La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Donne »

La ragazza nuda che fa da tavolo in un bar di Vicenza è la rivelazione pubblica di un maschilismo segreto lontano dall’amore per la vita. Ma anche della filosofia mercantile sull’uso del proprio corpo. Sono tanti i modi di fare i magnaccia

Se il corpo femminile diventa un tramezzino

20-09-2010

di

Mia madre, che ha iniziato come autodidatta la fotografia a oltre 40 anni e che oggi, dopo 25 di artigianato puro, è una delle fotografe di arte contemporanea più stimate, fu amica discreta e ultima ritrattista di Meret Oppenheim, unica donna di spicco del movimento surrealista.

Il suo contributo all’immaginario trasgressivo del femminismo, nel 1959, ben prima delle drammatiche performances di Marina Abramovich, con la sua camminata/corsa in piena nudità verso  un uomo, fino a sanguinare entrambi nell’impatto violento dei corpi, fu la messa in scena di un banchetto nel quale la tavola imbandita era il suo corpo.

Su di sè, stesa immobile, aveva disposto cibo e bevande a cui si poteva attingere con le mani, una sorta di finger food party al quale parteciparono tre coppie.

Il senso che la Oppenheim voleva dare a questa irriverente proposta artistica era chiaro: il corpo delle donne è giunto ad essere talmente mercificato che può essere benissimo trasformato, all’occorrenza, in  un piano utile sul quale appoggiare cibo per mangiare. Questo, tanto per ricordarlo, lo affermava nel lontano 1959.

Altro che femminile nutrice e poetica, così come voleva la retorica sul materno idilliaco: uno strumento, puro e semplice, ci ricordava l’artista, che dall’uso sessuale a quello di supporto può tranquillamente e in modo versatile essere utilizzato.

Ho moltissimi dubbi sul fatto che i gestori e la giovane che si è prestata come tavolino del locale vicentino nel quale la ragazza è stata usata come appoggia-tramezzini conoscessero la storia del banchetto artistico della Oppenheim.

Forse pensavano che fosse fico, come si dice oggi in mancanza di sinonimi, piazzare una bella tosa in posizione orizzontale coperta solo da paninetti: che trovata geniale per attirare simpatici avventori, già avezzi ai bar topless e stanchi di cotanta banalità, si saranno detti.

Nella storia umana, circa dal 1400, nulla di nuovo si inventa più, lavorando infatti l’intelligenza umana al perfezionamento della tecnologia disponibile.

Sempre domandandosi di fondo come può, pur ammettendo il bisogno di denaro (ma ci sono sempre alternative, almeno qui e ora in Italia), una giovane donna pensare che sia solo un gioco leggero il prestarsi a fare da tavolino nuda con cibarie, l’altra domanda potrebbe essere questa: ci sarà mai fine al cattivo gusto e all’estetica pornografica della grettezza e della volgarità.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Monica Lanfranco è giornalista e formatrice sui temi della differenza di genere e sul conflitto. Ha fondato il trimestrale di cultura di genere MAREA. Ha collaborato con Radio Rai International, con il settimanale Carta, il quotidiano Liberazione, con Arcoiris Tv. Cura e conduce corsi di formazione per gruppi di donne strutturati (politici, sindacali, scolastici). Insegna Teoria e Tecnica dei nuovi media a Parma. Il suo primo libro è stato nel 1990 "Parole per giovani donne - 18 femministe parlano alle ragazze d'oggi". Nel 2003 ha scritto assieme a Maria G. Di Rienzo "Donne disarmanti - storie e testimonianze su nonviolenza e femminismi" e nel 2005 è uscito il volume "Senza Velo - donne nell’Islam contro l’integralismo". Nel 2007 ha prodotto e curato il film sulla vita e l’esperienza politica della senatrice Lidia Menapace dal titolo "Ci dichiariamo nipoti politici". Nel 2009 è uscito "Letteralmente femminista – perché è ancora necessario il movimento delle donne" (Edizioni Punto Rosso).