La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Per la prima volta la Chiesa parla: l’allarme dei vescovi medio orientali riuniti nel sinodo di Roma precisa violenze e ghettizzazioni e la Chiesa rompe il lungo silenzio. Cade la finzione che Israele sia uno stato dalla normale democrazia come gli altri

Raniero LA VALLE – Israele: la Bibbia non insegna a requisire terre, scacciare i proprietari palestinesi, alzare alti muri per dividere

28-10-2010

di

“Non è permesso di ricorrere a posizioni teologiche bibliche per farne uno strumento a giustificazione delle ingiustizie”. E in modo ancora più esplicito: “Non ci si può basare sul tema della Terra Promessa per giustificare il ritorno degli ebrei in Israele e la espulsione dei palestinesi”: la prima affermazione è contenuta nel Messaggio al Popolo di Dio (cioè a tutto il mondo) del Sinodo dei Vescovi per il Medio Oriente; la seconda affermazione è dell’Arcivescovo greco-melchita Cyrill Salim Bustros, che nella Sala Stampa vaticana ufficialmente l’ha presentato e spiegato.

Questa cosa nessuna Chiesa l’aveva mai detta. Che la Bibbia possa ispirare la condotta dei dirigenti di uno Stato nessuno l’ha mai contestato. Ma che la Bibbia possa essere l’origine di una sovranità moderna, prendere il posto di una Costituzione, legittimare occupazioni militari, colonizzazioni ed espulsione di popolazioni autoctone, non è normale, e tuttavia questo nessuno l’aveva mai contestato ad Israele. È per questo che le reazioni del governo israeliano prima ancora che di veemente protesta, sono state di stupore. Perché da sessant’anni si faceva finta di niente. La finzione che Israele fosse uno Stato come gli altri, anzi l’unico Stato democratico della zona, che il conflitto con i palestinesi fosse un semplice conflitto territoriale e che il famoso processo di pace comportasse solo problemi politici che chissà perché nessuno riusciva mai a risolvere, è stata una finzione sempre adottata da tutto l’Occidente e da tutte le Chiese. Troppo difficile era affrontare il nodo vero, per la paura che ciò potesse gettare un’ombra sul rapporto con gli ebrei, con tanta fatica e con grandissima gioia ricomposto dopo gli orrori delle persecuzioni antisemite e lo scempio della Shoà.

Perfino nel documento di riconciliazione con gli ebrei del Concilio Vaticano II “Nostra aetate” la questione era rimossa, fino al punto che la parola “Israele”, per la difficoltà di coniugare la sua valenza teologica (l’”Israele di Dio”) e la sua attuale significazione politica (lo Stato d’Israele) non era mai adoperata.
Ma questo silenzio sulla componente religiosa della questione israeliana se era di tutto l’Occidente e di tutte le Chiese, non lo era affatto degli ebrei, sia d’Israele che del mondo intero. La questione della legittimazione e della identità ebraica dello Stato d’Israele, del significato religioso del sionismo politico, della sua compatibilità o contrasto col sionismo religioso, in effetti domina il dibattito ebraico dall’inizio del Novecento ed è sempre aperta, anche se il 10 ottobre scorso il governo israeliano ha tentato una nuova forzatura inserendo nella legge sulla cittadinanza una norma che obbligherebbe ogni nuovo cittadino israeliano (anche arabo) a prestare giuramento ad Israele “Stato ebraico e democratico”, facendo così dell’ebraicità un carattere sacro dello Stato tutelato da un giuramento.

In questa situazione è un po’ paradossale che il ministero degli esteri israeliano abbia replicato al Sinodo che il riferimento alla Terra Promessa “non è mai stata la politica di alcun governo in Israele”: l’espansione delle colonie nei territori occupati non ha in effetti altra ragione che questa. Dunque è cominciato “un momento di verità”? Forse esso non sarebbe mai venuto se l’iniziativa non fosse venuta da cristiani – laici pastori e vescovi – di tutte le Chiese cristiane della Palestina, attraverso un documento “Kairós Palestina”, fatto proprio dai Patriarchi e dai capi delle Chiese di Gerusalemme e indirizzato a tutte le Chiese1. In esso si pone esplicitamente la questione che attraverso un uso distorto della Bibbia da parte di Israele, “la buona notizia dello stesso Vangelo è diventata una minaccia di morte per noi”. In questione non c’è dunque solamente la nuda vita del popolo palestinese: in questione è lo stesso kerigma, sia quello cristiano che quello ebraico.

Per questo la Chiesa cattolica nel Sinodo dei Vescovi, che nel documento preparatorio ancora una volta aveva derubricato il conflitto a questione politica senza implicazioni ecclesiali, se ne è ora fatta carico e ha posto il problema alla luce del sole davanti a tutti. L’ecumenismo, la coniugazione dei carismi di laici e gerarchie ecclesiastiche di tutte le Chiese più direttamente coinvolte, sono arrivate là dove una Chiesa da sola non aveva osato arrivare.

Raniero La Valle è presidente dei Comitati Dossetti per la Costituzione. Ha diretto, a soli 30 anni, L’Avvenire d’Italia, il più importante giornale cattolico nel quale ha seguito e raccontato le novità e le aperture del Concilio Vaticano II. Se ne va dopo il Concilio (1967), quando inizia la normalizzazione che emargina le tendenze progressiste del cardinale Lercaro. La Valle gira il mondo per la Rai, reportages e documentari, sempre impegnato sui temi della pace: Vietnam, Cambogia, America Latina. Con Linda Bimbi scrive un libro straordinario, vita e assassinio di Marianela Garcia Villas (“Marianela e i suoi fratelli”), avvocato salvadoregno che provava a tutelare i diritti umani violati dalle squadre della morte. Prima al mondo, aveva denunciato le bombe al fosforo, regalo del governo Reagan alla dittatura militare: bruciavano i contadini che pretendevano una normale giustizia sociale. Nel 1976 La Valle entra in Parlamento come indipendente di sinistra; si occupa della riforma della legge sull’obiezione di coscienza. Altri libri “Dalla parte di Abele”, “Pacem in Terris, l’enciclica della liberazione”, “Prima che l’amore finisca”, “Agonia e vocazione dell’Occidente”. Nel 2008 ha pubblicato “Se questo è un Dio”. Promotore del “Manifesto per la sinistra cristiana” nel quale propone il rilancio della partecipazione politica e dei valori del patto costituzionale del ’48 e la critica della democrazia maggioritaria.
 

