La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Mondi » America del Sud »

Cile: i pinochettisti tornano al potere

19-01-2010

Il Cile volta pagina e la destra torna al potere vent’anni dopo la caduta di Pinochet e quattro governi di centro sinistra. In apparenza il passaggio non è traumatico. Al Posto di Nixon e Kissinger, anime nere del colpo di stato che uccide Salvador Allende, a Washington c’è Obama e il mondo sembra cambiato, ma le radici politiche e il potere economico del nuovo presidente annunciano una trasformazione non indolore. Sebastian Pinera ha vinto per un soffio. Per un soffio aveva perso quattro anni fa con la Bachelet e per un soffio anche il socialista Lagos era entrato alla Moneda battendo gli ex pinochettisti di Lavin malgrado l’Opus Dei soffiasse alle spalle. La tragedia, i furti e le torture del governo militare non hanno cambiato un paese che resta spaccato in due. L’enigma Cile continua.

Pinera aveva promesso di risolvere un conflitto di interessi di abitudine berlusconiana. È proprietario della Lan Cile, colosso delle compagnie aeree nel continente; proprietario del Colo Colo, squadra più amata del paese; proprietario della Tv Chilevision e di 41 società raccolte in un grattacielo naturalmente suo. Partecipazioni a banche e giornali, miliardario dal profilo non latino: sorride ma non ride, distribuisce simpatia senza barzellette. Con qualche debolezza: ha orrore dell’invecchiare e affida al bisturi l’effimera giovinezza. Cinque anni fa via rughe cancellate e palpebre rialzate. 61 anni e radici familiari duramente pinochettiste. José, fratello maggiore, è il ministro dell’economia che ha disegnato il Cile dei militari. Una sera si é affacciato nei Tg unificati per annunciare “fra tre mesi lo stato non pagherà più le pensioni, anche gli imprenditori privati si adegueranno al nuovo sistema: dalla ripartizione alla capitalizzazione”. Insomma, provvedete da soli a garantire la vecchiaia. Boom di banche e assicurazioni, suicidi di vecchi pensionati disperati dal riconteggio che li lascia a tasche vuote. E l’emigrazione economica allarga la fila di chi scappa dalla paura.

Assieme a Joaquin Lavin (consulente di Pinochet), Sebastian Pinera va negli Stati Uniti per imparare da Milton Freedman, teologo del liberismo esasperato, le regole dei Chicago Boys: il Cile diventa paese cavia della dottrina che ha poi distrutto l’America Latina. Il 30 per cento della popolazione diventa classe privilegiata. Il resto deve tirare la cinghia sperando “nelle ricadute del benessere”. Dottrine sociali cancellate, sindacati imbavagliati. Il nuovo presidente è cresciuto così. Ma guardando Santiago da Chicago capisce che l’immagine della rivoluzione liberista soffre dalla presenza ingombrante del generale dagli occhiali neri. Nasce la necessità di un pinochettismo senza Pinochet e quando il dittatore pretende che un referendum ne allunghi il governo, Pinera vota no. “Cambiare protagonisti per confermare le buone regole”. Solo l’immagine è invecchiata.

L’altro partito della coalizione della destra che non dimentica Pinochet è guidato da Lavin: il più strutturato e con tanti deputati in parlamento. Nelle sue file i sopravissuti dei governi della repressione. Almeno all’inizio Pinera promette di non farli ministri. Ma non li esclude dagli incarichi chiave che regolano la vita e le speranze quotidiane. “Chi non ha violato i diritti umani può essere utile al paese”. La costituzione gli consente di cambiare 8.430 consiglieri e dirigenti, 20mila ausiliari preziosismi nei rapporti con la gente, 73 facce nuove nel ministero dell’interno, 8 giustizia e difesa, connubio del quale si è servito il centrosinistra per controllare le nostalgie militari. Chissà che fine faranno i processi. Spariranno nel mistero documenti mai rivelati su delitti e sparizioni: non c’è riuscita la Bachelet, adesso l’oblio. Bachelet che ha inaugurato nella settimana elettorale il museo della memoria. Pinera non si è visto: “Non mi hanno invitato…”, ma la signora presidente lo ha smentito: invito consegnato alla segretaria personale.

Gli sconfitti fanno il mea culpa. Troppi errori e divisione fatale di Marco Enriquez Ominami, corsa solitaria del ragazzo che voleva sciogliere la burocrazia della vecchia sinistra: il suo 20 per cento ha inginocchiato Frei. “Oggi si chiudono i vent’anni della transizione…”. Ma cominciano anni complicati. Più insidiosi. Nell’Italia ‘70 sconvolta dagli attentati, con P2 e servizi deviati alla regia, nell’Italia del delitto Moro, Il Time dedica la copertina alla nostra fragilità: “Spaghetti italiani in salsa cilena”. Nel nuovo Cile del Pinera miliardario e signore di tutto diventano “Spaghetti cileni in salsa italiana”. Dietro le buone parole la realtà è questa.

 

Commenti

  1. vincenzo zamboni

    non mi fa piacere venire a sapere che la destra ha vinto le ultime elezioni in cile.
    ma si è trattato di libere elezioni, ovvero di libera scelta dei cileni.
    “sui quisquis fortunae faber” (ognuno è autore del proprio destino).
    nel caso del criminale colpo di stato militare della jena pinochet la decisione era stata presa dai carri armati e dai sadici torturatori neonazisti della dina.
    il caso di libere elezioni, invece, è diverso, va rispettato come qualsiasi altro esito.

  2. Domenico Falconieriù

    Libere elezioni? Miu viene un forte dubbio, visto il potere, soprattutto mediatico del Berlusconi cileno. Ma poi, con questo ritornello del rispetto delle “libere elezioni” si vuol sempre giustificare tutto, anche quel potere, come nel caso, che si preannuncia pericolosamente di una destra vicina a quella estrema di un tempo? In Italia, la destra, con la vittoria nelle “libere elezioni” e tutti coloro che lo ripetono pedissequamente, si giustifica un governo che ha dimostrato e dimostra d’essere il peggiore mai esistito.

  3. Domenico Falconieri

    E.c. Domenico Falconieri; mi viene un forte dubbio; e tutti coloro che lo ripetono pedissequamente, giustificano un governo; mai esistito nella storia della repubblica.