Piccoli editori »

LUNGA VITA AI PICCOLI EDITORI

di

Prendo spunto da un articolo apparso recentemente su “Libero” a firma Massimiliano Parente dal titolo “Il nuovo non viene più da loro. Questi piccoli editori che non crescono mai”, per spezzare invece una lancia proprio a favore di questi indispensabili esponenti del panorama culturale italiano.
L’inchiostro del suddetto Parente si scaglia infatti contro i vari Fazi, Vivalibri, Fandango, Nottetempo e …

La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

» Piccoli editori

Edizioni Alegre

www.edizionialegre.it

Edizioni Alegre: il megafono delle idee figlie del Novecento e di quelle nate nel Duemila

17-11-2011

di

Edizioni AlegreEdizioni Alegre nasce nel 2003 nel punto più alto della stagione dei movimenti, dai no-global al movimento per la pace. Quella intuizione, a diversi anni di distanza e in una fase in cui quei movimenti non svolgono, almeno in Italia, un ruolo attivo, resta per noi un orientamento prezioso. Quelle istanze, motivazioni e quella generazione sono ancora le risorse per recuperare ragioni a un pensiero critico e a … continua »

Pubblicato in Edizioni Alegre

Sorci verdi, leghisti di carta per storie di (dis)umanità e di ordinaria xenofobia

17-11-2011

di

Sorci verdiSono come ve li immaginereste. I “sorci verdi” di cui si parla nell’omonima antologia appena pubblicata da Edizioni Alegre non vanno tuttavia confusi con i tre topi raffigurati nell’immagine a simbolo della 205 squadriglia della regia aeronautica, anno del Signore 1936. Sono invece quelli del sole delle Alpi, strappato in senso figurato alla sky line delle più belle vette del nord Italia per essere appiccicato sui piastrellati … continua »

Pubblicato in Edizioni Alegre

Libri per Non Global, libri di pace

30-11-2009

di

logo_alegreEdizioni Alegre prova a  salvare le culture uscite sconfitte dal fallimento del Novecento

Edizioni Alegre nasce nel 2003 nel punto più alto della stagione dei movimenti, dai no-global al movimento per la pace. Quella intuizione, a diversi anni di distanza e in una fase in cui quei movimenti non svolgono, almeno in Italia, un ruolo attivo, resta per noi un orientamento prezioso. Quelle istanze, motivazioni e quella generazione sono … continua »

Pubblicato in Edizioni Alegre

Subcomandante Marcos: “Emigrare per fame ruba la speranza”

30-11-2009

di

Intervista al guerrigliero che scuote il Messico schiacciato dai grandi proprietari della terra e della politica

– Comandante,  è  possibile  una nuova rivoluzione.

“È possibile. Simile a quella del 1910, non per quanto riguarda l’aspetto militare, ma per lo sconvolgimento dell’intero sistema politico e la rifondazione del Paese. Il problema è che tipo di Paese si rifonda, chi prenderà la parola; perché se è la classe politica attuale, il Paese non verrà rifondato, verrà solo rinnovata la sua … continua »

Pubblicato in Edizioni Alegre

Libro Gratis