Commenti

  1. Franco Bifani

    Se è per quello, tutte le religioni monoteistiche hanno, volutamente e scientemente, manovrato le parole dei loro profeti o addirittura di Dio o del Suo Figliuolo,per intenderle in senso di violenta e cruenta conquista. Nel Vangelo di Marco, quando Cri-sto disse ai Suoi discepoli: “Andate in tutto il mondo e predicate il mio Vangelo ad ogni creatura”, intendeva forse che si portasse a termine l’opera con la spada o bruciando, torturando, impiccando e decapitando chi non avesse voluto convertirsi? Eppure, seguiti o preceduti dai missionari, gli eserciti europei evangelizzarono tutto il mondo con queste modalità. Maometto prescrise, senza mezzi termini, la Jihad e, da Giosuè in avanti, il Vecchio Testamento rimane come la cronaca di massacri e genocidii telecomandati dal Dio degli Ebrei, come cosa buona, giusta, equa e salutare.

  2. besmir

    da Mussulmano praticante vorrei precisare una cosa, mi riferisco a Franco Bifani, lo scopo, l’obiettivo delle guerre che hanno fatto i Mussulmani non è mai stata quella di occupare terre e ricavare benefici. L’obiettivo è sempre stato quello di far conoscere alla gente l’ultimo messaggio di Dio mandato con l’ultimo Profeta.

    Il Messaggio dell’Islam
    Ribij bin Amr, Allah sia compiaciuto di lui,uno dei Sahaba (compgni del Profeta) onorati, il quale è stato delegato dai Mussulmani per negoziare con il capo dell’esercito dell’impero Persiano, venne chiesto – che cosa cercano i Mussulmani che si sono messi contro l’esercito Persiano per combattere contro di loro, – visto che era uno degli eserciti più potenti del tempo – egli rispose:
    “Allah ci ha mandati per portare fuori la gente dall’adorazione delle persone e di adorare il Creatore delle persone, e di portare fuori l’umanità dalla strettoia di questo mondo e portarli verso la sua larghezza e di portarli fuori dalle religioni (o sistemi di pensiero) inutili, nella giustizia dell’Islam.”
    I Mussulmani sono stati in Spagna per più di 800 anni, India più di 1000 anni, parte della Cina per secoli, in Russia, gli Otomani più di 500… tutti questi imperi se facessero tutto con la spada, allora non sarebbe rimasto nessun cistiano, budista o ebreo vivo in queste terre.
    Poi è un dato di fatto che, se tu costringi una persona ad accettare qualcosa, e lui lo accetta perchè è costretto di farlo, appena tu muori o diventi debole, l’altra persona torna ad essere come prima.
    Tutti queste guerre che vengono riferite all’Islam, porterebbe la gente a lasciare questa religione dopo gli anni di gloria… ma i dati di fatto dicono che sta in aumento il numero di coloro che si convertono all’Islam.

  3. Inenascio Padìdio

    Condivido in toto quest’articolo dell’Autore Raniero La Valle, che ammiro e stimo molto credibile.
    Voglio solo aggiungere, da persona indotta (priva di ogni studio e dottrina), che il male olocaustico più grande sulla terra è commesso da secoli, se non millenni, da una 40tina di ricche famiglie del popolo a me più caro fra tutti i popoli, quello di Israele, prescelto dal Dio del Vecchio Testamento.
    Il mondo intero non potrà mai trovare pace fino a quando la stragrande maggioranza del popolo Israeliano riconoscerà la Buona Novella del Vangelo di Gesù Cristo.
    Allora sarà davvero Israele il popolo più democratico e pacifico, con la definitiva Pace con la Palestina e la scomparsa del Mossad.

    Infine, una bella novità! Opero dal 25/10/1993, munito di Grazia unica di avere la “Fede in Cristo” privata del “dubbio metodico” cartesiano. Al posto dell’attributo divino della ONNISCIENZA posseggo la ONNIGNORANZA. Davvero un bel tubo! Dove scorre l’acqua che porta “A egregie cose il forte animo accendono”, verso immortale di Ugo Foscolo, mio autore scolastico prediletto.
    Per la “Fede” inusitata ricevuta, spesso evocata e richiesta da Gesù Cristo, ritenuta impossibile dai più acuti operatori del pensiero (per tutti: Emanuele Severino), non ho difficoltà a convenire di essere l’unico IMBECILLE esistente al mondo, di cui si serve la Sapienza Divina per addivenire alla Verità, la quale, come è emerso dal Consiglio Ecumenico Vaticano II “… non s’impone che in forza della stessa Verità”.

    Per tale traguardo, incommensurabilmente bello, sono sulla dirittura d’arrivo dopo 17 anni di operosità, munito d’Amore forte come la morte, vale a dire senz’alcun limite di costo.
    Per saperne di più, l’ultimo mio video è del 25/10/2010, XVII Anniversario della mia missione, quale innamorato “pazzo/stolto/debole” di DIO, per risolvere, una volta per sempre, l’immenso Problema di DIO.
    Lo si potrà visionare su Arcoiris.tv, spero fra breve tempo. Immediatamente a questo indirizzo:

    http://www.youtube.com/watch?v=vicsMHY8BpQ

    Serena visione! :-D

  4. Franco Bifani

    Il Signor Besmir è senz’altro un musulmano fervido e fervente, ma non solo non sa leggere, bensì si inventa anche, nel mio caso, affermzioni che io non ho espresso: dove mai io, nel mio breve commento, avrei scritto che l’Islam ha fatto conquiste per ragioni imperialistiche od economiche? Ho,casomai, criticato soprattutto i metodi violenti del cristianesimo. Le motivazioni portate dal signor Besmir sono, poi, inaccettabili e riconducono al fanatismo religioso come, appunto, riferibile a tutte le religioni monoteistiche, cioè il volere, a tutti i costi, portare a conoscenza del mondo intiero, la propria fede, spesso anche imponendola. Termino dicendo che, da quanto accade in Iran,in Iraq, in Pakistan, in Afghanistan, in Somalia e nel Sudan, in Indonesia e nelle Filippone, da parte di gruppi che si autodefiniscono portatori della genuina fede islamica, i metodi di insegnamento religioso nei confronti non solo dei cosiddetti “cani infedeli”, quali siamo di solito definiti noi non-islamici, ma persino dei rivali, sunniti o sciiti, non mi sembrano dei migliori. Maometto prescrisse forse che si sterminassero coloro che non accettavano la sua religione? E’ possibile che una fazione islamica faccia saltare in aria donne e bambini innocenti, al mercato, ad esempio, solo perchè sciiti o sunniti? Torniamo allora a scimmiottare, caro signor Besmir, i cristiani, che si sono accoppati, fino a poco tempo fa, tra di loro, solo perchè gli uni cattolici, gli altri protestanti o calvinisti o che altro. Non siete diversi dagli altri, voi islamici, anche se vi credete i migliori!

