La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Ricorrenze »

Come distruggere la Costituzione di Dossetti

21-12-2009

di

La sua rabbia nel 1991 quando l’Italia partecipa alla guerra del Golfo con aerei da guerra, violando la Carta Magna che lo impediva. Rompe un silenzio lungo 30 anni per tornare in Italia dall’esilio spirituale in Terra Santa. Segnala i pericoli di chi vuole trasformarla, purtroppo cronaca dei nostri giorni. Perfino don Verzé dice la sua…

Capisco che don Verzé sia riconoscente a Berlusconi, ma diventarne il trombettiere annunciando che la Costituzione deve essere cambiata lascia capire dove stiamo precipitando. Un sacerdote fa crescere un ospedale (il San Raffaele) beneficiando del provvedimento che allontana gli aerei di Linate per non disturbare i malati (versione riconosciuta dal governo); per allontanare il boato dei reattori da Milano 2 che il Cavaliere fatica a vendere, concretezza della realtà. Niente di male, nasce un’amicizia che gli acciacchi dell’età e la violenza di un protagonista debole trasformano in un pronto soccorso sofisticato ed impenetrabile. Ma la Costituzione cosa c’entra? A quale titolo don Verzé suggerisce di rimpastarla?

Mentre impauriti ascoltiamo le parole di un prete da novanta, ci sentiamo più che mai orfani di un prete che non fa i conti col tornaconto: Giuseppe Dossetti, uno dei padri della Costituzione. Se ne è andato tredici anni fa. Dossetti collaboratore e avversario di De Gasperi; Dossetti che nel ‘95 abbandona l’esilio spirituale nelle montagne della Giordania quando Berlusconi fa sapere come pensa di ristrutturare l’Italia che gli fa comodo. Torna a Bologna per raccogliere i costituzionalisti con un discorso drammaticamente confermato. Parla di “mitologia sostitutiva” con la quale il liberismo della destra ha aperto il conflitto costituzionale. Raniero La Valle, direttore dell’Avvenire d’Italia a Bologna negli anni dal lavoro comune tra il cardinale Lercaro e Dossetti; La Valle, analizza la “mitologia sostituiva” che tendeva a sostituire la sovranità popolare “col mito antidemocratico, anzi idolatrato, di un potere da conservare ad ogni costo e contro ogni ragione ed interesse del paese”, mediante la sollecitazione di forme plebiscitarie per “ridurre il consenso del popolo sovrano all’applauso del popolo sovrano”. Dossetti ricordava il senso della sovranità del popolo custodito dalla Costituzione che si vorrebbe cambiare stravolgendo “la volontà popolare che ha, come normale espressione, la sua rappresentanza nelle assemblee del parlamento”. Dossetti era talmente preoccupato da girare l’Italia per lanciare l’allarme. Ogni sera la sua voce: aveva 81 anni. Denunciava che “alla Costituzione ancora formalmente e sostanzialmente vigente si sono volute opporre ipotetiche norme di una mitica Costituzione ancora non scritta, del tutto immaginarie, sulla semplice base di deduzioni ricavate solamente dalla legge elettorale maggioritaria, deduzioni de tutto infondate e senza nessun precedente in qualunque ordinamento costituzionale”. Gennaio 1995. Quindici anni dopo il cammino dei cambiamenti passa per le Tv, madri della patria.

Il degrado politico anni ‘90 allarmava il politico che aveva lasciato la politica. E quando nel 1991 i nostri soldati vanno per la prima volta a “difendere i sacri confini” fuori dai nostri confini bombardando Saddam Hussein, guerra del Golfo, rompe per la prima volta un silenzio lungo 30 anni. Lo strappo alla Costituzione disegnata dopo il fascismo gli sembrava intollerabile. Viveva ormai lontano dalle sacrestie dei partiti che lo avevano visto antagonista a De Gasperi. Assieme a La Pira, Ardigò, Alberigo, Andreatta, quel gruppo bolognese dove Prodi stava crescendo, si era illuso di creare un movimento cattolico nel quale morale e cultura disegnassero una società di partecipazione comunitaria. Laica e slegata alle influenze vaticane. Utopia troppo severa; avevano vinto gli “altri”. E Dossetti si ritira negli studi monastici sulle colline di Bologna (Monte Sole attorno alla Marzabotto del massacro nazista), e poi lungo il Giordano. Ed ecco il silenzio si rompe nell’incontro con un giornalista in una baracca di Ma’hin, monte Nebo, dove Mosè aveva sfiorato la terra promessa. Accetta le domande con qualche esitazione. Preferisce rispondere scrivendo: “Credo sia meglio, dopo tanto tempo. Se poi lo desidera possiamo parlarne, ma la sostanza non cambia”. Leggo ad alta voce i foglietti che mi allunga. Dossetti ascolta le sue parole con le mani intrecciate, come pregasse.

