La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Lo zio, la tivvù e la curiosità morbosa dei media: hanno frugato il diario di un'adolescente svergognando le fantasie dell'età di passaggio

Antonella BECCARIA – I tre mostri che hanno ucciso Sarah

07-10-2010

di

Domani di Maurizio ChiericiL’annuncio di morte arriva in diretta televisiva. E conferma l’esistenza di tre mostri: un primo mostro – presunto, al momento – in famiglia, che sembra darsi da fare per ritrovare la nipote scomparsa mentre custodirebbe la chiave della sua sparizione; come in una riedizione del Videodrome di David Cronenberg, il secondo mostro rende permeabile la realtà televisiva e la realtà “reale”, facendo in modo che si fagocitino a vicenda. L’ultimo mostro, forse figlio (o genitore) del secondo, viviseziona la vita di un’adolescente facendone carne in scatola per rivelazioni televisive e doppie pagine sparate a raffica.

Camminano tra noi

La vicenda di cui parliamo è quella di Sarah Scazzi, la quindicenne di Avetrana, provincia di Taranto, scomparsa lo scorso 26 agosto. Nelle varie dirette che la trasmissione di Rai3 Chi l’ha visto ha dedicato a questa storia, un’affermazione corretta era stata portata nelle case dei suoi telespettatori. A pronunciarla era stata una madre, Filomena Iemma: per diciassette anni ha cercato la figlia, Elisa Claps, venendo infine a sapere che il corpo della giovane era rimasto per tutto il tempo nel sottotetto della chiesa cittadina, a Potenza. Aveva detto la donna: «Le ragazzine non spariscono nel nulla».

Ed è vero. Scappano di casa, le adolescenti, ma difficilmente sfuggono per troppo tempo alle ricerche delle forze dell’ordine. Se poi ci si mette la tivvù a cercarle, prima o poi saltano fuori. E possono anche essere portate via, in senso letterale o figurato, ma non cercate il mostro sconosciuto perché la maggior parte delle volte sbaglierete. Il “cacciatore” senza nome, appostato di fronte alle scuole, in un bar, in auto, esiste talvolta, ma statisticamente non è lui il responsabile, ci dicono le analisi sulla violenza sessuale che può condurre anche all’omicidio. Il responsabile va cercato nella sfera affettiva della vittima: nell’ordine, nella prima cerchia parentale (i conviventi), nella seconda (i parenti più prossimi non conviventi) e in quella amicale e nelle frequentazioni quotidiane o quasi.

È ciò che è accaduto a Elisa Claps, per quanto le indagini continuino a essere difficoltose e contraddittorie, anche dopo il ritrovamento del corpo. Ma è accaduto anche a Lorena Cutraro, 14 anni, di Niscemi, punita dal branco di sedicenti amici perché incinta di uno di loro. O a Carmela, 13 anni, di Taranto, che sopravvisse allo stupro, ma venne giudicata psichicamente instabile e finì per togliersi la vita mentre gli aggressori, anche in questo caso amici” al tempo minorenni, furono affidati a un programma di rieducazione. Con questo genere di esempi si potrebbe procedere a ritroso in decine, centinaia di casi, compreso il massacro del Circeo del 1975 e, l’anno successivo, il delitto con occultamento di cadavere di Olga Julia Calzoni, storia dimenticata di violenza nella violenza.

Il primo mostro – l’esecutore materiale, colui che brama, vuole e può anche uccidere, pur di avere o se si sente rifiutato – è conosciuto dalle vittime di violenza. E per quanto sia socialmente più tranquillizzante pensare allo sconosciuto che arriva da fuori e fuori se ne va dopo il delitto, è un pensiero troppo spesso fuorviante.

