La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Cosa Leggere »

Se i messaggi in bottiglia galleggiano nel computer

05-07-2010

di

SUSO DE TORO, UOMO SENZA NOME, trad. di F. Angelli, Gran Vía

Un libro bellissimo e terribile da parte di uno dei più noti giornalisti e scrittori galiziani. Suso de Toro (Santiago de Compostela, 1956), racconta infatti, attraverso ricordi – e tanti incubi – il passato di un vecchio malato terminale inchiodato in un letto di ospedale. La sua è stata una vita dedicata al Male: quello vero, fatto di torture e assassinii, di violenze e di comportamenti atroci. A Berlino, con l’avvento del nazismo, in Spagna con la feroce repressione scatenata dai franchisti durante e dopo la Guerra Civile, e infine nel corso dell’assedio di Stalingrado. Una serie di terribili flash-back senza ripensamenti e senza pentimenti. Lo sconvolgente diario di un boia. O, come ha annotato l’autore: “un teatro d’ombre in cui si rappresenta una sorta di dramma religioso, una specie di atto sacramentale”. Imperdibile.

GIULIA FRESCA, SOGNATORE DI ALGORITMI, Luigi Pellegrini editore

L’espediente letterario di trovare un manoscritto in una bottiglia, o un diario dentro un cassettone, o un pacco di lettere impolverate legate con un nastrino è vecchio come il mondo (della letteratura). In questo caso Giulia Fresca – giovane calabro-lucana ingegnere per professione, giornalista per piacere e scrittrice per passione – adatta questo gioco letterario alla nostra epoca elettronica e s’inventa il ritrovamento – in un futuro prossimo, il 2035, per l’esattezza – di un “vecchio” cd-rom con al suo interno un diario fatto di e-mail, allegati e via digitando. Sono parole, pensieri, impressioni, confessioni, sensazioni. Un contenitore pressoché infinito in cui l’autrice fonde politica, desideri, poesia, storia, cronaca, memoria personale e altrui. Forse la carne messa sul fuoco è un po’ troppa, ma l’impegno sicuramente ammirevole.

AA. VV., RACCONTI DI VENTO E DI MARE, a cura di G. Bertone, Einaudi

E cosa mai potrebbe dire il povero recensore di fronte a un libro come questo? Come si fa a non scrivere banalità davanti a una squadra di all-stars come Conrad, Stevenson, Pessoa, García Márquez, London, Melville, Kafka, Pavese, Montale o Conan Doyle (solo per citarne alcuni…)?

Un’impresa meritevole, quella del “commodoro” Giorgio Bertone, che ci regala in circa 600 pagine un assaggio – naufragi, misteri, scoperte, rotte, silenzi – di quella sterminata letteratura che ha il mare per protagonista. Aspettiamo il secondo volume.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/10. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.
 

Commenti

  1. Gregorio Viglialoro

    Di livello. Ottime trame e fruibilità argomentativa più che accattivante, sia per freschezza espressiva che per contenuto.

Libro Gratis