La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Perché i vescovi non hanno denunciato per anni i comportamenti “tristi e vacui”, le “relazioni improprie” del Cavaliere? Intanto Comunione e Liberazione continua a fare muro per proteggere perfino la Minetti che “usa il crocefisso come strumento erotico”, avendo fatto della loro partecipazione al governo la loro essenza di vita: cattolico Formigoni, cattolico Lupi, “cattolici inquinati”

Paolo FARINELLA – Adesso la Chiesa deve staccare (ma davvero) la spina che la unisce al capo del governo

03-10-2011

di

Berlusconi e il ministro Tremonti in coppia con Sacconi, che tanto credito riscuote presso la Cei, hanno pervicacemente negato l’esistenza stessa della crisi perché era più urgente far passare l’immagine squallida di un uomo malato di megalomania narcisistica di essere «il miglior presidente del consiglio dall’unità di Italia ad oggi» (parole autentiche dell’interessato). I vescovi non vedevano dove stava andando l’Italia e dove la stava scaraventando il governo? Perché non hanno detto nulla? Non si sono accorti che tutte le scelte economiche avevano una conseguenza diretta sul sociale, sulla vita di relazione, sulla sussistenza di milioni di famiglie? Hanno continuato a chiedere interventi a favore della famiglia, ma non hanno elevato una critica sulla distruzione della stessa che il governo scientemente a operato, favorendo i ceti ricchissimi a scapito dei poveri che puntualmente sono chiamati a pagare le inadempienze, la corruzione, l’evasione fiscale e l’immoralità dei ricchi?

Perché un ritardo di almeno tre anni? Con quale autorevolezza i vescovi oggi possono criticare il governo che essi stessi hanno appoggiato, sostenuto, foraggiato direttamente e specialmente con i loro silenzi? Io penso che l’intervento del cardinale Bagnasco sia stato un atto necessario altrimenti se anche questa volta non avesse detto nulla, dalla base dei credenti vi sarebbe stata una rivoluzione. Noi preti di strada lo vediamo ogni giorno nelle nostre chiese e nelle nostre strade. Tutti si interrogavano sul silenzio dei vescovi, tutti chiedevano un intervento, tutti erano scandalizzati dall’omertà vescovile, che tutti motivavano con la difesa di interessi in nome dei quali si commerciavano immoralmente scambi di reciproco sostegno.

Tutti? Sì, tranne i cosiddetti cattolici inquinati che hanno scelto Berlusconi, il mammona maledetto dal vangelo, perché garante di traffici e strani affari . Tutti, tranne i seguaci di CL che della partecipazione a questo governo e del connubio con Silvio Berlusconi hanno fatto la loro essenza di vita, e al diavolo le esigenze etiche, la morale, la coerenza, la dignità, la dottrina sociale e tutte queste quisquilie. Essi vanno perfettamente d’accordo con quel vescovo che diceva: «Basta con la profezia, occupiamo adesso del governo».

Quanto al metodo scombinato e al regolamento dei conti prevalenti sui rapporti istituzionali, i vescovi avrebbero dovuto sapere da sempre che Berlusconi è uno che difende i mafiosi e camorristi e che la delinquenza organizzata lo ha sostenuto e sostiene nell’esercizio del suo potere che è tutto a favore di essi. Come spiegare la nomina di un accusato da sei pentiti di mafia a ministro della repubblica (Romano, baciato dopo avergli salvato la poltrona – ndr), e un altro accusato di n’drangheta (Cosentino) per cui è stato richiesto addirittura l’arresto è stato protetto e difeso a spada tratta? Berlusconi ha messo lo Stato e le Istituzioni nelle mani della malavita e il cardinale arcivescovo di Genova cade dal pero solo adesso? Il cardinale Bagnasco con volto triste e teso continua:

«Rattrista il deterioramento del costume e del linguaggio pubblico, nonché la reciproca, sistematica denigrazione, poiché così è ilsenso civico a corrompersi, complicando ogni ipotesi di rinascimento anche politico. Mortifica soprattutto dover prendere atto di comportamenti non solo contrari al pubblico decoro ma intrinsecamente tristi e vacui. I comportamenti licenziosi e le relazioni improprie sono in se stessi negativi e producono un danno sociale a prescindere dalla loro notorietà. Ammorbano l’aria e appesantiscono il cammino comune».