“Dal momento che questa guerra, contro ogni speranza di ragionevolezza, è deplorevolmente scoppiata, credo di dover osservare il silenzio in modo ancor più rigoroso. Ma c’è una volontà più forte: attestare il nostro ascolto e una nostra attenzione verso non poche rivendicazioni islamiche di questa congiuntura. Ecco perché restare qui, mentre gli eserciti si affrontano, non può non essere rispettoso, umile e pacifico, non solo nelle intenzioni anche nei comportamenti. Dice il salmo 33-14-15 ‘Preserva la lingua del male, le labbra da parole bugiarde. Fà il bene, cerca la pace e perseguirla’. Ho l’impressione che non si persegua la pace quando le parole restano equivoche ed anche bugiarde. Come italiano e antico costituente, potrei aggiungere che molte menzogne si sono pronunciate nel Parlamento di Roma. Per giustificare la partecipazione di nostre forze aeronavali, si è fatto dire all’articolo 11 della Costituzione ciò che non corrisponde né alla lettera, né al suo spirito”.

Articolo 11 la cui stesura lo aveva impegnato nella mediazione tra De Gasperi e Togliatti. “C’è una decisione delle Nazioni Unite…”, provo a ricordargli, rompendo l’accordo delle domande scritte. “Si è preteso di collegare l’interpretazione a una finzione verbale e al ristabilimento di una legalità internazionale. Troppe volte in passato questa Carta non è stato strumento di legalità. E la guerra di oggi rischia di diventare illimitata nel fine come nei mezzi. L’Onu dà l’impressione di averla abbandonata a se stessa. Non ne controlla gli sviluppi e affida il conflitto all’arbitrio, per così dire tecnico, di una delle due parti in contesa”. Nel salutare, due parole: “Non so se sono un vero uomo di pace, ma spero di avvicinarmi alla speranza per diffondere la pace che è un bene universale”.

Illusione che non convince Livio Caputo: prima di diventare sottosegretario del Berlusconi I, governava gli esteri del Corriere. “Cosa c’entra la Costituzione con la guerra?”. Insomma, Dossetti vecchio impiccio fuori dal mondo. Ma Ugo Stille e Giulio Anselmi dedicano a Dossetti un grande titolo di terza pagina. E il mattino dopo Il Giornale diretto da Montanelli commenta la riflessione di Dossetti col disprezzo di Nicola Matteucci: “Aveva taciuto trent’anni, poteva continuare”. Poi è venuto l’Afghanistan e la Bagdad che sappiamo. Imbarazzo superato, Costituzione adattata ai buoni rapporti internazionali. Possiamo partecipare ad ogni guerra preventiva nel rispetto della nostra Carta fondamentale. Ma non basta: purtroppo la Carta lega le mani a chi governa. Si vuole allargare lo strappo per cambiare la vita di tutti. Meno uno. Protagonisti gli stessi nomi. Solo Dossetti è la memoria della speranza.

 

Commenti

  1. fredo olivero

    Sono perfettamente in accordo con Maurizio Chierici e vorrei sottolineare come la costituzione sia una sintesi laica del Vangelo o almeno di alcuni suoi valori sociali come il valore dell’uomo,la ricerca di pace attraverso la giustizia,la fine della guerra come soluzione dei conflitti
    Grazie a voi che continuate a difendere l’uomo ,la persona,i deboli, i diversi come portatori di questo messaggio di pace
    Vendere il vangelo per fini di interesse ,cosa che i preti che conosco fanno sovente come don Verzè in questo caso ,si chiama simonia o tradimento del vangelo e dei valori dell’uomo.
    don fredo olivero