Affermazioni e smentite in diretta tivvù

Mercoledì 6 ottobre. La trasmissione Chi l’ha visto è ormai entrata nella seconda parte. Si parla di un caso, una famiglia che, come tante in tanti anni, chiede aiuto per ritrovare un familiare di cui non ha più notizie. Ma il dialogo si interrompe, arrivano informazioni da Avetrana e la linea passa all’inviata che, insieme ad alcuni componenti della famiglia Scazzi, è a casa degli zii della ragazzina scomparsa. A questo punto la confusione: è stato trovato un corpo, non è vero, lo si cerca, è arrivata una segnalazione, c’è ancora un parente sotto interrogatorio.

Senza più una direzione, senza poter contattare gli inquirenti, senza riferimenti nella ricerca di conferme alle voci che si infittiscono, inizia una diretta che si consuma di fronte alla madre della ragazzina, Concetta Serrano. Si intuisce che siamo alla fine del mistero di Avetrana, ma per una manciata di minuti potrebbe ancora darsi che sia arrivata una telefonata con una segnalazione, l’ennesima pista – e l’ennesima speranza – a cui aggrapparsi. Ma nella concitazione crescente, senza che siano state ancora pronunciate le parole “corpo”, “ritrovamento”, “omicidio”, una frase della conduttrice gela gli spettatori. Dice più o meno che i giornalisti non dovrebbero dare certe notizie e che le famiglie non possono essere informate dalla stampa. Manca un complemento, a questa frase, ma il sottinteso è chiarissimo.

E seppur emergesse, nel corso di quella diretta (o almeno all’inizio di quell’ultima parte), la volontà di evitare il diffondersi di informazioni tragiche e infondate, a un certo punto è stato un pullulare di schermate di Repubblica.it e di agenzie i cui titoli e testi, al pari dell’incertezza ancora strisciante, cambiavano di momento in momento. A un certo punto – probabilmente più per mancato governo della trasmissione che per spettacolarizzazione – va in scena il dramma: una madre pietrificata, un avvocato che convulsamente dà le spalle alla telecamera mentre cerca di raggiungere numeri di cellulare irraggiungibili o che squillano a vuoto, i singhiozzi fuori campo della cugina che da settimane aspetta di riabbracciare Sarah e adesso viene a sapere, con una certezza che cresce da un minuto all’altro, che il padre amato ne è coinvolto. Una specie di Natural Born Killers, nel frammento che Oliver Stone strappa alla violenta attitudine a uccidere dei protagonisti per ricostruirne vite pregresse: una specie di sit-com con tanto di risate artefatte che serve allo spettatore (ma in quel caso si è al cinema e quella è una finzione) una storia di abusi sessuali e psicologici tra assi da stiro e dispense con scatole di corn flakes. Applausi.

Se la notizia diventa il diario di un’adolescente

Ma, si diceva, c’è un terzo mostro, figlio o padre del precedente. Nei giorni che seguono la scomparsa di Sarah Scazzi, la storia viene “adottata” dai media. Che, forse a corto del classico giallo dell’estate (ricordate i casi della skipper Annarita Curina, di Simonetta Cesaroni, di Alberica Filo della Torre fino a Chiara Poggi?), si gettano sulla ragazzina, ne frugano la vita cannibalizzandone ogni aspetto.

Ecco allora che le pagine dei suoi diari diventavano foto 15 per 20 centimetri con cui aprire doppie pagine. Ecco che i vari account di Facebook diventavano fonte per ricostruire il dark side di un’adolescente che si dibatte nel più complesso passaggio della vita. Ecco che le chattate con gli amici virtuali devono costituire il retroscena per una saga allusiva che molto concede alla morbosità. Chi ha tenuto un diario – cartaceo o elettronico poco importa – in quegli anni, sa che amore e odio sono due sentimenti portati all’estremo. Così come l’amore per un coetaneo assume connotati da neverending story con cui bruciare qualsiasi tappa dell’età, altrettanto l’odio diventa verbalmente violento verso l’autorità o quanto meno verso gli insegnamenti rappresentati dai genitori. E spesso dalle madri.

