La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Inchieste » Noi, ragazzi »

Intervista a DE MAGISTRIS: “Stiamo imbrogliando i ragazzi, non li informiamo che il loro futuro arriva dall’Europa”

07-12-2009

di

Luigi De Magistris ha lasciato la toga. Oggi, eletto al Parlamento europeo nelle liste IdV, guarda l’Italia da Bruxelles. Ascolta giudizi e impressioni dei parlamentari di altri paesi. Cosa pensano di noi?

Vi sono deputati europei che conoscono molto a fondo l’Italia, sono bene informati e vanno al di là delle apparenze, riuscendo a fare un’analisi approfondita. Il filone di pensiero che predomina è l’identificazione Italia-Berlusconi. Un po’ come una volta poteva essere Italia-mafia o Italia-spaghetti. Una domanda ricorrente che viene posta è: come mai gli italiani, benché si sappia quasi tutto di Berlusconi, continuano a votarlo? L’immagine del nostro paese, dunque, è molto negativa. Però accade un fenomeno curioso, che mi ricorda l’atteggiamento verso i meridionali emigrati al nord: c’è un pregiudizio negativo, ma quando dimostrano di essere meridionali di valore vengono apprezzati più degli altri. Stessa cosa accade in Europa. Ho notato che l’intera realtà delle istituzioni europee, quando incontra italiani di valore che si impegnano indipendentemente dalla bandiera politica, mostra un apprezzamento molto forte. È incoraggiante perché significa che c’è un riconoscimento dell’importanza dell’Italia. Perciò l’attuale decadenza italiana è qualcosa che rattrista non solo noi italiani “non berlusconiani” e “non castali”: c’è anche una stragrande maggioranza di europei che vorrebbero un’altra Italia. Ho colto ad esempio l’imbarazzo palpabile dei deputati del PPE costretti a schiacciarsi sulle posizioni berlusconiane, in occasione della risoluzione sul pluralismo e la libertà dell’informazione. Questa situazione non potrà durare a lungo, perché l’Europa non può permettersi di essere condizionata da Berlusconi.


In che senso “non può permettersi”? Pensa che l’Europa cercherà di intervenire nella nostra politica interna?

Segnali di questo tipo ci sono. Il quadro è in movimento. Non è un caso che, specie dopo gli scandali delle escort e le frizioni tra il Governo e le gerarchie ecclesiastiche, in Italia vi sia oggi un riposizionamento dei poteri forti verso il cosiddetto “terzo polo”. Segnali ce ne sono, ad esempio, sulla questione dei fondi europei: l’Italia sta al primo posto per la violazione della normativa sulla gestione dei fondi. Io peraltro ho un destino un po’ strano: come presidente della commissione per il controllo dei bilanci mi sto occupando delle stesse cose di cui mi occupavo da magistrato… Mi accorgo della posizione molto severa della Commissione europea verso le nostre politiche dell’immigrazione: la violazione del diritto d’asilo, la pratica dei respingimenti indiscriminati. Insomma: non tira una buona aria per l’Italia. Berlusconi continua a dire che chi sostiene queste posizioni è un “anti-italiano”. In realtà è esattamente il contrario: noi chiediamo semplicemente all’Europa un aiuto per liberarci di questa pessima immagine dell’Italia all’estero.


Lo scorso 1 dicembre sono entrati in vigore il Trattato di Lisbona e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Quali sono, dal suo punto di vista, le luci e le ombre di questo passaggio istituzionale? Paolo Barnard, per esempio, riferendosi in particolare ad alcuni protocolli aggiuntivi, ha definito il Trattato di Lisbona un “colpo di stato”. La nuova Carta introduce però anche nuovi strumenti di democrazia partecipata, come la possibilità di presentare alla Commissione proposte di legge sottoscritte da almeno un milione di cittadini europei.

