La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Mondi » America Centrale »

HAITI 1 / Spostiamo Haiti nel nostro mondo

19-01-2010

di

Agli haitiani è rimasta una speranza: non sparire dalle prime pagine dei giornali. Quei corpi ammucchiati come legna o sciolti nelle strade devono perseguitarci fino a quando prende forma una solidarietà non solo concreta: matura. Non provvisoria: dialogante. Lontana dai ricatti provvidenziali dei piani Marshall, quegli aiuti in cambio di insediamenti militari o domini commerciali che hanno permesso all’Europa di rifare le spalle forti, ma la galassia delle basi armate 60 anni dopo condiziona le nostre abitudini. Proteste inutili, [singlepic id=144 w=220 h=140 float=left]trattati di ferro inespugnabili come al Dal Molin di Vicenza. La scommessa è costruire nel pozzo nero di Haiti una società civile in grado di manifestarsi senza piangere la carità. Questo é il momento delle emozioni e dei sentimenti; tasche che si aprono e promesse gridate che di settimana in settimana diventeranno centesimi. È sempre andata così. Il primo massacro nelle nostre guerre di pace o le prime banche che balbettano, trasformeranno Haiti in un incubo da rimuovere. Così lontano, poi. Lettori che cambiano pagina, telecomando che cerca risate a buon mercato. Non se ne può più. Sarkozy (imitato da Frattini) invita a “rimettere i debiti”, esercizio dell’ipocrisia travestita da generosità. In realtà i debiti sono già rimessi, Haiti non potrà mai pagare e i debitori devono fare l’esame di coscienza. Finché non è rimasto niente abbiamo portato via tutto e gli haitiani sono diventati nessuno. Se la barca dei balseros cubani si rovescia nel mare della fuga a Miami, sappiamo nome per nome, faccia per faccia, come Fidel “costringe a morire” chi non è d’accordo col regime. Negli ultimi dieci anni, 9 mila haitiani sulla strada dell’esilio clandestino sono naufragati nel Golfo del [singlepic id=147 w=220 h=140 float=left]Messico. Forse diecimila, forse otto: anche i numeri restano incerti. Dei nomi neanche parlarne. Ombre. Vive o morte non contano. Il terremoto apre una scommessa eccitante per la cultura delle società avanzate: trasformare Haiti nel laboratorio universale del duemila. Come disegnare sulle macerie le città del sole di Campanella nell’aggiornamento di uno stato normalmente civile. Con l’acqua nel rubinetto, la lampadina che si accende (oggi solo nel 10 per cento delle case) e l’alfabeto che lega alla vita di tutti. Riammettiamoli al mondo progettando assieme la repubblica della dignità. Dignità è una parola che torna ogni volta a tutela dei deboli, ma resta un progetto difficile da concretizzare per le cattedrali delle mafie, degli affari, della politica, croste che resistono ai secoli: impossibile ricostruire dalle fondamenta la società ideale. Il terremoto non ha sgretolato solo le case; ha cancellato notabilati intrecciati con interessi che sembravano imperforabili. Reti internazionali che il gioco dei soliti poteri impediva di sciogliere. Nell’interminabile minuto dell’apocalisse sono diventati polvere. Protagonisti sepolti sotto i palazzi. Si può ripartire da zero riducendo all’urgenza i cerotti provvisori della solidarietà porta a porta con l’obiettivo non sconvolgente di un normale equilibrio sociale. Intervento radicale e qualche indicazione. Il pulviscolo delle Ong, la cui percentuale ad Haiti è inutilmente la più alta del mondo, va inserito in strategie di settore guidate non dalla politica dei paesi egemoni ma da un inedita assemblea di giuristi, pedagoghi, tecnici, medici, religiosi di ogni tendenza. Direttorio del mondo nuovo da inventare nello spazio di un piccolo paese. Heinrich Böll ripeteva che nel momento in cui si dice o si scrive una cosa ragionevole viene derisa come utopia. Ripartendo dal niente di Port au Prince cosa si può rischiare?

[nggallery id=10]

 

Commenti

  1. pedro ratti

    da comune mortale osservo 2 cose:
    1) distribuiscono alimenti nelle rovine dell capitale, invece che in un nuovo luogo a 10-20km lontano, con il risultato che i superstisti continuano a stare tra rovine e morti.
    2) nessun capo di governo o religoso, ha detto che “MANDEREMO NOSTRE IMPRESE DI COSTRUZIONE ED ARCHITETTI PER RICOSTRUIRE UNA CITTA’ ANTISISMICA E CON UNA CASA TIPO FAMILIARE DECENTE,CON ELETTRICITA’,ACQUA,SCARICHI SANITARI,SCUOLE, GIARDINI,ETC…PER TUTTI ED IN 3 ANNI”.
    NO A DISTRIBUZIONE DI SOLDI ALLA POPOLAZIONE.

  2. carmen gueye

    E dal Vaticano, a quando corposi aiuti?