La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Se non ci sono i giornalisti che scoprono gli operai sui tetti e i giudici che scoprono i reati, anche un delinquente può governare e il governo può raccontare la sua Italia immaginaria

Raniero LA VALLE – Alla fine cancelleranno anche le elezioni

08-03-2010

di

In una democrazia normale, all’approssimarsi delle elezioni, si istituirebbero alla TV apposite trasmissioni di approfondimento e di dibattito politico. Così si faceva nel regime democristiano, nel quale furono istituite le “Tribune elettorali”, che ebbero grande successo. La mia piccola fama cominciò quando, giovane giornalista, feci a Togliatti una domanda a cui non seppe rispondere. C’era anche un giornalista socialdemocratico, che si chiamava Mangione, che era così aggressivo e sguaiato, che poteva prefigurare Ghedini.

Nell’Italia di oggi, invece, all’approssimarsi delle elezioni le trasmissioni di approfondimento e di dibattito politico si tolgono. Intanto si tolgono quelle, poi, se non stiamo attenti, si toglieranno anche le elezioni.

La motivazione ufficiale di questo digiuno politico-televisivo (del resto siamo in Quaresima) è che tali trasmissioni violerebbero la “par condicio”, cioè il fatto che tutti possano dire tutto. Ma le nostre trasmissioni di approfondimento politico, da Vespa a Santoro a Floris, sono ammalate proprio di par condicio; sulla base dell’ideologia secondo la quale tutte le idee sono eguali, e che a vincere debba essere il più scaltro e il più forte, i nostri “talk-show”, cioè i dibattiti spettacolarizzati, sono una zuffa senza esclusione di parole (e anche di occhiatacce e di smorfie di reciproco disgusto) dove tutto si può fare tranne che offrire una varietà di opinioni rispettabili ad edificazione e informazione dei telespettatori. Si tratta, peggiorata, dell’ideologia delle tavole rotonde, dove non si fa cultura, perché non c’è cultura dove non c’è né capo né coda, ma è assemblato un assortimento di prodotti, come negli scaffali dei supermercati, quando non c’è nessuna seria ragione per scegliere, a partire dalle etichette, un prodotto invece che un altro. Al contrario, nelle trasmissioni o nei discorsi considerati di parte, dove si segue un orientamento dichiarato, dove si offre un’argomentazione e si segue un filo, non ci sarà il battibecco paritario, ma almeno l’encefalogramma non è piatto.

Dunque non è perché non rispetterebbero la par condicio che le trasmissioni censurate non possono andare in onda. La ragione è esattamente l’inversa; Berlusconi ha sempre detto che un partito grosso e un partito piccolo non dovrebbero avere spazi uguali, ma differenziati secondo la rispettiva forza, in modo che i grossi diventino sempre più grossi e i piccoli sempre più piccoli, fino a scomparire. E quanto ad apprezzare la parità, non se ne parla nemmeno, dato che egli si è definito come un “primus super pares”: i pari sono gli altri, lui è il primo e sta sopra tutti: la parola sovrano – superanus – viene da lì, significa che sta sopra e non c’è nessun altro al di sopra di lui. Perciò è sciolto da ogni vincolo: assoluto.

Ma il togliere la politica dalle chiacchiere televisive (come nel fascismo la politica era interdetta nelle chiacchiere da bar) non è solo un atto di ordinaria censura: un furto di informazione, come dicono tutti quelli che protestano. È, ancora di più, la rivelazione del vero tarlo, della vera ossessione del presente regime: il rifiuto del controllo. In questo senso la stampa è esattamente come la magistratura; Berlusconi nega il potere di controllo dei magistrati, esattamente come nega il potere di controllo della stampa; e la ragione è molto semplice; se non ci sono i giudici che “dicono la giustizia” (giurisdizione) e nominano i reati con le inchieste, i processi e le sentenze, questi non esistono, e anche i fuorilegge possono governare; e se non ci sono i giornalisti che scoprono gli operai sui tetti, gli aquilani con le carriole e la spazzatura nel mar Tirreno, allora l’Italia non c’è, e il governo può raccontare un’altra Italia, la sua: un’Italia dove non c’è la crisi economica, non ci sono i licenziamenti, i terremotati sono contenti con le loro finte casette e non sono esuli da una città che Bertolaso non ha visto e che resterà distrutta, e la spazzatura è gloria del governo averla tolta di mezzo per sempre. E nemmeno si verrà a sapere che se la destra non presenta come si deve le liste, facendo cadere i propri stessi candidati, non è per un complotto dei nemici, ma perché in un finto partito unico la lotta tra gli “amici” è spietata.