Il Trattato di Lisbona è un passo indietro rispetto alla Costituzione europea. Però è anche un passo avanti importante per chi ha a cuore la democrazia, e con essa un ruolo sempre più forte dei parlamenti. Noi fino ad oggi abbiamo discusso di istituzioni europee sapendo che i manovratori erano i governi nazionali. Adesso invece, su diverse materie fondamentali, il Parlamento condivide maggiormente le decisioni con il Consiglio d’Europa e la Commissione europea, assumendo così un ruolo centrale. È chiaro che bisogna fare ancora molti passi avanti. Il Trattato di Lisbona mi sembra povero, per esempio, rispetto a quello che io chiamo lo “stato sociale di diritto”: le garanzie del welfare, la tutela dei più deboli, le politiche del lavoro. C’è ancora una forte impronta liberista e sono necessari miglioramenti per quanto riguarda i pericoli legati agli interventi militari. L’Italia dei Valori ha presentato due provvedimenti secondo me importanti: bandire le armi nucleari entro i prossimi dieci anni e aggiungere ai crimini contro l’umanità l’aggressione di uno stato nei confronti di un altro. C’è bisogno di una politica estera e di difesa comune dell’Europa. E’ chiaro che l’obiettivo finale deve essere quello di un pacifismo senza armi, ma non è immediatamente raggiungibile. Io immagino una Europa che va dal Portogallo alla Russia. Ciò avrebbe una conseguenza importante: il superamento della Nato. Questo sarebbe già un grande cambiamento, che consentirebbe di evitare in futuro provocazioni come quella dello scudo spaziale di Bush, che pretendeva il posizionamento di missili ai confini tra l’Europa e la Russia. Anche sui diritti individuali vi sono aspetti che vanno migliorati. Penso che si debba essere più netti sulla definitiva abolizione della tortura. Su questo punto presenterò una mozione nei prossimi giorni. Sulla pena di morte anche la recente risoluzione sugli spazi di libertà e di giustizia in Europa (Programma di Stoccolma) conferma un atteggiamento di totale chiusura. Mentre sulla tortura permane invece qualche ambiguità di troppo: dire che “non si tollerano le torture” è poco. Detto questo, considerando i tempi della politica europea, credo che complessivamente si siano fatti dei passi avanti.


Riguardo alle prospettive future dell’Unione, oltre all’allargamento ad est da lei auspicato, che destino avrà la visione euromediterranea dell’Europa? Che rapporto dovrebbe svilupparsi, secondo lei, tra l’Europa e i paesi affacciati sul Mediterraneo?

Faccio parte del gruppo euromediterraneo. Credo che l’Europa debba avere buoni rapporti non solo con gli USA, con la Cina e l’India ma, dal punto di vista politico, anche con l’area mediterranea. L’Italia dovrebbe aver tutt’altra politica rispetto a quella di un’asse con Gheddafi, fondato sugli affari (come la costruzione di lager per i migranti o la realizzazione di opere pubbliche nelle quali lavoreranno le solite famiglie di imprenditori legati alla politica). C’è poi il problema della Turchia. E c’è il problema della missione in Afghanistan, rispetto alla quale l’IdV si è astenuta: personalmente avrei votato contro, coerentemente con l’articolo 11 della Costituzione italiana. Stiamo mandando allo sbaraglio i nostri militari spacciando una guerra per “missione di pace”. L’Europa, che oggi purtroppo è scomparsa dallo scacchiere mediorientale, dovrebbe diventare protagonista nell’area mediterranea. Anche perché ho l’impressione che l’attuale posizione dell’amministrazione Obama sul Medioriente sia piuttosto debole. Anche in vista dell’appuntamento della Conferenza sul clima di Copenaghen (7-18 dicembre 2009), purtroppo le notizie che arrivano non sono buone: anche stavolta, nonostante l’impegno dell’Europa, non si riuscirà a condividere una svolta radicale sulla riduzione delle emissioni.