Sbandierare quelle passioni adolescenziali, usarle per voler a tutti i costi vedere dietro il sorriso infantile di una ragazzina bionda ed esile, non è affatto diverso dall’esibire la biancheria usata che determinato feticismo dell’estremo oriente porta le giovanissime giapponesi a mercimoni quanto meno strani. Con la differenza che Sarah Scazzi, dopo essere stata assassinata per ormai innegabili motivi sessuali, ha subito lo stupro della sua memoria. Stupro perpetrato da gente conosciuta chissà come: invece di limitarsi a riportare all’autorità giudiziaria gli elementi di cui era in possesso, si è concessa alle telecamere e ai registratori di non importa chi.

È vero, allora non si sapeva della sua morte, per quanto chi ha un minimo di perizia con questo genere di vicende poteva dare come altamente probabile la tragedia. Ma non importa: se anche fosse stata viva, è stata comunque trasformata nella ragazzina con troppa voglia di crescere, che ammiccava per via telematica a uomini con il doppio dei suoi anni; ragazzina che voleva scappare di casa e che aveva un’unica fonte di odio, la madre. C’è da scommetterci che, nel giro di qualche anno, se fosse vissuta, avrebbe ricordato le pagine del suo diario con imbarazzo, pagine superate dal riassorbirsi delle violente pulsioni frutto di quel rito di passaggio verso la vita adulta che è l’adolescenza.

Antonella Beccaria è giornalista, scrittrice e blogger. Vive e lavora a Bologna. Appassionata di fotografia, politica, internet, cultura Creative Commons, letteratura horror ed Europa orientale (non necessariamente in quest'ordine...), scrive per il mensile "La Voce delle voci" e dal 2004 ha un blog: "Xaaraan" (http://antonella.beccaria.org/). Per Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri - per la quale cura la collana "Senza finzione" - ha pubblicato "NoSCOpyright – Storie di malaffare nella società dell’informazione" (2004), "Permesso d’autore" (2005),"Bambini di Satana" (2006), "Uno bianca e trame nere" (2007), "Pentiti di niente" (2008) e "Attentato imminente" (2009). Per Socialmente Editore "Il programma di Licio Gelli" (2009) e "Schegge contro la democrazia" (con Riccardo Lenzi, 2010). Per Nutrimenti "Piccone di Stato" (2010) e "Divo Giulio" (con Giacomo Pacini, 2012)
 

Commenti

  1. I tre mostri che hanno ucciso Sarah

    [...] [...]

  2. margherita smeraldi

    non mi piace questo pezzo perchè mi pare evidente che nella ricerca della verità si vada per prima cosa a leggere il diario di una adolescente. l’unico mostro è lo zio ch prima l’ha strangolata e poi violentata

  3. Antonella Beccaria

    Nella ricostruzione dei fatti certo che si leggono. Ma che c’entra sbatterli sui giornali come certe operazioni editoriali di dubbio gusto ma di sicuri incassi?

  4. Mariantonietta Sorrentino

    Ciao.
    Ricevo la newsletter di Arc Iris e, di conseguenza, anche questo tuo pezzo del quale condivido impostazione e cipiglio.
    Lo evidenzio da me perchè sono molto ferita da questa drammatica vicenda: come donna, mamma, meridionale e giornalista.
    Grazie
    Mariantonietta Sorrentino
    http://www.chora.tv/

  5. [...] Avendo ricevuto gli aggiornamenti di “ArcoIris”, leggendovi una analisi impeccabile, lascio il link . [...]

