La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Appello al cardinale Bagnasco: receda dalla insana scelta di sostenere un governo immorale

18-12-2010

di

Signor Cardinale,

speravamo che lei non fosse andato al pranzo governativo del mercato dei cardinali o, meglio, vi fosse stato escluso dal segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone, per il quale ormai abbandoniamo ogni velleità di conversione. In ambedue i casi, lei appariva un gigante, seppure in miniatura, nonostante il suo silenzio, o peggio, il suo parlare per allusioni su tutto l’«affaire Berlusconi». Poi, inaspettato, lei rompe il silenzio per dire, con linguaggio curiale, che «il Paese chiede governabilità». L’ultimo barlume di speranza è crollato con le sue parole.

Chi le ha detto che il Paese chiede la governabilità di questo governo, capeggiato da chi ha ridotto la Nazione ad un cencio insozzato come dimostra il mercato inverecondo di parlamentari per restare a galla e salvarsi dai tribunali? Lei sa bene che Berlusconi nel Paese è minoranza, ma lei, i suoi colleghi vescovi e il Vaticano lo tenete in piedi perché fa comodo e perché vi ha promesso che farà tutto quello che voi gli chiederete. Invece di stare dalla parte dei giusti, avete scelto di immergervi nella sentina e di rinnegare la vostra stessa morale, quella che esige il perseguimento del bene comune, che condanna il ladrocinio, la corruzione, la bestemmia, la bugia e lo spergiuro. Avete inventato anche «il contesto della bestemmia» per non censurare un uomo che ha avvelenato un intero Paese con la sua violenza e la sua immoralità. Ecco l’uomo del «partito dell’amore»! Trentanove «leggi private» ha emanato e voi avete taciuto!

Lei non ha parlato quando il suo protetto si sollazzava con le minorenni; ha taciuto quando ha inaugurato «il metodo Boffo»; si è girato dall’altra parte quando ha trasformato le sue ville in sedi istituzionali con decreto della presidenza del consiglio, adibendole a lupanari con prostitute a pagamento, signorine e signore (?!) che si offrivano in cambio di posti in parlamento o in tv; lei ha taciuto quando da vero estremista comunista bolscevico (non a caso il suo amico del cuore è Putin ex Kgb) ha preso d’assalto il parlamento dissacrando l’ultimo margine di democrazia, comprando e corrompendo deputati e senatori, promettendo incarichi e scambiando soldi.

Lei che non tralascia occasione per parlare di «principi non negoziabili». Dov’era quando tutti i principi su cui si basa la moralità pubblica, sono stati calpestati, derisi, violentati da un uomo che definire perverso è fargli un complimento? Dov’era lei, quando costui inoculava il virus dell’egoismo individualista, distruggendo il patrimonio solidale e cooperativistico che è la forza del nostro popolo? Dov’era quando inneggiava all’evasione fiscale, al disprezzo delle istituzioni e varava leggi contro il diritto internazionale, contro i poveri immigrati, immagine perfetta di Cristo crocifisso? Dov’era quando legiferava contro i lavoratori e per aumentare i precari e i disoccupati per manovrarli contro il contratto nazionale del lavoro? Dov’era, quando trasferiva alle scuole cattoliche i soldi dell’evasione fiscale, della mafia, della prostituzione, della droga e del riciclaggio (v. scudo fiscale)?

Un prete genovese molto anziano il 17 dicembre 2010 mi ha telefonato per dirmi che la stimava perché la conosceva, ma ora, dopo questo intervento, lei gli è scaduto moralmente e lo reputa responsabile del degrado della nazione. «E’ crollato un mito!» sono state le sue parole che condivido pienamente. Lei e il Vaticano avete perso il diritto di parlare di morale, perché siete solo complici di immoralità e sostegno di una indecenza che spadroneggia sull’Italia e sequestra il parlamento rendendolo un postribolo di infima categoria, dove si consuma prostituzione a basso costo, senza preservativi. Non è il metodo che piace a voi?
La vostra prostituzione di vescovi e di sedicenti garanti della moralità di convenienza vi esclude dal consesso della civiltà e vi colloca nell’inferno berlusconiano dove «tutti fuor cherci questi chercuti» (Divina Commedia, I, VII, 38-39) che popolano il «pied à terre» berlusconiano e la sua corte, dove voi vescovi vi siete accontentati di essere diaconi ossequienti. Contenti voi! Come potete prendere di parlare del Regno?