Solo questo? Comportamenti «tristi e vacui»: l’induzione alla prostituzione, la tratta delle prostitute, l’uso del crocifisso come strumento erotico tra le tette della consigliera Minetti, eletta nella lista di Formigoni, travestita da suora, un comportamento «triste e vacuo»? Cosa deve fare Berlusconi per essere scomunicato «latae sententiae»: assassinare la Trinità con un colpo solo? O violentare la Vergine Maria con san Giuseppe incatenato al palo della lap-dance?

«Relazioni improprie»? Che linguaggio è codesto? I rapporti sessuali con minorenni e l’induzione delle stesse alla prostituzione adesso si chiamano «relazioni improprie»? Per uno che va a confessare un adulterio o una violenza su un minore, basta che dica «ho vissuto una relazione impropria», Ok! Amico/amica,  un Pater, Ave e Gloria e chi s’è visto s’è visto? Chi ha ammorbato l’aria? Un marziano o qualcuno con nome e cognome? Non poteva mancare in discorso ufficiale, il colpo al cerchio e alla botte: «la reciproca, sistematica denigrazione» con evidente riferimento alla opposizione, così per non offendere nessuno. Oppure dove da un colpo indiretto anche alla magistratura inquirente che non ha fatto altro che il suo dovere, obbligata per Costituzione, vigendo in Italia, l’azione penale obbligatoria: «Colpisce l’ingente mole di strumenti di indagine messa in campo. Chi lo ha detto al presidente della Cei che le intercettazioni sono «ingenti»? Lui le ha contate o è un modo per addolcire la pillola a Berlusconi? Un colpo ciascuno non fa male a nessuno?

Fino a prova contraria le intercettazioni riportano la voce dell’indagato e del malfattore, mentre il metodo di indagine è una questione riservata alla magistratura e nessuno dovrebbe sindacarla, come esige la separazione dei poteri in una democrazia decente. Questo cerchiobottismo, infatti, ha avuto un effetto: ha dato adito alla destra e ai suoi cattolici da supporto di annacquare le parole del cardinale e di diluirle fino al punto di farle scomparire. Si dice che l’ordine di scuderia sia quella di dire e ripetere che la condanna del presidente della Cei sia riferita ai «comitati d’affari come il caso Penati» e quindi la conclusione per la destra e per Berluscconi è che il cardinale Bagnasco ha fatto una durissima strigliata al Pd. Ecco il risultato. Lupi, Formigoni e i cattolici complici si affannano a giustificare Berlusconi che non deve dimettersi e che il cardinale parlava in generale, per tutti.

Questo equivoco nasce da un solo fatto: il cardinale Bagnasco non ha fatto il nome del Berlusconi, corrotto (sentenza Cassazione), evasore fiscale, bugiardo e falso, spergiuro, corruttore di minorenni, utilizzatore e manovratore di «carrettate di donne» (cioè prostitute a pagamento), amico e complice di mafiosi e malavitosi, mentitore e istigatore alla menzogna, uomo senza onore e dissipatore del patrimonio comune di etica, di denaro e di dignità.

Le parole di Bagnasco avrebbero avuto un peso altro se avesse semplicemente detto che non solo in base alla Costituzione, ma anche per la morale comune il Sig. Berlusconi Silvio, presidente del consiglio dei ministri, pro tempore, avendo disonorato la carica che ricopre non è più degno di rappresentare e governare (si fa per dire!, visto che governa a tempo perso!) il popolo italiano. Pertanto, noi vescovi, diciamo ai cattolici che lo hanno sostenuto fin qui, che non è loro lecito andare avanti e se vogliono essere cattolici e non complici devono interrompere con lui ogni rapporto, ogni sostegno, ogni appoggio, ogni collaborazione, finché non si sarà pentito davanti alla nazione e non avrà riparato il male fatto.

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. Francesco festini

    Bravo don Paolo, sono con te.

  2. Maurizia Menotti

    Ce ne fossero dei Don Paolo Farinella in giro per l’Italia e non solo in chiesa!

  3. Filippo Boidi

    Perchè i preti come don Paolo sono così pochi? Come è possibile far giungere questa voce a Roma, in modo che le eminenze si rendano conto di cosa pensa il popolo di Dio italiano?