Questo è il significato della crociata berlusconiana contro tutti i poteri di controllo, la magistratura, il Parlamento, la Corte Costituzionale, il Presidente della Repubblica, la stampa, la televisione non sua, tutti faziosi, tutti comunisti: non solo dominare la realtà col potere, ma negare la realtà per fondare e preservare il potere.

Raniero La Valle è presidente dei Comitati Dossetti per la Costituzione. Ha diretto, a soli 30 anni, L’Avvenire d’Italia, il più importante giornale cattolico nel quale ha seguito e raccontato le novità e le aperture del Concilio Vaticano II. Se ne va dopo il Concilio (1967), quando inizia la normalizzazione che emargina le tendenze progressiste del cardinale Lercaro. La Valle gira il mondo per la Rai, reportages e documentari, sempre impegnato sui temi della pace: Vietnam, Cambogia, America Latina. Con Linda Bimbi scrive un libro straordinario, vita e assassinio di Marianela Garcia Villas (“Marianela e i suoi fratelli”), avvocato salvadoregno che provava a tutelare i diritti umani violati dalle squadre della morte. Prima al mondo, aveva denunciato le bombe al fosforo, regalo del governo Reagan alla dittatura militare: bruciavano i contadini che pretendevano una normale giustizia sociale. Nel 1976 La Valle entra in Parlamento come indipendente di sinistra; si occupa della riforma della legge sull’obiezione di coscienza. Altri libri “Dalla parte di Abele”, “Pacem in Terris, l’enciclica della liberazione”, “Prima che l’amore finisca”, “Agonia e vocazione dell’Occidente”. Nel 2008 ha pubblicato “Se questo è un Dio”. Promotore del “Manifesto per la sinistra cristiana” nel quale propone il rilancio della partecipazione politica e dei valori del patto costituzionale del ’48 e la critica della democrazia maggioritaria.
 

Commenti

  1. clara moschini

    Grazie per la bella e pacata analisi,
    anche se terribile.
    Non rinunciamo mai a pensare e a indignarci.
    Clara

  2. Angela Maria Limongelli

    NON VOGLIO VIVERE IN UNA DITTATURA E SONO VERAMENTE SPAVENTATA PER LA CONTINUA PROGRESSIVA PERDITA DI TUTTE LE GARANZIE COSTITUZIONALI CON QUESTO GOVERNO CON QUESTA CLASSE POLITICA NON SI DEVONO FARE LE RIFORME ISTITUZIONALI

  3. paolo manzelli

    Cari amici io penso che di politica sia ormai inutile parlarne dato che la politica parla di politichese e non di cultura . io dei talk show non o piu che farmene dato che ad es i politici non sanno trattare con competenza di argomenti importanti come quello della trasformazione della industria meccanica in industria bio-tecnologica.

    Ritengo che i politici cosi come sono parlano solo di chiacchere inutili mentre sarebbe una sia una questione di responsabilita divulgare almeno una breve sintesi di quanto sta succedendo nei processi di industrializzazione delle scienze della vita , nella piu completa ignoranza della gente.

    Faccio pertanto presente che al convegno su BIODIVERSITA TRATTEREMO ANCHE di BIO-ECONOMIA , con la relazione del Prof. Luigi Frey a cui seguira’ un dibattito.
    http://www.edscuola.it/archivio/lre/biodiversiy_in_florence_2010.pdf

    Purtroppo la politica di destra e di sinistra accetta che i mass media facciano di tutto per far pensare la gente solo alle partite di calcio, alle canzonette , a ballo, ai falsi reality, ecc , mentre dall’ altro si gioca al rischio della trasformazione industriale con le bio-ecnologie di cui nessuno sa niente ivi compresi i politici.

