La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Nel pallone »

Fabio Cannavaro, ma quale aiutare i giovani, è solo smania di denaro

08-07-2010

di

Le agenzie di stampa hanno battuto una notizia alquanto improbabile. Fabio Cannavaro, il trentasettenne difensore napoletano già capitano della nazionale, non avrebbe accettato di giocare nell’emirato di Dubai per vili ragioni monetarie, ma per un più nobile scopo. «Qui non c’è la pressione del campionato italiano e, inoltre, posso mettere la mia esperienza al servizio dei giovani».

D’accordo sulla prima parte dell’affermazione: nessuno lì ti fa pressione, se non il clima. Con il caldo che c’è da quelle parti o giochi indoor o scendi in campo di notte. L’idea di tirare su i pulcini dell’Al-Ahli, la squadra in cui giocherà, fa invece un po’ ridere. Nel Dubai, come negli altri emirati, nessun ragazzino vuole giocare a pallone. I soldi, i petrodollari per comprarsi le veline, già li hanno. Vogliono solo vedere lo spettacolo offerto dai campioni occidentali un po’ imbolsiti e possono permettersi di pagarli a peso d’oro.

Auguriamo a Cannavaro un felice tramonto, cullandosi nell’illusione di «aiutare i giovani». Si accorgerà comunque presto che a Dubai non ci sono né gli sciuscià da strappare al marciapiede né i cumuli d’immondizia lungo le strade. Laggiù tutto luccica e costa. Come il suo ingaggio. Sogni d’oro, Fabio.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/07. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Ivano Sartori, giornalista, ha lavorato per anni alla Rusconi, Class Editori, Mondadori. Ha collaborato all’Unità, l’Europeo, Repubblica, il Secolo XIX. Ultimo incarico: redattore capo a Panorama Travel.