Recentemente il ministro della sanità polacco Ewa Kopacz, riferendosi alla distribuzione del vaccino dell’influenza H1N1, ha denunciato al Parlamento europeo quella che ha definito una vera e propria “truffa” delle multinazionali farmaceutiche (ad esempio la Novartis). Cosa ne pensa?

Condivido le preoccupazioni del ministro Kopacz. Mi sto occupando personalmente di questa vicenda e sto raccogliendo materiale molto interessante sul quale a giorni pubblicherò un post sul mio blog (www.luigidemagistris.it). Mi preoccupa questo allarmismo creato attorno alla pandemia da influenza A. Del resto vi sono dei precedenti. Non tanto con la Sars, quanto con l’aviaria: la Regione Lazio, allora guidata da Storace, acquistò vaccini per miliardi di euro, a fronte di un numero esiguo di patologie. Allo stesso modo l’attuale massiccia campagna di vaccinazione desta perplessità. Si pensi alla distribuzione di vaccini diversi tra le forze dell’ordine e i comuni cittadini: un vaccino più sicuro per i primi e meno sicuro per i secondi. Inoltre la storia della medicina insegna che spesso vi sono effetti collaterali devastanti. Sto raccogliendo tantissimi casi. Non vorrei avessimo più morti per i vaccini che per l’influenza. Anche le informazioni mi sembrano molto scadenti: tutto è finalizzato a diffondere il panico tra i cittadini, enfatizzando questa pandemia. Mi insospettisce che si debbano firmare clausole di esonero da responsabilità quando si fa il vaccino. E vorrei conoscere la quantità di mercurio e di piombo che si trova nei vaccini. Per quel che vale, i miei figli non li faccio vaccinare. Ma non voglio fare polemiche politiche: qualunque governo si troverebbe in difficoltà di fronte alla enorme pressione delle multinazionali. Bisogna, comunque, tenere alta l’attenzione: non possiamo escludere che in futuro qualche virus possa sfuggire al controllo creando situazioni pericolose.


Molti giovani italiani fanno fatica a sentirsi cittadini europei. Cosa fa e cosa può fare in concreto l’Europa per aiutare questi giovani a superare la gerontocrazia che soffoca il cosiddetto “ricambio generazionale”? Perché un ragazzo dovrebbe avere fiducia nell’Europa e nelle sue istituzioni?

L’Europa guarda con molta attenzione ai giovani. È grave che in Italia vi sia poca informazione su cosa succede in Europa. Non conoscenza che toglie ai giovani opportunità di lavoro. Attraverso la Commissione e le Agenzie, l’Europa apre ai giovani una serie di possibilità. Per esempio: esistono progetti molto interessanti in materia di ricerca, attraverso i quali i fondi vengono assegnati direttamente ai ricercatori, purché si appoggino alle Università. Opportunità che spesso restano sulla carta, anche perché molte Università non hanno le strutture idonee ad intercettare questi fondi. In Europa esistono posizioni anche avanzate. Si punta sulla capacità dei giovani di fare economia. I giovani dovrebbero guardare all’Europa quale punto di riferimento per una economia di tipo diverso, basata sul rispetto e la tutela dell’ambiente. Una economia che richiede la creatività e l’impegno delle giovani generazioni.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/04. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Riccardo Lenzi (Bologna 1974) è redattore e free lance. Ha scritto due libri: "L'Altrainformazione. Quattro gatti tra la via Emilia e il web" (Pendragon, 2004) e, insieme ad Antonella Beccaria, "Schegge contro la democrazia. 2 agosto 1980: le ragioni di una strage nei più recenti atti giudiziari" (Socialmente, 2010)
 

Commenti

  1. carmelo alaimo

    De Magistris,sei eccezionale ed eccezionale il tuo impegno .Sorprendenti la tua capacita’ di analisi e la tua posizione che definirei di “sinistra”.

