La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Decidono direttamente i burocrati: distribuzione a pioggia (stato, province, comuni) di poteri “secretati”. I magistrati che studiano le regole del «comma 10» temono la chiusura del cerchio dell’illegalità. Perché maggioranza ed opposizione fanno finta di niente?

Il metodo Bertolaso diventa legge: secretati gli appalti, ogni funzionario capo può trattare senza controlli

05-08-2010

di

D’ora in poi qualsiasi capo-settore della burocrazia potrà decidere un proprio personalissimo elenco di “opere, servizi e forniture da considerarsi “segreti” oppure “eseguibili con speciali misure di sicurezza”. Una distribuzione a pioggia dei poteri di “secretazione” che, dopo tanti scandali svelati dalle inchieste sulla Protezione Civile, rischia d’innescare una moltiplicazione delle “cricche”.
“In realtà gli appalti secretati sono già ora una torta ancora più grande di quella distribuita dalla Protezione Civile”, denuncia il senatore Antonio Rugghia, capogruppo Pd in commissione Difesa: “La semplice dichiarazioni di segretezza o sicurezza dell’opera ha consentito in questi anni di assegnare centinaia di appalti plurimilionari a trattativa privata e senza alcuna pubblicità.

In molti casi – ad esempio per i tre affari da 200 milioni per le nuove carceri in Sardegna – queste procedure eccezionali risultano aver premiato le stesse ditte che sono inquisite per gli appalti della Protezione Civile alla Maddalena. Ora, con il comma 10, si cancella anche quel poco che resta dei canoni di trasparenza e concorrenza che erano stati sanciti dalla legge Merloni per far uscire l’Italia da Tangentopoli”.
I pochi magistrati e giuristi che hanno cominciato a studiare il comma 10, a questo punto temono una specie di chiusura del cerchio dell’illegalità. Anche per l’ampiezza della norma. Le procedure segrete possono essere decise direttamente dai burocrati, infatti non solo per contratti delicatissimi (ad esempio per forniture militari o tecnologie da 007) ma anche per qualsiasi opera che richieda “misure di sicurezza”, come carceri o caserme.

Lo strano silenzio istituzionale sia della maggioranza che dell’opposizione fa riflettere…..!
Noi che dobbiamo fare? Dobbiamo anche noi “appecoronarci” senza far sentire la voce della società civile che si ribella.

Non dimentichiamo che è in corso una indagine fresca fresca che ora sta bollendo visto che l’ex senatore Nicola Di Girolamo stà iniziando a collaborare con il Procuratore.
Mi riferisco all’esplodere dello scandalo Telecom-Fastweb. Il gruppo Mokbel avrebbe fatto arrivare circa 7,5 milioni di euro per il tramite dell’ex senatore Nicola Di Girolamo (arrestato nel marzo scorso) l’uomo che le cosche calabresi e Gennaro Mokbel avrebbero portato fino a Palazzo Madama aiutando la sua elezione nella circoscrizione estero. Quei soldi, ha raccontato Di Girolamo nelle scorse settimane iniziando a collaborare con il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, dovevano servire per garantire alla Digint (società di cui il senatore e Mokbel detenevano il 51%, il restante 49% era in mano a Finmeccanica) commesse e appalti per conto della holding della Difesa. «Tramite Nicola – spiegava al telefono il faccendiere romano – ci hanno offerto di aprire un’agenzia per tutto il centro Asia per la vendita di prodotti per la sicurezza, prodotti militari e elicotteri». Parole che proprio Di Girolamo aveva chiarito nel corso dei suoi interrogatori con Capaldo. «Dal 2008 e nell’arco di tre anni – ha infatti spiegato l’ex senatore – Digint avrebbe avuto contratti di fornitura e partecipazioni da società legate a Finmeccanica per un totale di 50 milioni di euro». Uno sviluppo aziendale che avrebbe poi permesso al gruppo Mokbel di rivendere la Digint (una scatola vuota da riempire di contratti, secondo il Ros) a Finmeccanica per un prezzo esorbitante. E i soldi di cui ha parlato Di Girolamo secondo l’accusa avrebbero fatto parte di un versamento complessivo di otto milioni e 300 mila euro che, almeno nominalmente, dovevano servire per l’acquisizione della Digint. Di questi, però, 7,5 erano in realtà la “commessa” riservata a Cola per il suo interessamento.

Immaginate cosa potrà succedere ancora se passa questo “codicillo” ….ed è sicuro che passerà visto che per molti deputati e senatori conta più la poltrona del bene istituzionale.

Aldo Cerulli è segretario regionale di CittadinanzAttiva in Abruzzo
 

Commenti

  1. Paolo Loss

    Ma dov’è il PD Chi ci difenderà da questa banda di ladri? Grazie ARCOIRIS