Noi non ci stiamo e vi riteniamo responsabili della caduta etica dell’Italia, del dissesto democratico e della corruttela berlusconista che voi appoggiate e condividete. Per questo non avete più l’autorità di parlare di etica e tanto meno di Dio e del Vangelo per assidervi a mensa con il corruttore più immorale esistente, il quale se ne vanta anche, pago del vostro silenzio colpevole. Ritornate ad essere pastori degni del vostro popolo, altrimenti valgono per voi le parole di Ezechiele profeta (sec. VI a. C.):

«Guai ai pastori d’Israele, che pascono se stessi! Per colpa del pastore si sono disperse [le mie pecore] e sono preda di tutte le bestie selvatiche: sono sbandate. 10Così dice il Signore Dio: Eccomi contro i pastori: a loro chiederò conto del mio gregge e non li lascerò più pascolare il mio gregge, così non pasceranno più se stessi, ma strapperò loro di bocca le mie pecore e non saranno più il loro pasto» (Ez 34,2.5,6.10).

In nome di Dio, vescovi e cardinali, tornate al Vangelo e al vostro Popolo, da cui vi siete separati per ingordi interessi con chi della delinquenza ha fatto sistema di potere e di governo. Un’amica mi manda questa parola di Gandhi: «La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo» (Ghandi).

Voi non potete più celebrare l’Eucaristia con buona e retta coscienza.

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. Anonimo

    [...] al cardinale Bagnasco receda dalla insana scelta di sostenere un governo immorale Di Don Paolo Farinella Da Arcoiris Signor Cardinale, speravamo che lei non fosse andato al pranzo governativo del mercato dei [...]

  2. Franco Bifani

    Oltre a Gandhi e ad Ezechiele,si potrebbero citare anche le parole della Dichiarazione di Indipendenza degli USA. “Ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tenda a negare questi fini -uguaglianza, vita, libertà, ricerca della felicità- il popolo ha diritto di mutarla od abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali princìpii.” “Ma se una lunga serie di abusi e di oppressioni rivelano l’intento di curvare un popolo sotto un illimtato dispotismo, quel popolo ha il diritto ed il dovere di abbattere un simile governo e di provvedersi nuove garanzie per la sua futura sicurezza”

  3. Giovanni Di Nino

    Con la benedizione del duo Bertone-Bagnasco, questi saranno i nuovi comandamenti nel 3° millennio:
    1) amerai il dio denaro sopra ogni cosa;
    2) rinuncerai all’eguaglianza ed alla solidarietà con il tuo prossimo, specie se malfamato;
    3) preferirai la guerra ad ogni ipotesi di pace concordata;
    4) sarai sempre alleato con il potente di turno;
    5) anteporrai sempre i tuoi interessi privati a quelli comuni e/o pubblici;
    6) puoi sciogliere liberamente ciò che Dio ha unito;
    7) potrai corrompere il giudice per prevalere sul debole;
    8) potrai rubare, corrompere,lucrare per il solo tuo benessere;
    9) potrai preferire Mammona a Dio e viceversa, a tuo gradimento;
    10)la morale sarà ciò che tu solo ritieni tale.
    Ecco, sulla schiena dei credenti, quanto si sta profilando dietro l’angolo di questa povera Italia!

  4. Franco Bifani

    Signor Di Nino, ha dimenticato un ultimo, importante precetto. “Compi pure tutti gli atti impuri che vuoi, secondo e contro natura; fornica pure con chi e come vuoi, specie se minorenni del tuo medesimo sesso. Avendo tu compiuto non un reato, ma un peccato, ti sarà sufficiente una bella confessione, mai seguita da una congrua e giusta riparazione.Amen”!

  5. mauro matteucci

    L’infamia che porta questi pastori a insozzare le pecore che dovrebbero curare, è ormai davanti agli occhi di tutti. Questa chiesa tradisce ogni giorno il Vangelo che dovrebbe predicare soprattutto con l’esempio.
    Mauro

  6. giancarlo mellano

    ecco un prete che è al contempo uomo e popolo. Cosa rarissima nella storia. Mi riconosco nella sua indignazione e le sue parole diventano le mie.
    Io sono un uomo del popolo felicemente sbattezzato.
    Giancarlo

  7. Alfonso Sabin

    Grande commento, come sempre.
    Grazie Paolo Farinelle

  8. massi cervetto

    GRAZIE Don Paolo, le sue parole mi riempiono il cuore di cristiana ed umana speranza. La sua analisi mi conforta dei miei pensieri così simili ai Suoi. la sua citazione sottolinea ancora una volta la distanza che troviamo ormai ogni giorno tra il dire e il fare di nostra Signora Chiesa o di chi la amministra. grazie.