    vedi ad es: http://www.vglobale.it/index.php?option=com_content&view=article&id=11536:amflora-non-e-ogm-ma-rankenstein&catid=5:ultime&Itemid=121&lang=it
    Tale rischio e’assai grave perche il BIO -INQUINAMENTO PUO ESSERE poi pericoloso ed irreversibile dell inquinamento chimico. Paolo 08/Marzo/2010 Firenze

  4. franco bonaldi

    temo molto il fatto che parecchie persone vivano alla giornata, non si documentino, pensino e leggano poco, votino ideologicamente.
    Nutro la speranza che prima o poi ci svegliamo un po’ tutti da questo che sta diventando un incubo.
    Grazie comunque per queste voci.
    Franco

  5. Rosario Amico Roxas

    Intanto il cavaliere rinvierà le prossime votazioni regionali; non può permettersi di andare al voto in piena valanga verso il basso. I sondaggi sono, per lui, terrificanti. Vincerebbe solo in Veneto (ma con la Lega già ampiamente in fase di sorpasso) e in Lombardia, ma con i voti determinanti della lega, per il resto il massimo che indicano i sondaggi è un tete à tete allo spasimo.
    L’esclusione della lista PdL dal Lazio che si apprende in questo momento (h. 19,40)sarà il motivo scatenante per rinviare le votazioni in attesa di una ulteriore truffa, per la quale serve tempo, almeno per renderla credibile

  6. Romolo Cappola

    Un cordiale saluto a Raniero la Valle.
    Ormai di questo ‘Governo della Malavita’ sappiamo quasi tutto e forse anche il peggio.
    Il problema è come farlo cadere democraticamente il più presto possibile.
    A questo scopo le Opposizioni, tutte le opposizioni democratiche devono imparare a stare inieme.
    Sarebbe ora.
    Le decisioni e le iniziative per ristabilire in questo Paese lo Stato di Diritto e la Democrazia Costituzionale vanno prese di comune accordo e nel rispetto delle Istituzioni repubblicane.
    Chi va da solo, soprattutto negli eventi elettorali, è politicamente un irreponsabile.
    Dobbiamo dimostrare che questo Governo non rappresenta la maggioranza degli Italiani.

    Ringraziamenti e saluti
    Romolo Cappola

  7. mario

    penso che sta alla massa inerme prendere forma
    la lotta tra due estremi si potrebbe organizzare anche con l\’ausilio del\’intelletto, tuttavia accade che chi usa l\’intelligenza preventivamente sono quelli di destra (per avidità) e gli altri aspettano la fame e la sopraffazione per farlo )sono pigri(

    così va il mondo da 6000 anni… prima non so

    di che ci scandalizziam?

  8. giovanni dinino

    Guzzanti ha ben definito il contesto governativo col termine di “mignottocrazia”: lo ritengo molto felice ma parziale. Non tanto perché l’arte mignottocratica è una delle culture privilegiate del cavaliere di Arcore, quanto perché viene in tal modo trascurata una grandissima realtà, quella del regime liberticida che sta sconquassando Costituzione ed Istituzioni democratiche, quella che mette alla berlina i magistrati, quella della rapina continuata sui bilanci dello Stato favorendo l’elusione e l’evasione fiscali, anzi premiandola con “lo scudo”. La “mignottocrazia” rappresenta per il berlusconismo il giusto premio per “il riposo del guerriero”, il risarcimento della fatica di stare sulla schiena di un intero popolo, della fatica di deformarne la capacità di giudizio ed, in più, l’orribile sforzo di compiacere a certe gerarchie che, genuflettenti, saranno trascinate nella Geenna insieme con lui.

  9. Nicola GILDA

    E la scuola pubblica? Quanti si sono accorti che dietro le belle parole della Gelmini ci sono 8 miliardi e mezzo di tagli, grazie ai quali l’ultima finanziaria è passata?
    Quanti sanno che ora gli alunni per classe possono arrivare a 33 negli Istituti TEcnici? PErò si dice che finalmente sarà una scuola di qualità! Quindi, diminuendo le ore procapite ad alunno, eliminando gli ITP, riducendo i soldi alle scuole avremo una scuola di qualità!!! Non so, magari potremmo provare ad eliminare un pò di pezzi dalla nostra auto, riempire il serbatoio solo a metà e vedere se compie gli stessi KM, chissà, magari ne fa anche di più!!!
    Popolo Italiano svegliati! Qui ti stanno mangiando tutto il mangiabile a te e alle prossime generazioni.

