Dello stesso autore

La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire »

BRASILE – Il capo del governo c’entra qualcosa e nessuno lo può negare

03-12-2009

di

La prima cosa da fare (ndr: dopo aver letto il ritratto italiano dell’Australian Financial Review) è moderare i toni e sostituire agli insulti un minimo di riflessione sulla situazione italiana. Qualcosa certo non va e l’attuale figura del capo del governo c’entra qualcosa e questo nessuno lo può negare. Ma le ragioni sono piu profonde. Perchè la sinistra è cosi in crisi? Perchè la tv italiana è cosi scadente? Come mai la qualità delle nostre università si è abbassata tanto? Come mai non siamo stati capaci di gestire l’emigrazione?
Credo occorra andare indietro e capire cosa successe negli anni settanta. Fu un decennio di grandi conquiste per i lavoratori ma ci furono anche i grandi attentati e i gruppi clandestini armati. Moro fu la svolta. Uccidendolo si è spezzato un disegno politico che veniva da lontano: la Dc e il PCI che convergevano per affrontare i grandi problemi a incominciare dalla mafia e dal grande divario nord-sud. Da allora è stato un solo annaspare alla ricerca di una governabilità all’altezza dei problemi. Craxi, Mani Pulite, la scomparsa della Dc, le trasformazioni del Pci la Lega, Berlusconi: da 30 anni il paese non è governato. La classe politica si è ridotta a un ceto che difende il proprio posto di “lavoro”. Ma anche gli industriali non sono stati all’altezza. Hanno navigato a vista, non innovando, delocalizzando, confondendo gli interessi dei grossi azionisti con quello delle imprese. Questo non avviene solo in Italia ma in Italia sembra che tutto sia ancora più grave. Perché?
Avendo io più di settanta anni ricordo ancora gli anni ’50 e ‘60. L’emigrazione, la povertà delle campagne (anche al nord), l’analfabetismo, la violenza della mafia, il provincialismo culturale, il paese spaccato in due (o con l’Urss o con gli Usa). Negli anni ‘70 sembrava che stesse nascendo un’altra Italia. Ma fu un illusione! E qualcuno si incaricò di togliercela nel modo peggiore.
Accompagno spesso stranieri in Italia e, generalmente, quello che li impressiona è da una parte l’arretratezza delle ferrovie (siamo indietro di 40 anni rispetto a Francia e Germania) e poi il fatto di non trovare internet neppure negli alberghi a 4 stelle. Abbiamo in casa tutto ma quando si tratta di attrezzare il pubblico (esempio: per facilitare il turismo) sembriamo un paese del terzo mondo.
Ma a parte le divagazioni mi piacerebbe conoscere il parere degli amici della rete sulle cause dell’attuale crisi italiana.

Antonio Fattore è membro di CICERO, rete di italiani residenti all'estero. Vive in Brasile, a San Paolo
 

Commenti

  1. paola maglio

    e’ tutto vero. Oramai la classe dirigente che ci governa e’ troppo presa dai propri interessi per notare quello che sta accadendo nel nostro paese

  2. Walter Bianco

    Ho letto con molto interesse la giusta analisi sull’Italia e, da italiano in Italia, credo che il problema del nostro Paese sia dovuto all’ignoranza politica cui sono stati tenuti i Cittadini italiani. La scuola, ad esempio, dovrebbe avere come materia d’esame obbligatorio l’Educazione Civica prima ed il Diritto alle “superiori”, materie queste che dovrebbero fornire ai nostri giovani (che diventeranno presto Cittadini) le conoscenze delle filosofie che regolano la vita dei Partiti. Altrimenti, come succede oggi, non si fa politica ma solamente tifo politico a vantaggio di chi grida più forte o di chi può costruirsi un Partito politico a proprio uso e consumo…

  3. Ettore Fasciano

    leggo gli altri commenti, circa l’ articolo:
    è tutto vero…..
    giusta analisi sull’Italia….
    Ma io trovo che è troppo facile dire così.
    La verità credo che sia da ritrovare nel fatto che tutti gli italiani (ma non solo questi)che votano per uno che pensa di governare per suo interesse personale, lo fanno perchè sperano (illudendosi) di guadagnare così anch’essi in qualche modo gli stessi, ovvero almeno una parte degli stessi, privilegi, ovvero evadere leggi e tasse ed eventuali condanne. Politica e televisione sono lo specchio del Paese.

Dello stesso autore