La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

"Elsa Fornero, ministro della giustizia, è moglie di Mario Deaglio, economista ed editorialista del quotidiano La Stampa". Ma quando mai di un signor ministro si dice: sua moglie è la tal dei tali, importante come lui? Noi donne sempe ruote di scorta...

Il ministro è moglie di…

17-11-2011

di

Elsa ForneroMa perché tutti non fanno che sottolineare la presenza delle donne nel governo Monti e specificano che si tratta di ministeri “pesanti”? Non sarà che vogliono indurci a guardare il dito anziché la luna? A parte che non vedo la ragione di tanta euforia, dal momento che le donne nel governo sono tre su diciassette ministri (diciotto, compreso il primo ministro), e a parte l’aspetto positivo che le borse non le roteano sui marciapiedi ma ce le hanno sotto gli occhi con tutto il loro corredo di carico di lavoro, figli, nipoti, rughe e certificato di nascita ben in vista, vorrei umilmente far notare un paio di cose.

Intanto, non è vero che è la prima volta che le donne hanno ministeri di rilievo: il primo ministro dell’Interno donna durante il governo D’Alema fu Rosa Russo Iervolino e si comportò da catto-fascista come la gran parte dei ministri dell’Interno italiani; mentre un ministero di grande importanza, quello alla Sanità (non capisco per quale ragione lo si consideri minore, dal momento che si tratta della salute e della vita degli italiani), è stato ricoperto da Rosi Bindi ( ndr: e prima ancora, prima donna italiana ministro, Tina Anselmi ). E il fatto che molti primari ospedalieri slash evasori fiscali ancora vorrebbero scuoiarla viva è garanzia del suo buon operato.

In secondo luogo, se sono donne che hanno accettato di entrare in un governo dei cattolici e dei banchieri (volendo fare una sorta di crasi della sostanza, praticamente lo Ior) io non sono del tutto certa che faranno gli interessi delle donne e, in generale, dei più deboli perché gli unici interessi sui quali sono abituate a ragionare – come i loro colleghi maschi – sono gli interessi bancari.

Terzo: comunque, anche se ci hanno messo il carico del ministero del Lavoro, è sempre una donna la titolare delle Pari opportunità, cosa che non mi piace e non mi è mai piaciuta perché suona tanto come lo zuccherino dato ai cavalli per essersi comportati bene. Anzi, è come dare dignità ministeriale al the delle cinque con plum-cake e pastine da dessert. Per la serie: fatevi le vostre cose cretine e non rompete i coglioni che noi (maschi) abbiamo nelle mani il destino del Paese.
Quarto: poco fa ho sentito alla radio il curriculum del Ministro del Lavoro, Elsa Fornero. Fra i suoi “titoli” c’era anche l’essere moglie dell’economista ed editorialista de “La Stampa”, Mario Deaglio. Ma dico, ma quando mai qualcuno si è preoccupato di farci sapere – come “titolo di merito” – che Mario Monti è marito di Elsa Antonioli, presidente della Croce rossa di Milano o che Giorgio Napolitano è marito dell’avvocato Clio Bittoni?

Infine: tutta questa enfatizzazione della presenza delle donne nel governo, fa il paio con lo stupore ormai decennale dei cronisti che segnalano grappoli di donne sulle barche dei migranti (come se le donne non soffrissero anche più degli uomini e non fossero capaci di decisioni estreme come quella di fare una traversata a rischio della vita) o che sottolineano il ruolo di boss assunto da alcune donne di mafia (come se le donne non sapessero essere stronze e bastarde anche più degli uomini).

Forse la vera svolta, la vera rivoluzione, sarà compiuta quando avremo smesso di avvistare donne nei ruoli centrali del “potere” come fossero oasi nel deserto. Perché il più delle volte si tratta di un miraggio.

Patrizia Maltese è una giornalista professionista e vive a Catania.