La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Perché la città ha rivotato a sinistra dopo gli anni catastrofici della sinistra degli affari? Per la speranza annunciata di un magistrato il cui coraggio è stato soffocato dalle cupole di una certa magistratura ma acclamato dagli elettori. Affronta un'eredità terribile, le immondizie ne sono solo il simbolo: "Quel tutti assieme possiamo farcela" resuscita laNapoli che non si vuole arrendere

De Magistris non è Masaniello: vuol “solo” liberare Napoli dalle caste in concorrenza (o in amicizia) con la camorra

31-05-2011

di

Foto di Alessandro GrazioliMasaniello è tornato? Alle orecchie dei napoletani, di quel 50% che è andato a votare, questo stereotipo risulta irritante. È stato eletto sindaco un outsider, un giovane ex magistrato che ha dimostrato di saper combattere e di non aver paura quando ha esercitato a sua delicata professione; per aver osato troppo è stato castigato, ha lasciato la magistratura, è entrato in politica con l’unico partito che gli ha dato una mano quando gli crollava addosso il suo progetto di vita in magistratura. È stato eletto deputato europeo ed ha lavorato né troppo in silenzio né facendo molto rumore. Da ragazzo studioso, si è formato su quegli scanni.

È napoletano ed è giovane, due qualità che legittimano la sua candidatura a sindaco di Napoli quando i grandi partiti sguazzavano negli inciuci e il PD metteva in scena le primarie più grottesche viste fino ad ora, in cui una manifestazione di democrazia dal basso si trasformava in una farsa di bassissima lega. L’audace candidatura sostenuta dell’Italia dei Valori ha disturbato il principale partito di opposizione che lo ha tenuto in non cale e ha tirato fuori un candidato poco o per niente noto nella città nella quale non aveva neanche la residenza. Anche al Sel di Vendola è mancato il coraggio di fare quanto aveva fatto altrove, e si è accodato alla sorda strategia del PD, perdendo una bella occasione.

Mentre i partiti facevano i loro giochetti, chiusi nelle loro sedi, la città era portata allo stremo non solo dai lunghi anni di governo del PD e dei suoi alleati ma soprattutto dalla pratica di commistione di interessi, di intrecci di alleanze spurie, dalla non volontà di affrontare a viso aperto gli antichi mali di questa città o dall’impossibilità di farlo. Per colmo di ironia, tutte le colpe ricadevano su noi cittadini, incapaci di badare alle nostre immondizie, privi di senso civico, pericolosamente inclini alla malavita, abusivisti congeniti. E adesso che i cittadini (una buona parte di essi), con l’arma democratica della scheda, hanno ragionato di testa loro, ecco che il commento è che abbiamo eletto un nuovo Masaniello (con il lugubre presagio della sua fine violenta), oppure un San Gennaro (con la spiacevole liquefazione del sangue), o addirittura “un guaglioncello che fa le battute come il Berlusconi di un tempo”, come ho sentito dire da un giornalista a “Prima Pagina”.

Insomma, in tempi di fine delle ideologie, quando la partitocrazia e i partiti stesso sono messi in crisi in tutto il mondo (sono già dieci anni e più che in America Latina le piazze hanno gridato “Que se vayan todos”), in tempi di indignazione e di accampamenti nelle piazze europee in protesta contro gli apparati di destra e sinistra incapaci di dare speranza ormai a più di due generazioni di giovani, l’elezione di De Magistris a Napoli – prima ancora che abbia mosso un dito- viene ridotta a “macchietta napoletana”.

Il perdente, l’industriale Gianni Lettieri, ha usato una frase che dovrebbe diventare l’imperativo categorico di chi da oggi ha la responsabilità di questa infelice città. Lettieri ha fatto gli auguri di buon lavoro al rivale usando parole educate e ha ricordato: “La città ha bisogno”. Questa città ha un bisogno urgente di prendere slancio, di attingere alle sue tante risorse, di ritrovare speranza ed entusiasmo per ridisegnare la sua quotidianità. A chi si interroga, con malizia, sul significato di una frase ripetuta spesso da De Magistris: “Abbiamo liberato Napoli”, vorrei spiegare che la città è stata liberata non dalla camorra o dalla sinistra, dal malaffare o dall’ignavia, ma dal groviglio in cui tutte le classi dirigenti, tutte le caste locali, regionali e nazionali l’hanno tenuta prigioniera.

La città -quella parte maggioritaria della città che ha continuato a votare a sinistra, approfittando dell’occasione offerta dall’outsider dell’Italia dei Valori- si è liberata dalla convinzione di non poter fare breccia nel muro di interessi privati che hanno mantenuto la città in una palude davvero mefitica che ha rischiato di inquinare perfino la salute dei cittadini, mentale e fisica. La città ha votato a sinistra dopo anni di una sinistra deviata e bugiarda. E ne sono orgogliosi. Con De Magistris si torna a sperare e a credere che partecipare si può.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/10. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Alessandra Riccio ha insegnato letterature spagnole e ispanoamericane all’Università degli Studi di Napoli –L’Orientale. E’ autrice di saggi di critica letteraria su autori come Cortázar, Victoria Ocampo, Carpentier, Lezama Lima, María Zambrano. Ha tradotto numerosi autori fra i quali Ernesto Guevara, Senel Paz, Lisandro Otero.E' stata corrispondente a Cuba per l'Unità dal 1989 al 1992. Collabora a numerosi giornali e riviste italiani e stranieri e dirige insieme a Gianni Minà la rivista “Latinoamerica”. E’ tra le fondatrici della Società Italiana delle Letterate.
 

Commenti

  1. shobha battaglia

    bellissimo articolo Alessandra!

  2. Fausto Maria Carallo

    Analisi completa delle ragioni della vitoria del Dott. De Magistris. Le mie più calorose felicitazioni per i Cittadini Napoletani hanno eletto un Sindaco e vivaddio SE LO MERITANO. Con stima
    Fausto M. Carallo

  3. michele

    Analisi realistica della città di Napoli e di tanta parte ancora della Campania. Ora si può sperare in un cambiamento radicale con l’impegno di tutti, sopratutto dei cittadini a collaborare per salvare questa città.