La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Mondi » Europa »

Non si riesce a trovare una formula per uscire dalla crisi e per trovare alternative ai fornitori di materie prime e manodopera a bassissimo costo (come Cina e Brasile). E nel vecchio continente sembra che la battaglia sia proteggere antichi privilegi da primo mondo

Agenzia europea del debito: titoli a tasso sicuro, ma la difesa della moneta unica rimane l’incubo dei Paesi membri

16-12-2010

di

Mentre i reggitori della politica italiana si sono assegnati una settimana di riflessione, preparatoria alla storica giornata del dibattito parlamentare sulla sfiducia al governo, l’Europa è alle prese con un problema, solo in apparenza, di alta natura tecnico – finanziaria: la costituzione dell’Eda (European debt agency: Agenzia europea del debito).

Se da parte italiana, il dilemma pare riassumersi nella capacità di tenuta del governo Berlusconi, l’iniziativa europea è tutto concentrata nella volontà di dar vita a un’agenzia con la finalità fondamentale di una emissione di obbligazioni a tassi favorevoli per i sottoscrittori (meno attraenti ma molto più sicuri di quelli più elevati emessi dai paesi in rischio di default: Irlanda, Portogallo, Spagna).

L’ipotesi aggiuntiva, proposta da Helmut. Schmidt e appoggiata da Emma Bonino, di attribuire al presidente del Consiglio europeo (e quindi al Parlamento europeo) e ai suoi nuovi poteri, la gestione di tale agenzia, certamente più conforme a una autentica ispirazione federale europea, non basterà certo a tranquillizzare la legittima e comprensibile perplessità di Angela Mekel e dei tedeschi tutti: alla cui fiscalità sarebbe soprattutto imputato il costo della attenuazione dei tassi delle emissioni obbligazionarie dei paesi in rischio di default, come quelli già citati e da altri (Italia non esclusa) che si dovessero aggiungere alla lista.

Se tuttavia l’Italia sembra doversi concentrare essenzialmente sulla alternativa di difendere Berlusconi e il suo regime o di mirare esattamente all’opposto, in Europa, l’incubo, quale moderno ritorno del mito della fatica di Sisifo, si incarna nel dover arginare una crisi finanziaria globale della sua moneta, l’euro, e mantenere nel contempo la compattezza politica dell’Unione.

Ma gli eventi mondiali, con moto sempre più impetuoso, raccontano il rovesciarsi delle gerarchie mondiali con l’ascesa ai vertici, di nuove e possenti realtà nazionali (Cina, India, Brasile…) una volta storiche fornitrici, a buon mercato, di risorse materiali e di manodopera, per consentire all’Europa i suoi altissimi livelli di vita.

Con il sopraggiungere imprevisto dell’aumento demografico, dei nuovi fabbisogni energetici e della crisi ecologica, lo sforzo dell’Europa, di considerarsi sempiterna plaga geografica, di grande ricchezza pubblica e individuale, di alto prestigio militare, di primazia culturale e di inarrivabile esempio di “bon vivre”, e di poterlo fare con la sola forza di una moneta che nemmeno ha superato la sua fase di collaudo, questo sforzo stesso, potrebbe risultare solo una probabile grande illusione.

Quanto accaduto negli ultimi decenni, nel panorama globale, può essere visto come la nemesi di un evento, la seconda guerra mondiale, di cui l’Europa, o più precisamente i suoi principali paesi, fu se non l’unica, certamente la principale responsabile.

Pierluigi Sorti, 76 anni, economista, studi all'estero. Dirigente d'azienda e docente esterno universitario in materie aziendali, per circa dieci anni, a Napoli, Urbino e Roma. Promotore di iniziative di carattere sociale, ha collaborato per tre anni, fino alla chiusura, con la rivista socialdemocratica "Ragionamenti". Socialista in gioventù, oggi è un militante PD, già iscritto ai DS dal congresso fondativo (Firenze 1998). Alle “primarie” del 25 ottobre 2009 non ha sostenuto nessuno dei tre candidati alla segreteria del PD.