  5. Franco Bifani

    Caro signor Padidio,io, al contrario di Lei, spero invece che gli israeliani non abbandonino mai la loro fede. Se dopo tutte le stragi che hanno perpetrato in Palestina da ebrei, ci volessero aggiungere, per imitazione, altri eccidii, da cattolici, sul tipo di quelli che noi abbiamo compiuto, per secoli, in tutto il mondo, poveracci noi! Lei, poi, non mi sembra tanto ignorante, non si svaluti; piuttosto La vedo affetta da un certo misticismo esplosivo, in seguito al quale Lei non fa che autolodarsi ed autoincensarsi, ma chi si loda si imbroda, stia attento! Non mi vada ad imitare quel certo tipo, di una parabola evangelica, che si piantava tronfio a gambe larghe nel Tempio, facendo dinannzi a Dio l’elenco completo delle sue lodevoli azioni, mentre un altro,invece, in un angolo del Tempio stesso, con umiltà e modestia, chiedeva, al medesimo Dio, pietà e perdono per ciò che aveva compiuto. Che Lei sia in dirittura d’arrivo, che significa, che ha già salito e superato i gradini o gradoni di servo di Dio, beato e sta per tagliare il traguardo della santità? Vedo che si è già autoassegnato un posto sul calendario dei Santi, per il 25 di ottobre, vivaddio! Mi potrebbe spedire un Suo santino, anche a pagamento, beninteso?

  6. piero deola

    Si continua a fare filosofia su fatti criminali ispirati dalla Bibbia che non è altro che una favola confezionata attraverso i millenni e usata quale codice di diritto per trucidare giornalmente un popolo innocente che come disse Ben Gurion non centrava nulla con la Shoah.
    Se poi consideriamo la quantità di falsità che vengono spacciate all’interno della storiografia olocaustica,dobbiamo concludere che il mondo e finalmente i preti,ma non il Papa,non debba facilmente vantarsi di mettere la Kippah in testa.

  7. besmir

    A Franco Bifani, io sono un Mussulmano praticante, e cerco di fare il mio meglio.
    Ho letto benissimo ciò che lei ha scritto e mi riferivo alla frase: Maometto prescrise, senza mezzi termini, la Jihad !!!
    Che ne sa lei che cos’è la Jihad… non è mica ciò che fa vedere e sentire il media nell’occidente oppure ciò che molti occidentali cercano di strumentalizzare.

    Tanto per le bombe… è facile puntare il dito – l’ha fatto questo o l’ha fatto quello, però “caro” Franco Bifani nessuno sa la verità. Ci sono bombe messe anche dalle forze internazionali e ci sono video che lo dimostrano, ma non si fa vedere in occidente questa parte della storia… E’ facile aprire una guerra come dice lei in Iraq Afghanistan o Palestina e puntare il dito comodamente dicendo questo è estremista, questo è integralista, questo è terrorista; Mentre sono i civili di questi paesi a morire a centinaia, migliaia… però come dice lei è sempre colpa degli estremisti, dai la facciamo facile e comoda come dice lei.
    Israele ha cacciato tutti i mussulmani dalle loro terre, li ha ammazzato per anni interi, ma tanto quelli sono estremisti, è per il bene dell’umanità che muoiono i Mussulmani in tutti quei paesi dove c’è la “MISSIONE DI PACE” con bombe e artiglieria di ultimissima generazione…
    Tanto a falluja (Iraq) le donne hanno deciso di non rimanere più incinta, perché i bimbi escono deformati e muoiono massimo entro uno o due mesi, ma tanto è meglio cosi, riduciamo i futuri terroristi…

    L’occidente ha portato ‘angeli’ in quei paesi

  8. Franco Bifani

    Per il signor Deola- Che la Bibbia sia solo un’antologìa di favolette, quello lo dice Lei; per tanti altri creduloni non è così, ma sa, non tutti posseggono le capacità esegetiche ed analitiche da storiografo che invece detiene Lei; c’è chi può e chi non può abbia pietà di me e degli altri somari che hanno opinioni diverse dalla sua! Che poi nella Bibbia vengano offerte alla lettura e meditazione altrui come legittime e legittimate addirittura da Dio certe porcherie, qui non ci piove, è vero, che più vero non si può. Quanto alle palle varie sulla Shoah, immagino che Lei appartenga a quella schiera, vasta o ristretta, di negazionisti, quelli che raccontano di qualche centinaio di migliaia di morti giudei,ma a causa di influenza, tosse o raffredore,o durante il ritorno a casa, per spossatezza. Nei Lager, poi, secondo certa gente, esistevano cinema, teatri, auditorium, piscine olimpioniche, campi da calcio e golf; una vacanza, insomma, con tanto di infermeria, frequentata da stupende valchirie teutoniche. La direzione dei Lager era pressata da domande di iscrizione, da parte delle comunità ebraiche, tutti volevano trascorrerci un periodo di ferie; anche perchè non esistevano camere a gas, crematorii e ballle del genere, tutte invenzioni degli Alleati, dell’Ovest come dell’Est, e delle varie lobbies ebraiche.
    Per Besmir- Vedo che continua a leggerm malissimo e si scalda tanto da arrivare al calor bianco e da sfiorare, a volte, il fanatismo, almeno verbale. So benissimo che cosa significhi Jihad, non sono così ignorante, anche se cristiano e non musulmano, da intenderla nel senso negativo del termine, come fanno in tanti, soparttutto tanti pii e ferventi islamici, che in suo nome ammazzano sciiti, sunniti e non-islamici, senza distinzione. Conosco bene anche tutte le porcherie che gli eserciti degli USA e della NATO combinano nei Paesi occupati dalle loro truppe, per cui non sto affatto dalla loro parte. Non sono un fanatico che ragione solo in base all’appartenenza religiosa od etnica, caro Besmir, per cui sono ben lontano dal ritenere che TUTTI i musulmani, in massa, siano dei criminali, fanatici ed intolleranti. Quanto ai bimbi ed alle donne uccise dalle bombe, metta nel conto,però, anche quelli fatti saltare in aria da estremisiti islamici; sia onesto fino in fondo, faccia del suo meglio, come ha dichiarato, non punti il dito solo sul Satana dell’Occidente, ma anche su quello del Medioriente!