  10. silvio pittacci

    ma ormai sappiamo che nulla può fermarem

  11. Stefano Bovero

    Anche nella scuola questo governo sta facendo benissimo la sua parte. La riduzione considerevole delle ore di insegnamento scolastico con il Decreto Gelmini, spacciate per “qualità”, hanno di fatto due conseguenze concrete: 1) il risparmio dello Stato (risparmio “di Pulcinella” perché dequalificherà ancor di più la preparazione di studenti in aule sovraffollate e andrà ad aumentare la demotivazione di una classe docente già mortificata e sottopagata, là dove numerosi altri Paesi stanno, al contrario, aumentando i fondi pubblici alla scuola perché considerano il sapere e le competenze un investimento, cioè un valore aggiunto per la società e non già un peso finanziario per quest’ultima); la riduzione e, in certi corsi, la sparizione dell’insegnamento di materie come il Diritto e l’Economia,disciplina già fiore all’occhiello della Commissione Brocca per quasi tutti i bienni delle scuole superiori; ciò impedirà ai nuovi cittadini di conoscere la Costituzione e la legalità, rendendoli nel contempo massa di manovra elettorale passiva di governi che della Costituzione e della legalità non sanno che cosa farsene. E’ la scuola della diseducazione, asse portante di una “normalizzazione” autoritaria, voluta dalla convergenza di interessi dei peggiori settori della società italiana. Una scuola, dunque, di classe e contro l’intelligenza sociale. Come ieri quella fascista-gentiliana che si opponeva al “culturame”.

  12. calò concetta

    …alla fine cancelleranno la nostra libertà. Viviamo ormai in un clima di colpo di stato o di rivoluzione.
    E’ la fine della democrazia, siamo in DEMOCRATURA!!

  13. Giuseppina Giacomazzi

    Invio un caro saluto a Raniero La Valle. Sono felice di ascoltare o leggere le sue riflessioni sempre profonde e intelligenti. In questo momento storico sono disorientata. Il pasticcio del decreto mi ha demoralizzata. Ho paura della fine della democrazia in questo paese. Se si parla con la gente per strada, o al mercato, sembra che tutti siano contenti della situazione e come accecati continueranno a votare Berlusconi. Cosa si deve fare? Non capisco il nostro presidente, degno di stima. Credo abbia ricevuto minacce. Ma ora come se ne esce fuori?

  14. leonardo galloppa

    ma come, non lo vedete che sta attuando il programma della p2?
    sono massoni rincoglioniti, così rincoglioniti che continuano a distruggere tutto per poi sentirsi sopra gli altri e quindi vincenti. più che una rivolta popolare servirebbero schiere di psichiatri. e tanti psicofarmaci visto che le canne gli farebbero male….aprono gli occhi alla verità.
    bisogna solo aspettare che stirino le cuoia, questa generazione di m….
    io ho visto tanti vecchi che quando aprivano bocca esprimevano una gran saggezza…questi, che sono venuti dopo, fanno proprio pietà, sono cervelli bacati dai falsi miti americani del dopoguerra.
    però, cari amici, felicità, tappatevi il naso e continuiamo, dico questo perchè finalmente i nodi sono venuti al pettine.
    e dovranno essere risolti, una volta per tutte.

  15. rosanna sorani

    Un caro saluto a Raniero La Valle. Devo a lui (e a Linda Bimbi) se ho scoperto quella straordinaria e coraggiosissima donna che é stata Marianela Garcia Villas. Ma ora chiedo a lui: come si possono giustificare le recenti parole di stima gratitudine e incoraggiamento usate dal Papa nei confronti del capo della protezione civile, Bertolaso? Per rispetto nei confronti della magistratura non sarebbe stato più opportuno evitare quell’incontro e le parole che in quel contesto sono state usate?