  4. luciano pigoni

    Bravissimo don Paolo,resta il mistero:i cattolici non ricordano più il Vangelo? non lo sentono ogni domenica alla Messa? Come possono non riconoscere la validità del discorso di don Paolo? Il Denaro,il Potere possono trasformare un credente in un ..finto credente,la Religione diventa una veste,un mantello dietro il quale si può essere immorali e cristiani, così CL arriva a giustificare anche il comportamento più squallido del premier,è questa la spiegazione?

  5. Ilaria Mancino

    Lei si chiede perché c’è questa connivenza tra Chiesa cattolica e Governo Berlusconi? perché questo è il governo che ha tolto l’ici alle proprietà del clero, consente ai dipendenti del vaticano di non pagare l’irpef, tanto per cominciare. Quale miglior governo per far prosperare le santissime transazioni dello Ior? quale miglior sistema mediatico se non quello di Berlusconi per far passare ben filtrati gli scandali sulla pedofilia che hanno investito mezzo mondo, Italia esclusa, e che hanno portato il papa davanti alla corte dell’Aia per i diritti dell’uomo? Perchè
    questa è la chiesa cattolica che invece usa i cosidetti poveri di spirito come lei e come tutte le povere persone che hanno paura della morte per poter dire, “la vera chiesa è quella dei poveri”, ma la chiesa non è mai stata dei poveri, è sempre stata ricca e dei ricchi che vivono in grandi palazzi. Palazzi sconfinati e alla fine dei palazzi tanti uscieri alcuni gentili e semplici come lei, altri invece debosciati, che invitano le pecorelle ad entrare nell’ovile per offrire protezione e salvezza eterna e quando viene il momento via il vello, via il latte, via la testa!

  6. Maria Luisa Paroni

    Anche quando la Gerarchia decide di intervenire, lo fa “in punta di forchetta”…non sia mai che qualcuno si indisponga e decida di togliere privilegi ormai consolidati e considerati dovuti…altro che opzione preferenziale per i poveri!
    Quando nel Vangelo si dice “i poveri li avrete sempre tra voi” qualcuno ha interpretato la frase in senso letterale: per averli, bisogna che restino tali…e si impegna perché ciò accada! Viene da pensare che i primi atei siano proprio questi alti esponenti della Chiesa che dimostrano di preferire Epulone a Lazzaro perchè “del diman non v’è certezza”e quindi dimostrano di non credere tanto alla Provvidenza, ma allo IOR ecc…
    Don Paolo ha ragione, eccome e forse intimamente lo sanno benissimo anche loro…ma anche la Chiesa ha una sua “realpolitik” e la testimonianza profetica viene ritenuta probabilmente un lusso per anime belle…chissà se si rendono conto anche dei danni che provocano alla comunità ecclesiale col loro atteggiamento…anche questa è “emergenza educativa” o no?!

  7. Giovanni Di Nino

    Caro don Paolo,
    grazie ancora per le tue riflessioni! Mi sento meno solo di fronte allo scempio che vedo quotidianamente nel quadro nazionale, meno solo come cristiano soprattutto, perché le cose che hai descritto sono dirompenti verso quanti, come me ed altri, hanno sempre dato un senso etico e cristiano alla convivenza civile, al rispetto degli altri, al rispetto delle regole, dei diritti e dei doveri (date a Cesare…) e mai avrei immaginato che la “diplomazia curiale”, così sfacciata, spalancasse le porte del Tempio ai mercanti in cambio di trenta denari che quei mercanti hanno strappati ai poveri, ai precari, ai disoccupati, ai pensionati (oltre metà dei pensionati italiani percepiscono fino a 500 euro mensili, uno della “casta” 40 volte di più, un ministro del “gabinetto berlusconi” 350 volte in più…e non cito gli “ammiragli cappellani” per pudore civico). Cordiali saluti.

  8. Salvatore Messina

    Da quando la Chiesa cattolica si è macchiata di vari delitti (stupri su minori) è la prima volta che elogio onestamente l’operato di un degno Don Paolo!
    Grazie Don Paolo!
    p.s. se ti serve una mano, fammi un fischio!!!

  9. Nocent Angelo

    Cara Maurizia Menotti,

    riporto il tuo mortificato desiderio: “Ce ne fossero dei Don Paolo Farinella in giro per l’Italia e non solo in chiesa!”.

    Ti chiedo: possibile che non ti basti un messia?

    Se sei tra coloro che aspettano il ritorno di Cristo, non ti sei ancora accorta che è già tornato?

