La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Cosa Leggere »

Se la cameriera ti spia mentre fai l’amore

14-06-2010

di

MARKUS ORTHS, LA CAMERIERA, trad. di R. Gado Wiener, Voland

“Al mattino Lynn – Linda Maria Zapatek – si alza, lava se stessa e poi le camere dell’albergo”. Fa le pulizie all’hotel Eden. E pulisce bene, a fondo, anche dove le altre cameriere non vedono. Lei non ha mai voglia di tornare a casa, da sola, e perciò si ferma più a lungo, pur se non le pagano gli straordinari. Ma vede anche cose che le altre non vedono. Perché ama curiosare tra gli oggetti degli ospiti – mutande, calzini, reggiseni -, e accarezzarli, annusarli, indossarli… Le piace cercare di indovinare chi sono queste persone, cosa fanno. E poi Lynn scopre che potrebbe anche nascondersi sotto i letti e da lì sotto, come in una bara, sentire i clienti arrivare, entrare in camera, sedersi sul letto, lavarsi, dormire, russare, fare l’amore… Un libro originale, inquietante, ma difficile da lasciare. Una storia di voyeurismo al femminile scritta dal pluripremiato Markus Orths (Viersen, 1969), considerato uno dei più interessanti autori di lingua tedesca.

FREDIANO SESSI, IL MIO NOME E’ ANNE FRANK, Einaudi Ragazzi

Curatore dell’edizione definitiva del “Diario” più famoso del mondo, studioso della Shoah, saggista e autore di romanzi come “Foibe rosse” e “Alba di nebbia”, Frediano Sessi (Mantova, 1949) ripercorre in questo breve libro la storia di Anne, della sua famiglia e dei clandestini – i van Pels – che vissero con loro l’auto-reclusione nell’’Alloggio segreto’: la vita quotidiana, le difficoltà, i brevi momenti di felicità, la vocazione della giovane scrittrice. Fino a quel 4 agosto del 1944, giorno del loro arresto da parte di Karl Josef Silberbauer , ufficiale delle SS di origine austriaca, in seguito alla denuncia di qualcuno il cui nome non sapremo mai. E poi il viaggio verso il campo di sterminio di Auschwitz, gli ultimi giorni a Bergen-Belsen e la morte di Anne malata di tifo, poco tempo prima che il campo venisse liberato dagli inglesi il 15 aprile 1945. Il racconto di una breve vita nota a tutti che qui, però, riacquista un’umanità sconosciuta, e senza mai cadere nel pietismo o nella banalità.

ROMANA PETRI, TI SPIEGO, Cavallo di Ferro

Dopo “Ovunque io sia”, potente saga famigliare ambientata nella Lisbona del secolo scorso, Romana Petri ci racconta ora di una ex-coppia, Mario e Cristina, ultrasessantenni, sposati per vent’anni e divorziati da quindici. Poi lui, per ragioni di lavoro, si trasferisce in Brasile, e da questo momento ha inizio tra i due un carteggio che sarà una sorta di viaggio a ritroso nel loro passato, nei loro sentimenti. Confessioni, accuse, ricordi, bugie ritornano a galla come cadaveri di affogati. E con loro anche un passato fatto di politica, di ideali, di utopie, di violenza. E ancora di bugie. Un libro sulla perdita dell’innocenza. Un libro scritto “per tentare di fare chiarezza su un periodo della storia” – della nostra storia – “che deve essere visto in modo più critico, più razionale”, ci ha detto l’autrice. Un libro dove sono le donne a vincere, perché loro sanno guardare in avanti. E perché sanno ancora commuoversi per un film a lieto fine.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.

Libro Gratis