  9. besmir

    A Franco Bifani, ho visto che lei ha fatto il professore di liceo quindi, ha avuto il modo di conoscere un pò la psiche di migliaia di persone, almeno io credo che un professore arrivi ad analizzare il comportamento dell’altro oggettivamente, però lei continua a dire fervente, fanatico oppure estremisti islamici…

    Io comunque ho semplicemente detto quella che io ritengo essere la verità da parte mia e ho voluto semplicemente chiarire il concetto che lei aveva espresso precedentemente che a quanto pare ho letto bene.

    L’Islam è una legge di vita da seguire. Il Corano e la tradizione del Profeta sono la COSTITUZIONE del Mussulmano, che è la Legge divina, dico questo per chiarirle che un Mussulmano parla sempre – o almeno dovrebbe cercare, perchè c’è chi commette errori – d parlare tenendo conto se la cosa che sta per dire o l’azione che sta per fare va contro l’Islam o no. Quindi io cerco sempre di parlare cosi.

    Anche le società Mussulmane hanno i loro problemi, ma visto che lei ha fatto il professore, dovrebbe sapere che i grandi poteri hanno avuto un ruolo fondamentale nel dividere lo Stato Mussulmano in moltissimi stati… poi le colonizzazioni… poi la Palestina… poi Iraq e di nuovo Iraq… adesso Afghanistan… quindi lei penso che sappia che USA e l’Europa giocano un ruolo importante nel decidere chi deve andare al potere in questi stati.
    Vediamo le cose obiettivamente, analizziamo e ne traiamo le conclusioni.
    Poi oggi come oggi, c’è una grande spaccatura in Iraq per esempio perché non c’è uno stato, e qaundo non c’è uno stato le cose si possono manipolare facilmente da qualsiasi parte.

    Mi può togliere una curiosità professore sulla Shoa; se i morti sono stati più di 260 milioni nella 2 guerra mondiale (fatta da voi cristiani comunque, visto che i Mussulmani sono quelli che saltano con le bombe…), perché viene sempre ribadito il concetto solo dei morti Ebrei e degli cristiani nessuno ne parla che come numero a me fa PAURA…

    Buona sera professore

  10. Inenascio Padìdio

    Carissimo Franco, innanzitutto ricambiami il “tu” senza il “signor”. Hai risposto al mio commento postato alle 04:30. Lo hai fatto alle 09:49, probabilmente senza leggere nient’altro di me. Perciò, con il senno di poi, di certo ti ricrederai, senza doverti scusare assolutamente, perché ritengo come se tu avessi 3 anni ed io 72, che compirò il prossimo 23/01/2011.

    Non hai visionato il mio 14° video YouTube, linkato alla fine del mio commento. Se l’avessi fatto, avresti approfondito meglio la mia conoscenza e, come centinaia e centinaia di intellettuali con cui mi sono relazionato negli ultimi 17 anni, non mi avresti risposto per palese impossibilità. Non è un problema mio!

    Ti rispondo dopo aver impiegato 5-6 ore per sapere, in linea di massima, dell’intera tua vita, come tante vite, non prive di errori e amarezze. Fisiologico! Ti stimo e ammiro molto come professore di lettere, dove io mi ritengo quello che sono oggettivamente: un asino!

    Il tuo commento, culminante con l’ironica domanda: «Mi potrebbe spedire un Suo santino, anche a pagamento, beninteso?», mi ha fatto scompisciare dal ridere :-) . Ti rispondo affettuosamente come se scrivessi al mio indimenticabile fratello Franco, scomparso tragicamente il 02/01/1990 all’età di 55 anni, sfegatatamente appassionato di Leopardi, unico amore della sua vita di scapolo tra 4 fratelli e una sorella felicemente sposati. Proprio in occasione della sua scomparsa, mi auto-suggestionai che mi mandava messaggi dall’aldilà, ricavati da un pendolo sulla tastiera della mia compositrice meccanica, gloriosa Linotype. Così, da miscredente, mi risvegliai alla fede cristiana iniziando ad apprendere il Catechismo della CC. Quindi sono stato normale cristiano dal 1990 al 2005 (solo 15 anni), quando mi auto-scomunicai dalla CC Docente (mai da quella Trionfante di Cristo). Ma perché? Perché nel Dicembre 2005 rimasi scandalizzato come un bambino (credimi, essendo persona da sempre “omnia munda mundis” puro di cuore) per come trattato dall’attuale Pontefice, dal suo vicario cardinale Camillo Ruini e, soprattutto, dal direttore di “Radio Maria”, don Livio Fanzaga, con i quali mi ero relazionato con scrittura oceanica. Profondamente deluso!
    Così sono divenuto a-religioso e a-partitico, ritenendo però INDISPENSABILI sia la Religione che la Politica, per lo svolgersi della civile convivenza.
    Rispondo alla tua ironica, ma interessantissima domanda: «Che Lei sia in dirittura d’arrivo, che significa, che ha già salito e superato i gradini o gradoni di servo di Dio, beato e sta per tagliare il traguardo della santità?
    La risposta sintetica della mia “dirittura d’arrivo” consiste, dopo operato 17 anni in “scripta manent” (verificabilissimo, perché scrittura pre-depositata con spedizioni Raccomandata A.R., dal 15/01/1994 al 08/12/2005), nel mettere la parola FINE alla situazione, tragicamente reale, indicata nel tuo lavoro di scrittore:

    «Dal “PROFUMO DELLE GINESTRE” di Franco Bifani (fine capitolo II):
    (…) la vera differenza sta nell’avere e nel non avere, nello sfruttare e nell’essere sfruttati, nel bombardare e nell’essere bombardati, specie quando ad essere bombardati sono bambini, donne,
    popoli da sempre sottomessi allo schiavismo e all’oppressione di un pugno di balordi che detengono il potere economico e si sono eletti a padroni del mondo.»

