La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Indovinate chi ha vinto il premio dell’anno per la volgarità?

22-01-2010

di

Tempo dei saldi. Tutta l’Italia è in saldo: nei negozi per smaltire le giacenze dell’anno e rimediare qualche affare per chi vende  e chi compra; nella politica è l’Italia in saldo dall’«Alpi alle Piramidi e dal Manzanarre al Reno» (A. Manzoni, Cinque  maggio 1821) e fa affari solo chi delinque, chi governa e chi «mafia», chi legifera ed è inquisito.

C’è il mondo religioso o sedicente tale: qui il saldo supera ogni record perché basta parlare con diplomazia e tutto si aggiusta; i discorsetti sono generici, le affermazioni si adeguano a tutte le stagioni e mai si chiama per nome non solo il peccatore, ma anche il peccato. Siamo rispettosi delle buone maniere, noi! Nel mondo cattolico, si fa una enorme confusione tra verità e convenienza, tra denuncia e astio, tra indignazione e odio. Il vangelo è ridotto a galateo come se Gesù ci avesse mandati a fare i convenevoli: «non fermatevi  a salutare nessuno lungo la strada» (Lc 10,4). Era ineducato anche lui? In Calabria a Rosarno scoppia la guerra dei poveri che travolgerà l’Italia: gli schiavi si ribellano, lo Stato delinque e gli Italiani lucrano sul lavoro nero.

Anche la regione Liguria tra qualche mese sarà in saldo e già vediamo le offerte stracciate dei venditori interessati. Biasotti si affanna in cerca di alleati con cui spartirsi le spoglie della ligure terra con l’appoggio della destra eversiva berlusconiana-scajolana, a cui si è venduto anche il prof. Enrico Musso che così della sua intelligenza ha fatto «trombetta». In tempo di elezione tutti sono buoni e tutti hanno già fatto tutto, anche le Piramidi di Egitto, lanterna compresa. I saldi sono una necessità, ma bisogna stare attenti che non siano una svendita o peggio ancora una truffa. C’è un solo modo per sventare l’inganno: controllare i prezzi e la qualità, cioè verificare i programmi e le persone. Il programma esprime il contenuto di una politica e la sua fattibilità nel rapporto costi/benefici; le persone dicono la credibilità del programma e il grado di eticità possibile. L’Etica! Chi era costei?

Non ho niente di personale verso Biasotti o Musso: mi chiedo come possano essere credibili due che si appellano alla stessa destra nella quale militano «a chili e tonnellate» inquisiti, mafiosi, corrotti e corruttori, a cominciare dal loro presidente del consiglio che nelle pause tra una prostituta e un duomo dedica il suo tempo a modificare la Costituzione fin dall’art.1, che definisce la natura dello Stato, i confini del potere: Repubblica, Lavoro, limiti costituzionali alla deriva plebiscitaria. Mi dispiace per loro, ma non possono essere credibili. In questo tempo di saldi, guardando all’Italia, viene da piangere perché il fondo è ancora lontano. E’ tempo di rivoluzione, è tempo di resistenza per chi crede ancora in uno straccio di dignità nazionale e civile. Non ci possiamo rassegnare che un manipoli di manigoldi possa distruggere la Carta Costituzionale per cui molti hanno dato la vita. No! Non possiamo permetterlo e non lo permetteremo. A Genova, battere Biasotti e Musso fa parte di questa nuova «Resistenza».

Il mio amico, professor Ignazio Farina, docente all’Alma Università di Salerno, mi manda uno stralcio di una intervista del professore Mario Lavagetto, saggista straordinario, già docente di Teoria della Letteratura all’Università di Bologna, intervista datata 2006 (quattro anni fa, un’epoca!). Dopo avere parlato del concetto di “bellezza”, citando la risposta di Teofrasto riportata da Leopardi, l’intervistatore fa a bruciapelo la 25a domanda: “Qual è la sua idea di volgarità?”. Il professor Lavagetto risponde: “In generale potrei dirle che la mia idea di volgarità è perfettamente condensata ed espressa in ogni gesto, parola, atteggiamento del nostro presidente del consiglio”. [ciò che segue è stato tagliato: correva l’anno 2006, e non volavano duomi. All’unanimità, eleggo Silvio Berlusconi a uomo dell’anno della volgarità. Senza concorrenti].

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. GRAZIANO AMBROSI

    CONCORDO IN PIENO, OSCAR ALLA VOLGARITA’ E CAPACITA’ DI VENDERE FUMO.

  2. Giuseppe

    Mister “volgarità” (concordo sulla definizione data dal professore) potrei anche considerarlo “malato” come ha detto la moglie, che certamente lo conosce bene, ma quella moltitudine di lacchè di cui si circonda perché sono ignorati dai “Media” e dai vertici della “Chiesa”? Non c’è intervento dove, questi “servi”, non diano dimostrazione di essere, in determinate circostanze, peggiori di lui. Affermando d’essere “cristiani” e difensori del “cristianesimo” si permettono di dire qualsiasi falsità a difesa del loro padrone. Ringrazio chi, come Lei, andando controcorrente (nella Chiesa) difende sempre la VERITA’ contro i “Volontè” di turno (12 giugno 2009). Speriamo che la gerarchia ecclesiastica ritorni sulla “VIA” indicata da “Cristo”, cacciando i mercanti, come CL o CdO e tutti quei preti manager tanto amici del “volgare”, fuori dalla “Chiesa”. Solo dopo una bella ripulita possiamo guardare con maggiore ottimismo verso il traguardo della “VITA”.
    Grazie don Paolo!

  3. Maria giovanna De Nuzzo

    concordo e sostengo l’elezione.
    La volgarità espressa dal nostro Presidente del Consiglio non si manifesta solo attraverso gesti e parole ma la si percepisce in tutto il suo essere a cominciare dalla prosopopea di voler apparire la persona più attenta, sapiente,ligia, avveduta e trasparente che mai al mondo sia nata.

  4. riccardo zanetti

    Sono d’accordo, come sempre! Ma Biasotti e Musso che cosa hanno fatto, cioè perchè sono nell’articolo?
    Saluti Riccardo Zanetti