La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » L'italiano in maschera »

Dopo la strage neofascista dei senegalesi a Firenze, la Lega va in tv a parlare (e straparlare) di stranieri

22-12-2011

di

Dopo che a Firenze un estremista di destra ha ucciso, scegliendoli per il colore della pelle, Modou e Mor (ragazzi senegalesi), sono stato invitato a Tele Iride per un dibattito con Marco Cordone (Lega Nord) e Di Giulio (Casapound Firenze). Argomento: razzismi e razzisti. Da non perdere gli sbotti del rappresentante della Lega, che fra le altre cose mi dà del fomentatore di violenza e afferma di avere un fascicolo su di me.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/06. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Saverio Tommasi è attore e autore di libri e spettacoli di teatro civile. Realizza inchieste video di taglio giornalistico, anche con telecamera nascosta. Il suo pensatoio è http://www.saveriotommasi.it.
 

Commenti

  1. Mauro Matteucci

    Bravo Tommasi: la Lega è un partito con idee naziste e il fatto più vergognoso è che anche i partiti di sinistra la trattino con i guanti bianchi, perché devono fare il bilancino dei voti. Come si sono lasciate liberamente circolare idee criminali che hanno prodotto comportamenti criminali, come quello che ha provocato la strage di Firenze?

  2. Gianluca Mantegazza

    Il titolo è volutamente fazioso cosa c’entra il Neofascismo con la follia,allora lo stupratore seriale consigliere del Pd doveva essere considerato come esponente della sinistra .
    La faziosità è sempre rivoltante un Giornalista si presume debba essere obiettivo cosa che lei non lo è

  3. Mario Razetti

    La questione, a mio parere, è che comprendere che le sparate della Lega danno voce al peggio che c’è in noi e che servono a distogliere l’aggressività dagli obbiettivi reali richiede un minimo di finezza, un minimo di sviluppo della coscienza interiore: l’opposto della condizione umana prevalente in un paese ancora largamente autoritario, in fuga dalla libertà.

  4. Gianfranca Fois

    Una persona che spara scegliendo le persone in base al colore della pelle e’razzista e fascista. La propaganda della lega, e non solo, scatena appunto i peggiori istinti degli uomini e puo’spingere le menti piu’deboli ad atti violenti, quindi nel caso di Firenze si tratta di un fascista, che ha spesso espresso le sue idee fasciste, e la follia e’del tutto secondaria. Smettiamo di banalizzare quanto e’accaduto.