    Ovviamente, è solare, verificabile, che opera in me, esserino umilissimo e insignificante, lo Spirito della “Verità” o “Realtà di DIO”, impensabile e diametralmente opposta a quella predicata dalle grandi Religioni e teorizzata da Filosofie e Teologie più eccellenti d’ogni tempo. Franco, ti ripeto, io mi considero solo un “tubo” conduttore d’acqua, un inutile “servo di tutti”, che mai potrebbe gloriarsi di se stesso, se non di DIO. L’ho scritto centinaia di volte.

    Ti ringrazio del commento e ti scongiuro accoratamente di cominciare a ricambiarmi altrettanto tempo per conoscermi. Abbiamo una cosa in comune, 2 bambine, mi pare le tue di 34 e 37 anni, le mie (superstiti) di 37 e 44 anni, a cui dobbiamo, prima riscattarci del passato, poi assicurarle il futuro con i loro figli e scongiurare disperazioni o suicidi, a causa di quel “pugno di balordi che detengono il potere economico…”, da te così definiti; mentre io, nel commento ho scritto: “una 40tina di ricche famiglie… [ebraiche, ai vertici delle Banche centrali]”, illuminati tecnocrati della moneta “cattiva” che, come confessò il 15 marzo 2009 al TgUno di Gianni Riotta l’attuale ministro Tremonti: «Se dipendesse da me: o vanno a casa o vanno in prigione» (intervista sulla vera causa della gravissima crisi economica).
    Impresa possibile solo a DIO, appunto, attraverso di me, con strumenti giuridici e legali esistenti nella nostra Patria del riconosciuto primario “Stato di diritto”.
    Sono a tua totale disposizione, nella speranza di rileggerti ancora qui, o nei commenti contestuali chiarificatori su YouTube, “Eascioblog” di Blogger, “Provvidenziale pazzo di DIO” di Splinder, per tele-fax o e-mail.
    Felicissimo d’averti conosciuto. Grazie di esistere! Buon fine settimana e tanti cari saluti :-D
    .

  11. Franco Bifani

    Inenascio, ti ripeto, tu non sei un asino, sei,invece, un grande; hai anche capito che uso spesso l’ironia, forse ance per esorcizzaree diluire una certa seriosità di argomenti, senza però sommergerli con il sarcasmo, che è ben altra cosa dallo humour. Sono felice di averti incontrato e di dialogare con te, anche se solo virtualmente. Il fatto che io sia stato un docente di Lettere, di fronte all’Infinito spazio-temporale, è insignificante, ininfluente e caduco. E’ vero, non ho guardato il tuo video anche perchè, dopo poco, mi si stanca l’unico occhio, pure lui malmesso, da cui ancora ci vedo. Io ho sorpassato i 65 anni nell’aprile di quest’anno; da almeno 50 sono un ammiratore sconfinato del grande Leopardi, il cantore del pessimismo eroico e struggente dell’adolescenza e della gioventù. Anch’io, come te, sono una specie di reietto dalla Chiesa ufficiale, perchè divorziato risposato e da 23 anni vivo da cristiano para-protestante, con colloqui diretti con Cristo e con qualche raro sacerdote, specie un fratone cinese, che si chiama come me. Non ridurti però a tubo conduttore, non calpestarti sul modello di Jacopone da Todi; anche tu, come essere umano, sei un microcosmo che alberga in sè il Macrocosmo, unica creatura divina a partecipare di fisico e di spirito, al contrario di ogni altra, Dio creatore compreso, che posssegono solo l’un termine o l’altro. Non so se veramente mi si possa ringraziare di esistere, mi sento talmente fragile e caduco che mi si può spazzare via con una parola, non con un gesto. A Dio l’ardua sentenza!

  12. [...] This post was mentioned on Twitter by Andrea Intonti, Domani – Arcoiris TV. Domani – Arcoiris TV said: Israele: la Bibbia non insegna a requisire terre, scacciare i legittimi proprietari palestinesi, alzare alti muri… http://ff.im/-sNBBV [...]

  13. piero deola

    Caro BIfani
    apprendo che Lei è un fervente credente ma ha studiato poco. La verità non è quella che si crede ma quella documentata e non romanzata.Non sono negazionista ma credo solo ai documenti e non alle false testimonianze.

  14. Inenascio Padìdio

    Franco, innanzitutto 2 precisazioni:

    1) Il mio “grazie di esistere” a te, perché ho letto che, appena pensionato, ti dedichi alle passioni: “la scrittura, la psicologia e il cinema”. Per questo ho pensato e mi sono domandato: che sia la persona giusta a scrivere del mio FATTO, unico assoluto mondiale? Ho tentato, prima di te, con Vittorio Messori, Serafino Massoni, Ida Magli, pochi mesi fa anche con l’astro nascente Roberto Saviano. Nessuno di questi si è degnato di rispondermi, sia pure negativamente.

    2) Se mi hai confessato di non aver visto il 14° video YouTube linkato nel mio primo commento (4° video pubblicato anche su Arcoiris.tv, che ringrazio) perché, dopo poco, ti si “stanca l’unico occhio” e che hai “sorpassato i 65 anni”, sappi che io sono congenitamente affetto da “amblopìa occhio destro” (quindi monocolo dalla nascita), inoltre, accertato definitivamente dalla Commissione di Verifica INPS di Napoli, in data 29/01/2008: “Invalido civile totale – Codice 06”. Quindi sono molto + fragile di te, a 72 anni che compirò il 23/01/2011.
    Poi, se affermo di essere un asino, mi riferisco al disagio che ho nello scrivere, per non aver mai studiato a scuola la sintassi o analisi del periodo. Studiai solo l’analisi grammaticale semplice. Ricordo che il tema di italiano in classe, era l’unica mia “bestia nera”. Insomma, negato a scrivere!
    Dopo le elementari, frequentai 5 anni di Scuole di avviamento professionale e mi diplomai “operaio tornitore”, per l’industria metalmeccanica.
    Poiché nell’ultimo anno di scuola 1953-54, frequentavo una tipografia nel palazzo dove abitavo, intrapresi l’apprendistato per divenire “operaio compositore tipografo”, perché mi affascinava il sapere attraverso le lettere. Potevo cominciare a guadagnare per la famiglia e, senza spendere soldi mancanti per gli studi superiori, ugualmente avrei potuto erudirmi alla Foscolo, in cui mi riconoscevo, particolarmente nella impulsività di carattere, con uno struggente romanticismo, leggendo “Le ultime lettere di Jacopo Ortis”.
    Asino in lingue straniere, l’inglese non l’ho mai potuto digerire. Asino in informatica, PC, internet, in cui sono sbarcato in data 25/01/2007. Parlo discretamente la lingua napoli-italiana!
    Complessivamente, sono un immenso ignorante di cultura generale e, dulcis in fundo, unico IMBECILLE esistente per aver ricevuto la GRAZIA inaudita della “Fede in Cristo” senza il dubbio. Letizia perfetta!

