La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Rachel aveva 13 mesi. Ma l'ospedale di Cernusco, due passi dalla Milano capitale dell'Expò, non ha considerato che era in agonia. Dopo anni di lavoro in Italia, 45 giorni fa la crisi licenzia il padre e il padre non ha i soldi per rinnovare il permesso. Come i bambini pane e acqua di Brescia, la sua bambina è stata giustamente punita. I protocolli della Lega funzionano

Gli assassini siamo noi: muore una bambina immigrata perché al padre è scaduto il permesso di soggiorno

14-04-2010

di

Rachel Odiase, tredici mesi, nigeriana, figlia dell’operaio Tommy Odiase, morta per mancanza di cure poco dopo essere stata respinta dall’ospedale di Cernusco, Italia, è a tutti gli effetti una vittima del terrorismo.

La vita non le è stata tolta per ignoranza, o per superficialità colpevole, o per “incidente”: è stata respinta perchè non in regola coi documenti. Suo padre da tredici anni lavorava in Italia con tutti i permessi possibili: il Pil di noi italiani bianchi è fatto dagli anni di lavoro di operai come questo. Un mese e mezzo fa, per la “crisi”, il padrone l’aveva licenziato: il permesso di soggiorno, che va rinnovato (e pagato) ogni sei mesi, in questi casi richiede tutta una serie complessa di documenti, che certo a un operaio come Odiase nessuno si cura molto di consegnare in tempo. Senza documenti del Reich, senza accettazione, senza permesso, la piccola Rachel è stata praticamente condannata a morte.

Questo, che noi sappiamo, è il primo caso eclatante di eliminazione legale di un piccolo immigrato. Ma c’erano già le storie dei piccoli buttati fuori dalle mense scolastiche, lasciati col piatto vuoto davanti ai compagnucci dell’asilo, semplicemente perché erano poveri e non avevano pagato in tempo la retta. E i piccolissimi zingari bruciati – anche questo è successo – nelle loro tende a Opera, Lombardia; e vivi per miracolo, non certo per pietà dei razzisti; e quelli cacciati via dalle squadracce mafiose a Rosarno, a Poggioreale, a Milano dalla guardia civica cittadina.

Nessuno di questi episodi è casuale. Così come i piccoli ebrei, germe del male e seme di Ubermensch, dovevano essere sradicati dalla terra per il bene della razza ariana, così gli immigrati più piccoli vanno cacciati – o uccisi – per primi e in fretta: prima che diventino uomini, uomini di razza nemica.
Il terrorismo nei confronti dell’immigrazione (le “cannonate in pancia” di Bossi, il gioco “affonda un immigrato” di suo figlio) è stato apertamente, nel nostro silenzio colpevole, teorizzato. La strategia è di fare paura, l’Italia deve apparire un paese terribile, da cui tenersi lontano. Non è vero, onorevole Bossi? Non è vero, onorevole Borghezio, sindaco Tosi, sindaco Gentilini?

In nulla si differisce il terrorismo, che ormai crea le sue vittime, di costoro da quello dei Nar o dalle Brigate Rosse. Va contrastato a ogni costo, con mezzi moderati se possibile, con ogni altro mezzo se occorre. Quanto a parlare coi terroristi, a “dialogare” coi loro alleati, a cercare non dico collaborazioni ma trattative con essi, è un’idea che dovrebbe far vergognare chi anche lontanamente ce l’abbia in mente.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/05. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Nato a Milazzo, dove comincia negli anni '70 con il giornalismo "impegnato" in piccoli giornali locali e le prime radio libere, assieme a Pippo Fava ha fondato nel 1982 e poi sostenuto il mensile I siciliani, edito a Catania, che ha avuto il merito di denunciare le attività illecite di Cosa Nostra in Sicilia. Cavalieri, massoneria, mafia e politica i temi principali di un giornalismo che si proponeva rigoroso nelle inchieste e nel mestiere di comunicare e portare alla luce ciò che la mafia per anni aveva fatto al buio. Giuseppe Fava, a un anno dalla nascita del giornale, viene ucciso dalla mafia. Orioles è il punto di riferimento più forte nella redazione del dopo Fava, impegnato a contrastare in ogni modo il fenomeno della mafia; guida un gruppo che si contraddistinguerà negli anni per l'unità e per la qualità delle inchieste svolte. Egli è stato inoltre tra i fondatori del settimanale Avvenimenti e caporedattore dello stesso fino al 1994. Dalla riapertura, nel 1993, fino al 1995 ha diretto I siciliani. Dal 1999, svolge la sua attività giornalistica scrivendo e diffondendo l'e-zine gratuita La Catena di San Libero. Nel maggio 2006 esce la sua ultima fatica: Casablanca, mensile (che ha fondato e dirige) col quale continua a denunciare mafie e corruzioni. Nel corso del 2008, la redazione di Casablanca annuncia l'imminente chiusura per mancanza di fondi e, nonostante i numerosi appelli lanciati a livello nazionale, è costretta a sospendere le pubblicazioni. Parte dei giornalisti impegnati in Casablanca, insieme alle personalità più attive della società civile, ha poi ripreso forma e dato seguito ai precedenti contenuti nel magazine online 'U cuntu[1], disponibile anche in un formato pdf liberamente scaricabile. Fonte: Wikipedia
 

Commenti

  1. GIORGIA MAGNI

    Gentilissimo signor Orioles, mi chiamo MAgni Giorgia, sono la mediatrice culturale della famiglia ODiase, ho organizzato la manifestazione di domenica che ha portato all’esplosione della notizia come bomba mediatica, ma sono soprattutto amica intima della famiglia Odiase. Ci permetta di dissociarci dai toni che prende il suo pezzo qui sopra riportato. Per quanto apprezziamo il suo interesse, ci dissociamo dai toni con cui ha dipinto la vicenda. Siamo i primi a volere verità e a rivendicare giustizia, solidarietà, uguaglianza e a non volere discriminazione, ma certi termini come “vittima del terrorismo” o “reich”, ci pare alimentino un clima già infuocato. Siamo per i toni più incisivi ma meno cattivi. La violenza anche solo verbale non ci appartiene. In più le faccio notare delle inesattezze: giunta all’ospedale la bambina non era agonizzante. In secondo luogo il padre non aveva il permesso di soggiorno scaduto ma era perfettamente in regola, era la tessera sanitaria che era scaduta, quella della piccola rachel, e il padre non avendo lavoro non poteva presentare la busta paga per rinnovarla. Non è stato licenziato dal padrone, ma ha semplicemente concluso un periodo di lavoro a tempo determinato. Quindi, dato che anche io svolgo il suo stesso lavoro, al prego di volermi contattare se lo ritiene opportuno e se vorrà scrivere altro sulla vicenda, mi contatti in anticipo onde evitare che versioni non provenienti dalla famiglia e troppo aggressive, oltre che inesatte, compaiano sul web. se potesse rettificare le inesattezze sarebbe meglio. La ringrazio. Magni Giorgia

  2. Mauro Matteucci

    Credo che ci sia solo da vergognarsi. Quali tristi e feroci tempi dobbiamo vivere!
    Mauro