La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Piccoli editori » Terre di mezzo »

Una scommessa nata per strada

22-01-2010

di

Terre di mezzo Editore è nato nel 1994 a Milano come una scommessa: una rivista mensile venduto in strada da persone in difficoltà, scritto da giornalisti professionisti interessati a temi che sulla stampa tradizionale non trovano quasi mai il giusto spazio: dalla povertà alla società multiculturale, dallo sviluppo sostenibile al consumo critico ai rapporti fra Nord e Sud del mondo.

Nel 1996 vengono pubblicati i primi libri e, visto che la produzione editoriale continua a crescere, nel 2005 Terre di mezzo diventa un editore di libri a tutti gli effetti, con un catalogo che conta tra le 30 e le 35 novità ogni anno e distribuzione nazionale nelle librerie italiane, nelle botteghe del commercio equo e, ovviamente, in strada.

Negli anni i libri si strutturano vere e proprie collane, che affrontano i vari temi con linguaggi e forme diverse. Nascono così i “Percorsi”, guide per chi ama viaggiare lento, a piedi, lungo percorsi storici o sulle tracce di antichi pellegrinaggi (dalla Guida al cammino di Santiago di Compostela, uno dei best-seller della casa editrice, alla Guida alla Via Francigena). A queste si affiancano le guide della collana dedicata al “Turismo responsabile”, ma anche i libri dei “Sapori”, per scoprire le altre culture attraverso la cucina (tra tutti i titoli vale la pena ricordare Pappamondo), le guide agli “Stili di vita” sostenibili e partecipati, le “Periferie”, che raccontano le storie di chi vive ai margini delle nostre città, i diari dell’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano (Arezzo), “Bambini”, una collana di libri illustrati per i più piccoli sui temi della convivenza, del consumo critico e della partecipazione, e la “Narrativa”, collana dedicata ad autori stranieri e italiani di qualità che ha scoperto autori come Giusi Marchetta, Premio Calvino per il libro Dai un bacio a chi vuoi tu, Susanna Bissoli con Caterina sulla soglia, e che a marzo lancerà un nuovo autore, al suo esordio ma già sorprendente per la sua capacità di scrittura: Enrico Macioci con Terremoto, racconti che prendono spunto dal sisma che ha colpito L’Aquila nel 2009 per raccontare altri tipi di terremoti che spesso colpiscono le relazioni umane.

Accanto alla produzione editoriale sono nati poi diversi eventi, che hanno portato e portano i temi di Terre di mezzo nelle piazze di tutta Italia: dalla “Notte dei senza dimora”, pensata per sensibilizzare alla problematica degli homeless, fino a “Fà la cosa giusta!”, una grande fiera sugli stili di vita alternativi e sul consumo critico, la cui edizione nazionale si tiene ogni primavera a Milano (la prossima edizione si terrà a FieraMilanoCity dal 12 al 14 marzo 2010), dalla quale sono gemmate edizioni locali in Trentino, Emilia Romagna e Piemonte.

Davide Musso è l'editore di Terre di Mezzo
 

Commenti

  1. davide musso

    promosso sul campo! in realtà non sono l’editore di terre di mezzo, ma solo l’editor di narrativa.
    in ogni caso, grazie mille per lo spazio che ci avete messo a disposizione.

    a presto,
    davide musso

Libro Gratis