La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Sarajevo »

Un libro di storia o un libro di cinema?

04-07-2009

Di Romanzo balcanico Sidran dice “è un libro nello stesso tempo mio e di Del Giudice”. L’opera è stata realizzata per le cure e la progettazione di Piero Del Giudice.

- L’impressione è di un libro di storia e di cinema che racconta la storia dell’ex Jugoslavia…

“È un libro di cinema, di letteratura, di costume, di Storia. Soprattutto è un libro per ristabilire una memoria dei fatti, per onorare i padri, le loro lotte e il loro sogno pluralista, egualitario. Se noi prendiamo film come Papà in viaggio d’affari, è evidente il nesso politico e storico: siamo alla fine degli anni Quaranta, Tito ha capito che la Jugoslavia deve trovare una propria strada, organizza il lento distacco dall’Urss, c’è scontro nel partito, c’è Goli Otok. Il film evoca un momento della storia vista dagli occhi di un ragazzo e scandita dalle domande rivolte alla madre. Quando la tensione politica cresce, il padre sparisce chissà dove. Forse in prigione.” Perché papa non torna a casa ? “, bambino inquieto. ” E’ in viaggio d’affari “, la risposta della madre.
Ma anche in sceneggiature e films “normali”, che si riferiscono agli anni della “normalità” come Kuduz e Praznik u Sarajevu, c’è un ovvio riferimento alla società, ai costumi, ai modi di vivere di quegli anni.
È la Jugoslavia normale, dove può accadere un delitto passionale come in Kuduz, dove c’è un certo tipo di emigrazione come in Praznik u Sarajevu, dentro un periodo di grandi riforme – sanità, scuola, diritto familiare – e quando la Jugoslavia è un paese leader nel mondo, per la pace.
Quando tutti avevano il passaporto e non c’era bisogno di nessun visto per nessun paese europeo, a parte la Spagna franchista.”

- E’ allora un libro sulla jugonostalgia?


“Un po’ sì, ma non del socialismo reale. Nel libro vi sono alcune poesie di Sidran proprio su questo “sentimento” della jugonostalgia. Per il poeta è un “sentimento” per me è il ricordo di una società che tentava di essere più giusta, dove i bisogni primari erano assolti dallo Stato, dove c’erano certamente dei privilegi e dunque dei soprusi, ma non come nella macchina corrotta e criminale di certe società capitaliste.

Libro Gratis