    Caro Franco, mi hai risposto dopo una sola ora dal mio precedente commento: «Sono felice di averti incontrato e di dialogare con te», senza ricambiarmi almeno 5-6 ore che io ti ho dedicato. Come si fa a dialogare virtualmente senza conoscere niente dell’interlocutore? Sarebbe del tutto inutile! Quando poi io, per dialogare, rinuncio a deliziosi ascolti della mia Musa ispiratrice, indimenticabile compianta dottoressa angelica ANNA MARIA CENCI, con sogni idilliaci.
    A me non resta che NOTIFICARE a te, all’autorevole autore Raniero La Valle e a chiunque legge, che, in quanto miei connazionali, ai sensi di legge, mi dovete pagare Lit. 100 miliardi, equivalenti a Euro 50 milioni, soltanto se possedete patrimonio superiore all’importo di franchigia da me istituito di Euro 3.000.000. Trattasi dell’onorario dovutomi per la “Lezione di Sapienza” SEMPLICE, impartita a tutti gli amati connazionali, dal 1994 al 2000 (7 anni).

    Mentre, per Carlo Azeglio Ciampi, Giorgio Napolitano, Silvio Berlusconi, Romano Prodi, Antonio Fazio e centinaia di altri amministratori, dovranno favorirmi l’intero patrimonio, perché per essi la “Lezione di Sapienza” è SPECIALE, in quanto miei interlocutori diretti.
    A me non servirà un solo Euro. Ormai vivo da Dio dal 01/11/2003.
    L’immensa ricchezza sapientemente guadagnata servirà per salvare l’Italia e, conseguentemente, le Nazioni di tutti i Continenti, ripristinando così l’originaria equa distribuzione dei beni del Creato e del lavoro umano, in modo che tutti possano vivere la breve vita terrena davvero degna di essere vissuta.
    Per tutti i dettagli, rimando a leggere e visionare quanto ho pubblicato in 3 anni sul Web.
    Si deve aver fede in DIO, verificabilissimo, che opera attraverso di me, ponendomi in terra addirittura al disopra di Sé, perché a me non si deve “credere” ma “prendere atto”, cosicché, soprattutto gli Economisti illuminati tecnocrati delle Banche centrali (è maturato il tempo, vivaddio!), Politici, Religiosi e quant’altri, possano aggiornare le loro relative dottrine o conoscenze. :-D

  15. Inenascio Padìdio

    Egregio PIERO DEOLA,
    nell’inviare un secondo poderoso commento in risposta al caro Franco Bifani, ho letto questo suo breve commento, e la invito a verificare la VERITA’ da me documentata proprio come da Lei richiesto.
    Nel commento appena postato c’è una originale NOTIFICAZIONE, valida per tutti gli amati connazionali, quindi anche per lei.
    Certo che mi vorrà onorare di una risposta, la saluto cordialmente :-D

  16. Franco Bifani

    Signor Deola, ma dove e quando mai io ho scritto di essere poco acculturato ed un mistico ed estatico credente? Ho una laurea in Lettere ed una specializzazione in Psicologia, il che significa che ho studiato per qualche annetto. Quanto a fede, ne ho in una certa quantità, non saprei dire se sufficiente o meno, a Dio l’ardua sentenza. Quanto al credere da credulone, potrei ribaltare l’accusa su di Lei, che, per un evidente odio antiebraico, ritiene che quella della Shoah sia solo un’abile favoletta o fiaba, non documentata e non documentabile; è proprio vero che il mondo è bello perchè è vario e lascia spazio a tutte le opinioni opinabili ed inopinabili, compresa la Sua, avvalorata e sostenuta da documentazione veritiera ed indiscutibile.

  17. piero deola

    Gentile Padìdio
    non sono in grado di apprezzare la Sua “lezione di Sapienza” non avendola seguita dal ’94 al 2000. Posso solo informarla che non appartengo al mondo dei credenti a tutti i costi e conseguentemente sono ateo.
    I più cordiali saluti.

    P.S.
    quanto ad anni vi batto tutti anche se ciò non conta nulla.

  18. piero deola

    Caro Bifani
    mi riferivo alla cultura nello specifico e non a quella generale. Non serbo un odio antiebraico che Lei illecitamente mi ha addebitato nè una negazione della persecuzione dei giudei da parte dei nazisti ma un’avversione verso i criminali sionisti fin dalla loro comparsa e trionfo successivo anche a scapito degli ebrei perbene.E’ su questo che Lei non ha studiato abbastanza. Con questo passo e chiudo.

  19. Franco Bifani

    Ueh,paisà, ma sai che io tengo parenti ed antenati di Benevento e di Napoli? Anzi, i miei antenati più lontani sono albanesi, di là fuggiti all’arrivo dei Turchi, alla fine del ’500. Provvederò a mandarti un bonifico congruo, per le tue lezioni sapienziali, appena mi invierai le tue coordinate bancarie. Ti comunico che invece io ho sempre odiato la matematica e la filosofia. Se ti aspettavi una risposta da un superbioso come Messori, immanicato con il Vaticano e quarta persona aggiunta della SS. Trinità, n’hai voglia, Inenascio! Hai esercitato per anni una professione stupenda, come quella del tipografo compositore; quanto ad imbecillità, siamo imbecilli e deficienti entrambi, nel senso etimologico puro, di mancanti di bastoni d’appoggio e di qualche cosa, come altri miliardi di esseri umani al mondo. Quanto a velocità nel risponderti, ti assicuro che, secondo un metodo che si richoama allo psicologo Lacan ed altri, riesco agevolmente a leggere il carattere di una persona da quanto scrive, senza bisogno di andarmi a vedere documenti video o che altro. Per la tua invalidità percepisci qualche Eurino al mese? Se sì, dimmi il nome del tuo medico, che mi ci rivolgo pure io!

