La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Dignità »

Sicilia, Italia: a Termini Imerese si muore (e si uccide) per disoccupazione

01-08-2011

di

Disperato, depresso, licenziato e senza lavoro a 56 anni, uccide la moglie, ferisce la figlia  e si toglie la vita. L’ultimo atto, di vero squilibrio con follia omicida, di Agostino Bova, operaio, fino all’anno scorso nello stabilimento Fiat di Termini. Licenziato per truffa, “dopo 30 anni di servizio e pochissimi giorni di assenza”  – come afferma il segretario della Uil metalmeccanici del comprensorio -. Accusato di avere usato il tesserino di un dipendente in malattia, utilizzato per l’uso della mensa,  “scaricando” così sulla sua busta paga l’importo di 46 pasti, dal valore cadauno di 1,20 euro, per un totale di 50 euro.

Un’età impossibile per avere un altro lavoro, specie in una realtà come quella siciliana. Da poco si era concluso il periodo dell’indennità di disoccupazione. Aveva cercato sempre di non stare inattivo; si era messo a restaurare mobili,  svolgendo anche  attività di pescatore imbarcato su un peschereccio. Poi un incidente e la perdita di due dita.

Sembra una storia d’altri tempi, quasi da libro “Cuore” di de Amicis. Gira il calendario, ma la brutale realtà non cambia. Quando si perde il pane e mancano i requisiti elementari della sopravvivenza quotidiana, la mente corre il rischio di bruciarsi, diventando anche omicida, specie se tormentati dall’assillo di avere subito con il licenziamento un grave torto, essendo innocente, come lui sosteneva sempre, dell’atto di accusa.

In questa Italia disfatta, immersa nella corruzione più grande, con tanti “papaveri” lustrati e riccastri impudenti, colti con le mani nei sacchi grandi del ladrocinio immenso e del saccheggio pubblico, che continuano tranquillamente a godersi la loro dorata vita, alla fine pagano sempre i più deboli dell’iniqua struttura sociale in essere.

La clemenza e l’indulgenza esistono solo nella realtà deformata dei film e delle sceneggiate. Alla faccia della “benedetta” Costituzione.

Il tremendo atto ha portato grande scoramento agli attuali 2200 lavoratori della fabbrica Fiat di Termini Imprese; lo storico luogo di produzione industriale chiuderà definitivamente alla fine dell’anno. Ancora non sono state rese operative le alternative lavorative. Altre tragedie si preparano.

Domenico Stimolo fa parte della segreteria ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) di Catania.