    E’ sbarcato a Genova. Ma con internet riesce a raggiungere gli estremi confini della terra.
    Aprofittane per crescere in sapienza, età e grazia, davanti a Dio e davanti agli uomini.

    Non imitare la Chiesa che, pur animata dallo Spirito Santo, è così cieca da non accorgersene.

    Pace e bene!

  10. Giuliano Lorenzetti

    L’articolo di Don Paolo Farinella è molto condivisibile mentre sono assai tardive le parole del Card. Bagnasco il quale si accorge solo ora che è ‘necessario purificare l’aria’.
    Berlusconi è esattamente tutto quello che è contenuto nel penultimo paragrafo dell’articolo da sempre quindi anche molto prima del ‘caso Ruby’.

  11. Mauro Matteucci

    Il disgusto, dopo le parole di Bagnasco, mi è ancora più aumentato. Perché oggi fanno finta di accorgersi che hanno lasciato che un “santo puttaniere” avallato nei suoi comportamenti dai politici, distruggesse ogni forma di etica non solo nelle coscienze, ma perfino nell’immaginario? Ma questi prelati hanno mai letto il vangelo: guai a chi dà scandalo a questi piccoli, SAREBBE MEGLIO PER LUI …

  12. Romolo Tamburrini

    Per tentare di comprendere la differenza tra (emblematicamente) Farinella e Bagnasco, occorre prendere atto che, nel concreto, esistono due chiese: una temporale (il Papa e l’apparato di potere), una evangelica (cristiana). Tra le due entità, la prima, che ha scelto Mammona (e non solo), è decisamente prevalente e impone le sue regole che, tra l’altro, prevedono la totale sottomissione della seconda (ved. accanimento contro la teologia della liberazione, emarginazione dei preti non allineati – persino di un vescovo come Romer -, minacce di scomuniche, anatemi, ecc.). Nel contempo sfrutta l’immagine pastorale dei secondi che, ancora, trova nelle comunità più diseredate, tipo “favelas”, speranza e fede salvifica. La pubblicità dell’8 per mille ne è l’immagine più eclatante. Come si sarebbe allora comportata la CEI se il B., oltretutto, avesse preteso l’abolizione del privilegio clericale dell’ICI e dei finanziamenti alla scuola privata? E se al Governo ci fosse stato un laico ligio e severo (diciamo alla Pertini) come avrebbero reagito i nostrani ‘farisei’ che ogni domenica si prostrano davanti all’altere?. Le ‘sparate’ alla Bagnasco non sono altro,allora, che prese di posizione obbligate, enunciate dopo lunga ponderazione e valutazione delle possibili soluzioni “post” B., a garanzia dei privilegi che ne assicurano l’atavico parassitismo.

  13. Ambrogio Dell'Orto

    Bravissimo don Paolo,condivido pienamente il suo articolo e come credente sono profondamente disgustato da questa nostra chiesa che non smette mai di prostituirsi al potente di turno.

  14. Stefano Bovero

    La Chiesa cattolica ufficiale, nelle sue gerarchie, da un bel pezzo non pratica più il Vangelo, trasformata ormai in un’istituzione politica e a volte mafiosa sempre più protesa a controllare le coscienze con le sue mezze verità e a compiacere i potenti che le riservano trattamenti privilegiati. Chi vi si riconosce in termini acritici partecipa semplicemente alla semina della sofferenza e diviene corresponsabile dei suoi “operatori di iniquità”. L’amore e la carità sono stati da questa istituzione, nella quale operano persone degne che però, quando giungono a pestare i piedi ai potenti, guarda caso vengono censurati, sospesi “a divinis”, rimossi dalle cariche o allontanati: gli esempi concreti non si contano più…

  15. Stefano Bovero

    La Chiesa cattolica ufficiale, nelle sue gerarchie, da un bel pezzo non pratica più il Vangelo, trasformata ormai in un’istituzione politica e a volte mafiosa sempre più protesa a controllare le coscienze con le sue mezze verità e a compiacere i potenti che le riservano trattamenti privilegiati. Chi vi si riconosce in termini acritici partecipa semplicemente alla semina della sofferenza e diviene corresponsabile dei suoi “operatori di iniquità”. L’amore e la carità sono stati ESPULSI da questa istituzione, nella quale operano persone degne che però, quando giungono a pestare i piedi ai potenti, guarda caso vengono censurati, sospesi “a divinis”, rimossi dalle cariche o allontanati: gli esempi concreti non si contano più…