  20. Inenascio Padìdio

    @ Franco Bifani

    Ho che bello! Abbiamo davvero molto in comune, anche una certa napoletanità, quella più nobile, la generosità del cuore.
    Personalmente, dal 1° Gennaio 2004, decorrenza di una minima pensione VO artigiana, non svolgo assolutamente attività di lucro. Anche se oggi ammonta a Euro 460,00 mensile, per me, che vivo solo in “Manicomio privato” di mq 16, senza pagare affitto, mi bastano e avanzano pure per beneficenze di strada, a giovani extracomunitari, che guardandomi supplicano: “Per favore, mi fa comprare da mangiare? Non c’è lavoro!” Non manco mai di tirare fuori il portamonete versando l’obolo nel contenitore. Spesso mi sento rispondere: “Grazie papà!” Mi commuovo struggentemente per il “diritto alla vita” negato a quel mio simile.
    Per la mia invalidità percepisco pensione INVCIV e indennità di comunicazione riconosciuta con sentenza emessa dal giudice del lavoro di Napoli, in data 08/02/2008, ed è solo grazie a queste provvidenze di legge che ho potuto farmi conoscere anche sul Web.
    Sono gioioso donatore di una dozzina tra benemerite organizzazioni onlus e tanti giovani titolari di blog della giusta informazione, non allineata al sistema, che riconosco meritevoli di essere sostenuti. Lo faccio nella misura minima di 33, media 333 e massima 500 Euro. Credimi, provo più gioia io a dare che essi a ricevere.
    Ovviamente, il grosso della indennità lo spendo per il motivo per cui l’ho ricevuta; anzi non basterebbe, perché dovrei assumere una collaboratrice domestica full-time, mentre ce l’ho part-time ma sufficiente per le mie esigenze.
    Si tratta di una ragazza-madre 50enne, che 13 anni fa ebbe la sventura d’imbattersi in un uomo già ammogliato con figli, nullatenente, che non vedo mai. Ha 2 stupendi bambini, Sefano (10 anni) e Francesco (12 anni), ai quali dono loro la paghetta di 1 Euro/die, a condizione che non facciano arrabbiare la loro mamma. Si chiama Mariagrazia e vive nel civico di fronte al mio. La ritengo come mia 3^ figlia, sorella e madre. Amante no assolutamente, perché non è Sabrina Ferilli, l’unica donna che ritengo degna di sostituire (beninteso, fino a quando sarà in età fertile) il mio indimenticabile unico amore della mia vita, Annamaria, scomparsa il 18/11/1997. Mariagrazia piange e si dispera perché non riceve più da 9 mesi un miserabile sussidio trimestrale per le ragazze-madri, a causa del trasferimento dalla Provincia al Comune di tale sussidio. Burocrazia deplorevole!
    Poi si lamenta dello sfratto in corso e che non trova altra casa da poter affittare, recentemente ha perso lavoro, sempre di collaboratrice domestica ed è disoccupata da vari mesi. Menomale che ha Inenascio! Spesso evoca il suicidio per la disperazione, ed io le dico: “Mariagrazia, pensa ai bambini, e abbi fede in Cristo!”, al che riacquista forza e coraggio. Malus in fundo, anche per lei cominciano ad affiorare gli acciacchi fisici per la vita stentata, quindi bisognosa pure di cure mediche.
    Eccezionalmente, solo per questo, per la prima volta nella mia vita, caro Franco, accetto il tuo generoso
    “bonifico congruo”, per le mie “lezioni sapienziali”.
    Lo potrai fare con il mezzo elettronico più sicuro. Mariagrazia ha carta Postepay numero:

    4023 6005 6923 1535

    Ti sarò ulteriormente grato se appena effettuata l’operazione, me ne darai comunicazione al mio e-mail pubblico: inenascio@gmail.com. Invito che rivolgo a qualsiasi altro utente che ci leggerà e vorrà associarsi a te, perché “celeste è questa corrispondenza d’amorosi sensi”. Pace e bene a tutti, come assicuro è in me :-D

  21. Inenascio Padìdio

    @ Franco Bifani

    Oh che bello! Abbiamo davvero molto in comune, anche una certa napoletanità, quella più nobile, la generosità del cuore.
    Personalmente, dal 1° Gennaio 2004, decorrenza di una minima pensione VO artigiana, non svolgo assolutamente attività di lucro. Anche se oggi ammonta a Euro 460,00 mensile, per me, che vivo solo in “Manicomio privato” di mq 16, senza pagare affitto, mi bastano e avanzano pure per beneficenze di strada, a giovani extracomunitari, che guardandomi supplicano: “Per favore, mi fa comprare da mangiare? Non c’è lavoro!” Non manco mai di tirare fuori il portamonete versando l’obolo nel contenitore. Spesso mi sento rispondere: “Grazie papà!” Mi commuovo struggentemente per il “diritto alla vita” negato a quel mio simile.
    Per la mia invalidità percepisco pensione INVCIV e indennità di comunicazione riconosciuta con sentenza emessa dal giudice del lavoro di Napoli, in data 08/02/2008, ed è solo grazie a queste provvidenze di legge che ho potuto farmi conoscere anche sul Web.
    Sono gioioso donatore di una dozzina tra benemerite organizzazioni onlus e tanti giovani titolari di blog della giusta informazione, non allineata al sistema, che riconosco meritevoli di essere sostenuti. Lo faccio nella misura minima di 33, media 333 e massima 500 Euro. Credimi, provo più gioia io a dare che essi a ricevere.
    Ovviamente, il grosso della indennità lo spendo per il motivo per cui l’ho ricevuta; anzi non basterebbe, perché dovrei assumere una collaboratrice domestica full-time, mentre ce l’ho part-time ma sufficiente per le mie esigenze.
    Si tratta di una ragazza-madre 50enne, che 13 anni fa ebbe la sventura d’imbattersi in un uomo già ammogliato con figli, nullatenente, che non vedo mai. Ha 2 stupendi bambini, Sefano (10 anni) e Francesco (12 anni), ai quali dono loro la paghetta di 1 Euro/die, a condizione che non facciano arrabbiare la loro mamma. Si chiama Mariagrazia e vive nel civico di fronte al mio. La ritengo come mia 3^ figlia, sorella e madre. Amante no assolutamente, perché non è Sabrina Ferilli, l’unica donna che ritengo degna di sostituire (beninteso, fino a quando sarà in età fertile) il mio indimenticabile unico amore della mia vita, Annamaria, scomparsa il 18/11/1997. Mariagrazia piange e si dispera perché non riceve più da 9 mesi un miserabile sussidio trimestrale per le ragazze-madri, a causa del trasferimento dalla Provincia al Comune di tale sussidio. Burocrazia deplorevole!
    Poi si lamenta dello sfratto in corso e che non trova altra casa da poter affittare, recentemente ha perso lavoro, sempre di collaboratrice domestica ed è disoccupata da vari mesi. Menomale che ha Inenascio! Spesso evoca il suicidio per la disperazione, ed io le dico: “Mariagrazia, pensa ai bambini, e abbi fede in Cristo!”, al che riacquista forza e coraggio. Malus in fundo, anche per lei cominciano ad affiorare gli acciacchi fisici per la vita stentata, quindi bisognosa pure di cure mediche.
    Eccezionalmente, solo per questo, per la prima volta nella mia vita, caro Franco, accetto il tuo generoso
    “bonifico congruo”, per le mie “lezioni sapienziali”.
    Lo potrai fare con il mezzo elettronico più sicuro. Mariagrazia ha carta Postepay numero:

