La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

C’era una volta la Milano da bere (e da vendere)

15-12-2011

di

Milano da morire - Foto di Chicca SilvaC’è una famosa poesia di Heine, forse il più grande poeta tedesco dell’800, intitolata “Le tre maledizioni”. L’avevo imparata a memoria al ginnasio di Orvieto e me la sono ricordata davanti a uno dei musei che ho visitato a Berlino nei giorni scorsi. Le tre terzine cominciano così: Maledetto il buon Dio….; Maledetto il Re; Maledetta la Patria nella quale… “i vermi ingrassa la corruzione”.

Milano fa scuola. Corruzione a gogò. In poco tempo si sono dovuti dimettere per lo stesso reato due vice presidenti del consiglio regionale: Filippo Penati e Franco Nicoli Cristiani. Corruzione contestata bipartisan.

Si allarga il cerchio delle investigazioni del caso Sesto, ex Stalingrado d’Italia, anche della doppia morale: una per il partito (che era come la mamma) e una per lo Stato. La guardia di finanza ha fatto una serie di perquisizioni mirate a conoscere la verità sull’ acquisto a caro prezzo dal gruppo Gavio delle azioni dell’autostrada Milano- Serravalle e sul vorticoso giro di soldi che ritornavano nelle tasche dell’ imperditore che li anticipava. Ma il caso più clamoroso è quello del San Raffaele di Don Verzè che ha un buco di bilancio di 1,5 miliardi di euro nonostante riceva dalla Regione Lombardia 450 milioni di euro all’anno.

Finora, il suicidio del braccio destro e factotum di don Verzè, Cal; due mandati di cattura per associazione a delinquere e altri reati da far tremare i polsi e le vene, per il mediatore di affari e custode di fondi neri Pierangelo Daccò, che intratteneva rapporti amicali con il presidente della Regione e di affari con Comunione e Liberazione; mandato di cattura( stessi reati) per Mario Valsecchi, ex direttore finanziario. Insomma un caso di scuola di associazione per delinquere che era di casa nelle maggiori istituzioni milanesi, nei salotti della finanza, e nella suburra della politica, sempre rispettata e temuta. Anche in questo caso mi sono venuti in mente episodi degli anni 80 quando la Regione favoriva, violando le leggi dello Stato, il San Raffaele, le cliniche di Ligresti e di Rotelli.

Maggioranze compatte e opposizioni di comodo in consiglio regionale. Solo due o tre consiglieri si opponevano alla Milano da bere e da Corruzione continua e l’hanno pagata cara. La politica in quel clima e con quell’andazzo non era per loro. Ma loro non era fatti per quella politica e non hanno mai mollato. Trenta anni dopo qualcuno dovrebbe ricordarselo e ammettere che se avessero dato retta a quei tre “matti” oggi il debito pubblico Italiano e lo Spread non costituirebbero la nostra ossessione.

Elio Veltri, medico chirurgo, è stato sindaco di Pavia dal 1973 al 1980. Eletto alla Camera dei deputati nel 1997, ha partecipato alle commissioni antimafia, anticorruzione e giustizia. È portavoce dell'associazione "Democrazia e Legalità". Tra i suoi libri: "Milano degli scandali" (scritto con Gianni Barbacetto, 1991), "L'odore dei soldi" (scritto con Marco Travaglio, 2001), "Mafia pulita" (scritto insieme al magistrato Antonio Laudati, 2010).
 

Commenti

  1. maria Cristina Frezza

    sacrosanta verità,ma Craxi per la vulgata è una vittima di “mani pulite” e a lui si propone di intestare strade perchè era “un grande statista”

  2. Mauro Matteucci

    La tragedia è che in questi anni sono contati solo il denaro e il successo. Chi si arrabattava per arrivare, massacrandosi di lavoro, alla fine del mese era solo uno “sfigato”. I frutti avvelenati le possiamo vedere – purtroppo li dobbiamo anche mangiare – oggi. Mala tempora currunt.

  3. Florestana Piccoli Sfredda

    Perchè maledire? Anche gli “agnostici” (modernizzazione di “atei” ma, sebbene vi sia una differenza fra i due termini, spesso solo un modo di esprimersi più ricercato)possono non credere in alcun Dio (“Spirito e Verità” o “Devozionale”), almeno però rispettando la libertà di pensiero e di coscienza dell’altro, senza gratuite offese. Perchè così poco rispetto per la Fede altrui? Capisco non aderire MAI al fanatismo, ma piena libertà e rispetto per chiunque abbia un suo Dio cui desideri rivolgersi.Al di fuori di qualsiasi discriminante.

  4. matrimoni lago di garda

    grazie delle info