  6. sergio caserta

    televisione cattiva maestra: condivido la tua analisi Antonella dei “media impazziti”, ieri sera ero per caso davanti alla TV in un orario insolito a guardare una trasmissione che normalmente salto, tranne rare occasioni (de gustibus) ma è tr ale preferite di mia suocera……; ad un tratto aumenta a dismisura la tensione e si assite in diretta al disvelamento del dramma con i volti dei familiari di pietra, confesso che ho provato un forte turbamento un senso di disagio crescente, pensavo che la Sciarelli dovesse interromperla, invece sembrava presa da un raptus,combattuta in modo visibilmente ambiguo tra dover dare le notizie anche se potevano diventare insopportabili per le persone coinvolte e compiere un’altra scelta, il risultato alla fine m’è sembrato indsopportabile, “the show must go on” anche se in un confusionario “gran guignol”.

  7. Adele Marini

    Ciao Antonella, una voce fuori dal coro penso che a questo punto possa far nascere qualche riflessione. Ti stupirò ma sono convinta che la verità vada comunicata al pubblico tutta quanta. E divulgata il più possibile. Non è piaciuto nanche a me ieri sera vedere il volto impietrito di quella povera madre anche se Federica Scarelli ha fatto del suo meglio per arginare quello che stava accadendo in diretta. Tuttavia, in una società come la nostra, in cui è tollerato che la famiglia e i gruppi amicali covino mostri in quel silenzio che viene ipocritamente chiamato “riservatezza” e in un Paese in cui le pene non sono mai realmente commisurate alla gravità dei crimini più gravi e alla fine prevale sempre il perdonismo, sono convinta che l’unica difesa per la società civile sia rappresentata proprio dalla divulgazione della verità in tutte le sue sfaccettature, con il disprezzo sociale che poi ne deriva per chi commette certi crimini, chi li copre, chi non indaga a fondo, chi depista, chi nasconde indizi, chi sa e non parla. Mi auguro che dal dolore in diretta della mamma di Sarah possa nascere qualcosa di positivo. Per esempio, la voglia, in certi ambienti, di farla finita con l’omertà familiare.

  8. Fußgänger

    Mi sembra un po’ una cosa che non sa che gli uomini sono uguali agli uomini e nessuno è migliore.

  9. Angelo Secci

    La trasmissione non sarebbe dovuta neppure andare in onda visto che il proprietario della casa era sotto interrogatorio. Evidentemente fiutavano lo scoop. Da questa triste vicenda emerge un degrado totale della società italiana oltre che un ennesimo crollo della professionalità televisiva in nome del dio ‘Audience’.

    Ci sono troppe bestie in giro, talmente assuefatte alla miseria morale da non rendersi conto del valore della vita umana, tanto da perderne in un istante l’empatia e il rispetto. E non parlo solo dell’omicida ma anche di chi ha permesso la diretta TV.

  10. [...] I tre mostri che hanno ucciso Sarah. di Antonella Beccaria. [...]

  11. Lorenzo

    Il bello o il brutto di “Chi la Visto”, dipende dai punti di vista,è che la ricerca delle persone avviene in diretta,con l’evolversi della storia.In questo modo ci si può imbattere in un esito positivo,oppure trovarsi di fronte a situazioni gravi che ti prendono per la gola e quasi ti soffocano.Vedi il caso di Elisa Claps,a cui i parenti hanno partecipato in presa diretta tante volte. La piccola Celentano,scomparsa e mai più ritrovata,Denis Pipitone, la figlia di Piera Maggio,etc…etc…E ora il caso tragico di Sara,semtrein presa diretta,che tutti ci auguravamo finisse positivamente.”Chi la Visto” è la “notizia” in diretta, a cui la famiglia può anche sottrarsi.Ma questa è anche la TV di servizio.Migliore,a mio modo di vedere, della TV della De Filippi.