  9. daniela misuri

    ….se questo fosse un appello da firmare e inoltrare a chi del caso, lo firmerei subito!
    daniela misuri

  10. nicoletta maestrelli

    Parole Sante quelle di questo articolo, che condivido in pieno, credo tuttavia che vi sia se possibile un aggravante: il Vaticano per intero è complice di questi buoni Cardinali che dimenticano troppo spesso chi è vittima dei soprusi e della violenza (pur facendo parte di una Chiesa missionaria nel mondo) e ricordano troppo spesso di incassare il prezzo della loro fedeltà al Governo, vedi scuole private,consultori e chi più ne ha più ne metta.VERGOGNA !!!!

  11. GianCarlo Montebello

    doveroso per un cittadino “civile” sostenereil pensiero lucido e accorato di Don Paolo Farinella.

  12. Rossella Rei

    Ho divorato il suo appello con il fiato sospeso perchè quelle righe trasmettevano grande passione e indignazione.
    Condivido ciò che lei scrive e ancora una volta, come sempre quando leggo le sue lettere, mi assale la tristezza.

  13. il blog di Paolo Farinella

    [...] http://domani.arcoiris.tv/appello-al-cardinale-bagnasco-receda-dalla-insana-scelta-di-sostenere-un-g... [...]

  14. maurizio malavolti

    questi cardinali….che se fossero stati quel giorno a dover scegliere fra Gesu’ e Barabba, avrebbero sicuramente scelto quest’ultimo. Cosa c’entrano costoro con Nostro Signore ???

  15. Francesco Fenudi

    Mi unisco all’accorata protesta di don Paolo. Basta
    con questi cardinali che si prostrano al potere (Satana). Una volta la Chiesa insegnava che il fine
    non giustifica i mezzi e certamente niente giustifica un governo che rinnega tutti i principi della moralità
    e del vivere civile.

  16. il Mandi

    confesso: son poco credente, ed ancor meno praticante.

    ammetto: certamente il comportamento delle alte sfere clericali non mi aiutano ad avvicinarmi ai luoghi di culto.

    concludo: sono comunque ben conscio della differenza che passa tra vaticano e credo.

  17. Cocco Valentino

    Condivido tante sottolineature di don paolo. Vorrei fose chiarito , se possibile, il punto ” Dov’era, quando trasferiva alle scuole cattoliche i soldi dell’evasione fiscale, della mafia, della prostituzione, della droga e del riciclaggio”.
    Grazie

  18. maria luisa mina

    Grazie grazie grazie delle tue parole, perchè come cristiana faccio veramente fatica a riconoscermi ancora nei comportamenti delle gerarchie del vaticano nei confronti di una persona che non merita certo di ricoprire il posto che occupa!

  19. Paolo Farinella, prete

    Vorrei ringrazia tutte le amiche e gli amici per i commentilasciati al mio “grido di dolore”. A Rossella vorrei dire che mi dispiace se lei arriva tristezza, perché vorrei arrivasse, come dice lei stessa, indignazione e volontà di “resistenza” ad oltranza.
    A cocco Valentino chiarisco: la finanziaria del 2009 ha stanziato 150 milioni di euro per le scuole private che al 80% sono cattoliche. Il perfido Tremonti d’accordo con il depravato nell’indicare la copertura ha indicato lo “scudo fiscale”, cioè quel 5% prelevato dai riciclatori, puttanieri, mafia, prostituzione, ecc. La filosfia di fondo è: se voi prendete i soldi “sporchi” come fate a fare la morale a noi? INfatti in una lettera a Bagnasco, l’ho supplicato di non accettare quei soldi e di farlo pubblicamente. lo sventurato Bagnasco, invece, accettò e intascò. UN abbarccio a tutti con amicizia e stima.
    Paolo Farinella, prete – Genova