QUI CAMORRA

Immondizie o faide familiari? Ricomincia la guerra dei 3 anni nella Napoli dei boss

di

Strana “associazione criminale” è la camorra. A pensarci bene questa mafia è quanto di meno associazionistico può venire … continua »

Qui Mafia

Per coprire quale segreto la Francia nasconde il delitto di Nicolas Giudici, giornalista ucciso quando frugava nei misteri della Corsica?

di

Giornalista e saggista ucciso dieci anni fa, ma il delitto è stato subito “secretato”. Prima del colpo fatale la commissione parlamentare che si occupava del “caso Corsica” lo aveva a lungo interrogato su clientelismi e vendette. Poi il delitto e … continua »

QUI 'NDRANGHETA

La ‘ndrangheta a Milano, vent’anni di onorata società

di

Se ne parla come di una novità che il ministro Maroni rimpicciolisce ma la “Duomo Connection” risale al 1990: dopo 24 operazioni di magistratura e polizia siamo arrivati ai 300 arresti di assessori e politici lombardi continua »

» Società

Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire

La nostalgia può deformare la realtà. Sparsi nel mondo guardano il paese perduto con sentimenti diversi, ma un dubbio comune: si può parlare male della patria matrigna o bisogna sempre ricordarla come un paradiso nel quale tornare?

GERMANIA – Minareti e Castelli-in-aria

03-12-2009

di

Non avevo una buona sensazione. Razionalmente mi dicevo che sarebbe prevalso il buonsenso, ma l’istinto mi faceva temere il prevalere della paura. Assurda e immotivata, ma ben presente anche nella ricca Svizzera. La paura della diversità, della contaminazione, della perdita della propria identità. A guardar bene di motivi reali non ne esistevano: in tutta la Confederazione Elvetica ci sono – dicono tutti i quotidiani – solo 4 (quattro!) minareti e nessuno di essi viene usato per chiamare a preghiera i … continua »

Pubblicato in Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire

FALSO IN AUSTRALIA – Cari emigranti, non lasciatevi imbrogliare da chi imbroglia sull’Italia lontana

03-12-2009

di

L’articolo di Silvia Greco è falso. Da qualche giorno appare sulla nostra homepage, ma non l’ha scritto la signora che vive a Sidney e collabora a un giornale molto serio: The Australian Financial Review. “Lo ammetto, sono ingenua…”: comincia così il racconto di un viaggio in Italia, da lontano patria sospirata, ma attraversata nella quotidianità la intristisce per le solite cose che tutti sappiamo e che anche … continua »

Pubblicato in Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire

AUSTRALIA 2 – Togliamo la cittadinanza italiana alla giornalista che insulta la patria

03-12-2009

di

Nella comunità italiana non si parla d’altro. L’indignazione cresce di ora in ora, man mano che questo assurdo caso rimbalza sulla bocca di ciascuno. Ci si interroga sulle motivazioni che hanno spinto la Greco a scrivere, sull’Australian Financial Review, quelle nefandezze contro la gente del suo stesso sangue e nessuno ormai crede più che non sia responsabile anche di quegli squallidi appellativi con i quali ci ha tutti profondamente offeso. C’è chi sottolinea che non è la prima volta che … continua »

Pubblicato in Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire

BRASILE – Il capo del governo c’entra qualcosa e nessuno lo può negare

03-12-2009

di

La prima cosa da fare (ndr: dopo aver letto il ritratto italiano dell’Australian Financial Review) è moderare i toni e sostituire agli insulti un minimo di riflessione sulla situazione italiana. Qualcosa certo non va e l’attuale figura del capo del governo c’entra qualcosa e questo nessuno lo può negare. Ma le ragioni sono piu profonde. Perchè la sinistra è cosi in crisi? Perchè la tv italiana è cosi scadente? Come mai la qualità delle nostre università si è abbassata tanto? Come mai … continua »

Pubblicato in Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire

La Germania ha paura: Hitler ha copiato Mussolini, noi copieremo Berlusconi?

31-08-2009

di

Hannover – Sono alcuni decenni che mia moglie mi accusa d’essere troppo noiosamente prussiano. Sentirselo dire da una tedesca fa un certo effetto, ma devo ammettere che qualcosa di vero c’è: mi ostino ad arrivare in orario (a volte, lo confesso, persino in anticipo!), credo che mantenere la parola data sia un obbligo e ho sempre cercato di essere preciso e affidabile nel lavoro. Ovviamente non suono il mandolino, non ho amici mafiosi e cerco d’evitare gaffes. Insomma, mi sforzo … continua »

Pubblicato in Italiani all'estero: i nostri politici ci fanno soffrire

Pagina 2 di 212