  12. Lorenzo

    Il bello o il brutto di “Chi la Visto”, dipende dai punti di vista,è che la ricerca delle persone avviene in diretta,con l’evolversi della storia.In questo modo ci si può imbattere in un esito positivo,oppure trovarsi di fronte a situazioni gravi che ti prendono per la gola e quasi ti soffocano.Vedi il caso di Elisa Claps,a cui i parenti hanno partecipato in presa diretta tante volte. La piccola Celentano,scomparsa e mai più ritrovata,Denis Pipitone, la figlia di Piera Maggio,etc…etc…E ora il caso tragico di Sara,sempre in presa diretta,che tutti ci auguravamo finisse positivamente.”Chi la Visto” è la “notizia” in diretta, a cui la famiglia può anche sottrarsi.Ma questa è anche la TV di servizio.Migliore,a mio modo di vedere, della TV della De Filippi.

  13. michelangelo

    C’è un quarto mostro che proviene dal profondo delle nostre paure e latita, dietro l’angolo, quasi in superfice della coscienza di tutti noi.
    Si nutre della nostra stramaledetta ragione del senso comune a gran danno delle intuizioni e dei consigli della mente profonda.

  14. pietro annicchiarico

    Per la prima volta un caso di cronaca ha avuto su di me un effetto fisico, infatti ieri sera avevo lo stomaco in subbuglio. Ancora adesso ho i conati di vomito, e non metaforici. Il programma della Sciarelli mi ha confermato quello che Debord ci diceva già nel 1968: la società dello spettacolo si è impadronita delle nostre vite.
    Quella povera mamma che minuto dopo minuto perdeva colore, in assoluto contrasto con la tinta dei capelli rossi accesi, era PRIGIONIERA DI UNA INQUADRATURA.
    Impietrita con la telecamera puntata alla fronte, ammutolita da una giornalista verbosa e molto attenta alla pubblicità, all’indice di ascolto sicuramente molto molto alto.
    Io mi occupo di video e so di cosa sto parlando. Tra le altre cose c’era la mano della giornalista a casa, poggiata pesantemente sulle spalle della mamma di Sarah che fingeva di CONSOLARLA, ma in realtà non le ha permesso di fuggire, urlare. Insomma, la televisione ha sequestrato quella persona, e come in un incubo, la finta dispiaciuta Sciarelli continuava a leggere le agenzie, aumentando sempre più la tensione, l’orrore negli occhi della madre. Abbiamo superato il limite, e lo si supera ogni giorno. Siamo abituati a tutto, e ogni giorno ci abituiamo al peggio.
    Lo scoop prima di tutto, la pubblicità, il contratto milionario, tutto il resto è un semplice contorno. E con Vespa ne vedremo ancora di schifezze!

    “Il mondo è già stato filmato, si tratta ora di trasformarlo”
    Guy Debord, La società dello spettacolo, 1968

  15. liliana marchesi

    Povera piccina.
    La verità va detta, però sono daccordo con Angelo che probabilmente la scelta di trasmettere da casa degli zii che erano sotto interrogatorio sia perchè fiutavano lo scoop.
    Non ho nulla da dire su Sciarelli che ho ritenuto più pulita possibile nel gestire una situazione rovente anche ha più volte chiesto se era volontà della signora Concetta interrompere la trasmissione.
    Sono basita rispetto a certe dichiarazioni rilasciate di una vicina di casa dell’assassino/stupratore/necrofilo che dichiara che secondo lei il Misseri(lo zio) sarebbe innocente e sta proteggendo qualcuno. Questo è il punto secondo me,in questo paese pur di non sconvolgere la propria borghese,ipocrita esistenza, ci si nasconde dietro finte verità che alla fine ci fagocitano come giganteschi orchi, appunto.

  16. michelangelo

    Istigazione di stato.
    Più la TV fa vedere con malcelato sadismo e con ossessiva ripetizione i mostri sullo schermo, più aumenta nella mente dei “disadattati”, che non sono pochi, non tanto l’istinto dell’emulazione ma quanto quello del superamento per il guiness dei primati.

  17. [...] Il giorno che mi ammazzeranno inviate il Vostro tesoro alla Polizia Postale. Renderete molto più ve… [...]

  18. Antonella

    Piera Maggio Leggi Il Mio Sito E’ Importante. denise.2007.peperonity.com