola non viene mostrata come in grado di gestire le sfide dell’interculturalità in classe, eppure il personaggio della maestra, interpretato da Valentina Lodovini, è sensibile e raffinato, e accompagna gli studenti nel processo di “riconoscimento” del compagno e della compagna assente.

Questo contrasto fra l’impreparazione delle istituzioni e lo sforzo dei singoli individui (nel campo della salute, dell’educazione, dei servizi sociali) per educarci alla convivenza, rispecchia correttamente “l’universo Veneto”. Né mito, né lager per gli immigrati. Bensì un terreno di sperimentazioni contraddittorie, dove fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. Nella seconda parte del film, quando l’introspezione dei personaggi matura, è il segreto amoroso dell’imprenditore, l’unico stimolo capace di strappargli una lacrima e di relativizzare tutto ciò a cui prima teneva: il potere materiale, e il suo gemello, il potere sugli altri.

Il perdente che sa proteggere

La mascolinità del personaggio di Mastandrea, il poliziotto Ariele Verderame, è meno tragicomica e più realista. In vacanza nel Veneto, entra in crisi fra la madre anziana con l’Alzheimer e l’ex-fidanzata, felicemente incinta dell’amore africano. Rifiutato da entrambe, incapace di comunicare se non usando metodi polizieschi che lo rassicurano nella sua virilità, Mastandrea interpreta un personaggio commuovente, privo di risposte per la sua vita ma che acquista coraggio, nel tempo, come un ragazzino che cresce se rassicurato. E´ il perdente che sa proteggere, il superficiale che improvvisa un xenofobia gelosa, ma che detesta il razzismo e lo punisce (ottimo anche l’interprete del “paramilitare locale”, un hooligan glaciale). Il sottovalutare l’Altro, in questo caso la donna o l’uomo nella relazione affettiva, come primo passo verso l’incomunicabilità. Solo l’accettazione trasforma l’asprezza in ironia.

Risate feroci e imbarazzate

Il film punta l’indice sulla narrazione banale e irriconoscente dell’etnocentrismo localista, che proclama “noi lavoriamo, gli Altri no”. Si toglie il cappello davanti ai cittadini immigrati, che costruiscono con noi la quotidianità dell’Italia produttiva, dell’Italia che ama e dell’Italia che si prende cura dei più deboli. Il lavoro silenzioso della Chiesa cattolica per proteggere i diritti degli immigrati clandestini è evidenziato nel cameo del prete, una figura più sociale che religiosa. La sceneggiatura è spumeggiante e si ride con ferocia e imbarazzo. Solo il cinema può provocare certe catarsi collettive. Una grande commedia, speziata anche dall’anima dialettale, che si impossessa dello humour, della quotidianità e del “discorso chiaro” (sempre emotivo), rispetto all’italiano, lingua franca ma distante. Cosa sono le “cose dell’altro mondo”? Il fatto che “gli stranieri” spariscano? O che, sentendoci persi senza di loro, ci riconosciamo interdipendenti?

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/10. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Specialista in cooperazione internazionale. Autrice di "Romanzo di frontiera" (Albatros, Roma 2011), magia e realtá delle donne latinoamericane alla frontiera Messico-USA; "In Amazzonia" (Milano, Feltrinelli, 2006); "La Ternura y el Poder" (Quito, Abya Yala, 2006); "Una canoa sul rio delle Amazzoni: conflitti, etnosviluppo e globalizzazione nell'Amazzonia peruviana" (Gabrielli Editore, Verona, 2002); co-autrice di "Prove di futuro" (Migrantes, Vicenza, 2010).
 

Commenti

  1. Fabio

    Una recensione veramente ben fatta e…molto partecipata!

  2. Gianluigi Trentin

    A mio giudizio, l’ottimo articolo coglie in pieno il senso del film, che oscillando tra il grottesco e il magico, lascia trasparire attraverso le nebbioline dell’ex florido e secessionista Nordest,interrogativi e vuoti interiori. Nel Veneto l’immigrazione è presente da 25 anni, non ha certo il carattere di emergenza nè pone il problema della prima accoglienza. Qui la immigrazione è strutturale, parte integrante del tessuto sociale e linfa dell’economia.Gli stessi dati pubblici dimostrano che esiste un alto grado di interazione, anche se gli stereotipi dei media continuano a diffondere solo le volgarità di qualche isolato personaggio, che pur esiste, evasore fiscale dalla grande fragilità umana e dall’inconsistenza intellettuale.Come esiste anche il contraddittorio personaggio interpretato magistralmemnte da Mastrandrea. Ma il film mette in risalto soprattutto che la complessità e l’interdipendenza ci attraversano, che passano dentro di noi, che non ci sono formule semplicistiche. Che abbiamo tutti bisogno di “bruciare la vecchia”, cioè la zavorra dei pregiudizi,sperando che i bambini e le nuove generazioni sappiano, almeno loro,ritrovare la magia interiore per una società più giusta, con maggiore speranza e anche più allegra dell’attuale.

  3. Valeria

    Finalmente un articolo profondo su questo film. Dopo tante strumentalizzazioni politiche. Io l’ho visto e ho provato tante emozioni diverse, e non ci sono in giro molti film che riescano a provocarle. I veneti hanno le stesse debolezze di tutti, la xenofobia é diffusa in ogni societá, con capri espriatori diversi. E´importante affrontare questi limiti, attraverso l’arte, un vero strumento di introspezione collettiva, come dice l’articolo. Guardiamoci: possiamo solo migliorare! Bel film e ancora piú bello l’articolo, che offre notevoli chiavi di lettura. Valeria, dal profondo Veneto che vuole crescere.

  4. Mauro Matteucci

    Perché nessuno ha ancora pensato di fare un monumento alla badante in qualche piazza di una città italiana? Sarebbe il minimo ringraziamento per chi accudisce i nostri vecchi, che spesso rifiutiamo.

  5. Marco Ferraro

    Potrei definirmi un imprenditore del Nord Est. Ma visto il film credo di salvarmi. Inutili le falsi ipocrisie, il Veneto è questo come bene viene descritto in questo articolo anche se forse non è proprio tutto così per fortuna. Ma non si dimentichi che veniamo dalla Fame e che abbiamo fatto un vero Miracolo per dove siamo arrivati, ora è fare in modo che i molti falsi Imprenditori non distruggano i sacrifici dei tanti nostri padri.