La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Mondi » America del Nord »

Se sono spie russe volano subito via. Ma Gerardo Hernandéz Nordelo, 47 anni - uno dei cinque cubani accusati di spionaggio, condannati in processi contro i quali sono intervenute le Nazioni Unite - viene chiuso nella cella di rigore alla vigilia di ogni processo. Non importa se anche i medici del carcere riconoscono che sta male. Nessuno riesce a capire perché il Dipartimento di Stato risponda a monosillabi

Ecco come gli Usa trattano i prigionieri cubani

05-08-2010

di

Non riesco a farmi entrare in testa la logica che regge il criterio di informazione per quel che riguarda Cuba, una piccola isola del Caribe che non minaccia nessuno e che non ha fatto male a nessuno. Mentre leggo e sento moltissima informazione sui detenuti rilasciati dal Governo cubano con la mediazione della Chiesa cubana e del Governo spagnolo e posso conoscere le dichiarazioni dei venti dissidenti arrivati a Madrid con cento familiari al seguito (uno di loro si è portato dietro, oltre alla legittima consorte, anche la prima moglie dalla quale è divorziato!) o sentire le descrizioni orripilanti delle carceri cubane e delle condizioni di detenzione, non mi è altrettanto facile trovare qualche notizia sul caso famoso dei cinque cubani prigionieri negli Stati Uniti con l’accusa di aver spiato segreti di stato. Intanto vorrei sapere per quale ragione qualche settimana fa le spie russe che operavano in territorio nordamericano sono state prontamente rimpatriate mentre per i cinque cubani non c’è pietà nè indulgenza, ammesso e non concesso che abbiano messo in pericolo la sicurezza degli USA. In realtà, sulla scorrettezza dei processi che li hanno condannati a pene pesantissime si sono pronunciati fior di giureconsulti e perfino le Nazioni Unite; tuttavia, dopo 12 anni e vari presidenti, il loro destino è ancora quello di marcire in carcere.

Adesso si apprende che Gerardo Hernández Nordelo, 47 anni, costituzione robusta e tempra di ferro, dal 21 luglio è stato scaraventato ancora una volta nel famigerato hueco, una cella di due metri per uno che prende aria da un piccolo lucernaio e che condivide con un altro prigioniero. Ciò è avvenuto il giorno dopo che una visita medica aveva accertato l’infezione di un batterio che circola nel carcere dove è recluso; curioso che, invece di prestargli la dovuta attenzione medica, la direzione del carcere abbia pensato di infliggergli il castigo del hueco. Il Governo cubano ha cercato di sapere le ragioni di tutto ciò rivolgendosi sia alla direzione della prigione che al Dipartimento di stato, senza ricevere una risposta plausibile; anche perché la sorella Isabella, che ha potuto incontrarlo recentemente, lo ha trovato incatenato mani e piedi e ha potuto parlargli solamente per telefono, dietro uno vetro spesso, così come si usa con i carcerati in punizione; a questo punto sorge addirittura il sospetto che la cosa non nasca dalla direzione del carcere.

È la terza volta che Gerardo è sbattuto nella cella di castigo alla vigilia di un processo di appello rendendogli così impossibile lavorare con i suoi avvocati per preparare l’habeas corpus e sembra davvero preoccupante che intanto vari funzionari della FBI abbiano chiesto e ottenuto di parlare con lui nel suo confinamento nel hueco.

D’altra parte, il carcere di Guantánamo con tutte le sue illegalità è ancora aperto, nonostante le promesse di Obama; e gli Stati Uniti continuano a plasmare una loro duttile interpretazione della giustizia e a farne persuaso il mondo grazie ai loro potentissimi mezzi di informazione.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/04. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Alessandra Riccio ha insegnato letterature spagnole e ispanoamericane all’Università degli Studi di Napoli –L’Orientale. E’ autrice di saggi di critica letteraria su autori come Cortázar, Victoria Ocampo, Carpentier, Lezama Lima, María Zambrano. Ha tradotto numerosi autori fra i quali Ernesto Guevara, Senel Paz, Lisandro Otero.E' stata corrispondente a Cuba per l'Unità dal 1989 al 1992. Collabora a numerosi giornali e riviste italiani e stranieri e dirige insieme a Gianni Minà la rivista “Latinoamerica”. E’ tra le fondatrici della Società Italiana delle Letterate.