  2. carla burlini

    grazie per l’impegno. Vorrei tanto conoscere le iniziative del gruppo Idv di PC per poter dare il mio piccolo contributo: Grazie e buon lavoro carla

  3. francesco facchini

    non ha risposto alla domanda…barnard ha fatto una bella ricerca sul trattato di lisbona e mi pare che le cose da denunciare siano ben altre…secondo la sua inchiesta avra’ potere solo la Commissione europea tra l’altro non eletta dai cittadini…le leggi europee sovrasteranno quelle nazionali..a me non pare una cosa fatta bene..e l’IDV ha votato all’unanimita’ l’approvazione del trattato nel nostro parlamento…non sta a me giudicare ma mi pare che anche loro non siano stati molto attenti…vuoi per buona fede…vuoi per convenienza..che vivra’ tirera’ le conclusioni…

  4. anna russo

    Mi sorprende, nell’Italia dei Valori qualcuno veramente di sinistra…. grazie De Magistris. Chissà forse è ora di ricambi! Comunque sono contenta, dovremmo sostenerti di più!
    Anna Russo

  5. Adele Emma Masini

    Un intervento di grande interesse.
    E’ una continua conferma di quale sia la valutazione dell’Italia all’estero, cosa che tutti noi ci sentiamo dire da chi – italiano o no – viva all’estero.

    L nostra “tragica” situazione gira sempre ad una domanda che ci facciamo continuamente. Come fanno tanti italiani – anche non mafiosi o intrallazzatori – anche gente semplice e per bene ad appoggiare Berlusconi di cui, se non si chiudono occhi e orecchi, si sa tutto il male…

  6. Andrea

    Caro On. De Magistris condivido pienamente le sue dichiarazioni, consapevole delle illegalità e anomalie del sistema italiano.Ribadisco la mia fiducia nella preferenza assegnatale. Saluti.

  7. marco ze

    Sono sempre più contento di averti votato, finalmente una scelta giusta dopo tutti questi anni di votazioni col naso otturato (sempre a sinistra) per votare il meno peggio.

  8. mario

    Difficile dire cosa sia peggiore, se l\’adesione al superstato europeo o se la mafia di stato.
    Il punto nodale è la cultura. La gente non è attenta, non è ricettiva. Il Diritto non viene preteso.
    Se saluti uno sconosciuto per strada, questo abbassa lo sguardo. C\’è paura e diffidenza, laddove non c\’è vergogna… perché i furbetti sono tanti.

  9. Ignazio Podda

    De Magistris??????????????????? Leggete anche altro!!!!!!!

  10. giacomo todaro

    Bella intervista, complimenti all’intervistatore! Peccato che De Magistris non abbia risposto in merito alle questioni poste da Barnard. Probabilmente De Magistris si è fermato a leggere solo il testo dell’articolato del Trattato di Lisbona e non ha ancora idea di cosa contengano i protocolli aggiuntivi.
    Suggerirei a De Magistris la visione della conferenza di Barnard (su youtube “Trattato di Lisbona Barnard”) e poi la consultazione dei protocolli aggiuntivi, disponibili in rete, a partire dal testo della contestata Convenzione sui Diritti Umani (incluso la parte sulla “soppressione della vita” in caso di rivolte e insurrezioni popolari). Inoltre è assai arduo sostenere che il ruolo del Parlamento Europeo esca rafforzato dal Trattato di Lisbona: non mi pare che ciò corrisponda al vero, e lo vedremo nei fatti prossimamente…

  11. Filippo Angileri

    Caro De Magistris,
    mi complimento con te.Conosci la Comunità Baha\’i? E\’ essenziale che tu la conosca.Tutte le migliori aspirazioni dei popoli,sia europei che di altri continenti, di tutti gli esseri umani si realizzeranno attraverso la messa in atto degli insegnamenti che porta questa Fede.
    \"La terra è un solo paese e tutta l\’umanità ne sono i cittadini\"
    Bahà\’ù\’llàh
    Un fraterno saluto
    Filippo Angileri