    4023 6005 6923 1535

    Ti sarò ulteriormente grato se appena effettuata l’operazione, me ne darai comunicazione al mio e-mail pubblico: inenascio@gmail.com. Invito che rivolgo a qualsiasi altro utente che ci leggerà e vorrà associarsi a te, perché “celeste è questa corrispondenza d’amorosi sensi”. Pace e bene a tutti, come assicuro è in me :-D

  22. Franco Bifani

    Inenascio, mi hai sommerso con una triplice copia conforme della stessa mail; che è successo, ti si era incantato il tasto di Invio? Tu non mi crederai, ma ho già il mio da fare ad aiutare le mie due figlie, per cui sarà difficile, se non impossibile, che io ti spedisca bonifici per altre persone extrafamiliari. Non percepisco una lauta pensione ed anche lo stipendio di mia moglie è il minimo necessario. Comunque, mi ha fatto piacere incontrarti e ti scriverò ancora al tuo indirizzo di posta elettronica; ce vedimme, Inenà!

  23. Inenascio Padìdio

    PIERO DEOLA ha scritto:

    «La verità non è quella che si crede ma quella documentata e non romanzata».

    Ribadisco all’autore, autorevole RANIERO LA VALLE e a tutti gli utenti lettori di questo interessante articolo, particolarmente al venerabile egregio PIERO DEOLA citato in dedica e a cui mi riferisco in questo commento, di essere stato normale fedele cattolico dal 1990 al 2005, quando mi auto-scomunicai dalla Chiesa cattolica docente (mai da quella Trionfante di Gesù Cristo). Quindi sono anch’io divenuto a-religioso, ATEO come lei e altri milioni di individui. C’è però una piccola non trascurabile differenza tra me e lei, io sono ATEO PERFETTISSIMO, solus ipse (= io solo), perché al di sopra del mio capo non ho alcun Dio, in quanto IO SONO Dio!!! Come ragionevolmente riconosco che lo è anche lei e tutti i nostri simili; io, da autodidatta ATTORE o congènito giusnaturalista, lo voglio semplicemente DIMOSTRARE con il Diritto positivo vigente, in modo che DIO lo possano comprendere persone dotate della comune (e non comune) ragione, in primis i cosiddetti intellettuali DOTTORI SOTTILI. Dove sono questi ultimi? Si confrontino con me! Prego! Fin quando non si decideranno a farlo, tradiscono scelleratamente la loro incommensurabile dignità di uomini, che è esattamente UGUALE alla mia.
    Così combinato (o scombinato), cosa desidero? Desidero che lei, e tutti i nostri simili, vivano nell’aldiqua (a prescindere dell’aldilà) la breve vita terrena in serenità, pace, gioia e senza più problemi esistenziali, economici e ambientali. Questo perché? Perché ho acquisito tutti gli ATTRIBUTI DIVINI con la sola eccezione che, al posto della ONNISCIENZA, posseggo la ONNIGNORANZA (ignoranza storica in particolare, conosco bene SOLTANTO i fatti tangibili della mia vita di ultra 71enne), perdippiù, con la mentalità ingenua, tipica dei bambini dagli 8 ai 10 anni (ovvero, con spontaneità e purezza di cuore; purezza che non ha proprio niente di santità; anzi, mi ritengo 1° peccatore, superiore al libidinoso Silvio Berlusconi e al sanguinario Totò Riina).

    Come ho pensato di poter soddisfare il mio desiderio insopprimibile? Commercializzando, sin dal 13/06/1994, la mia “Sapienza divina” (mi riferisco a quella della croce, ritenuta stolta dai nostri massimi sapienti). Ma lei, giustamente, mi obietta che non è in grado di apprezzarla «non avendola seguita dal ’94 al 2000». Pertanto, mi premuro di fargliela conoscere leggendo con pazienza un PDF pubblicato all’indirizzo:

    http://tinyurl.com/34u2q3o
    (rappresenta un documento, come da lei richiesto, per poter credere alla verità delle cose).

    Dall’Anno Santo 2000 sono RISORTO dalla crocifissione alla MORTE CIVILE subìta, ma non sono salito in CIELO perché non crocifisso e morto in croce come Cristo. Sono rimasto a vivere in “Felicità perfetta” in termini di “Pienezza dell’Essere”, nonostante sia sempre rinchiuso come pazzo in MANICOMIO PRIVATO di mq. 16, da oltre 15 anni.
    Come vede, l’intera mia VICENDA verificabilissima, è la prova fondamentale richiesta dal nostro Codice civile per il riconoscimento di legge del mio DIRITTO SOGGETTIVO ASSOLUTO, unitamente al notevolissimo INTERESSE LEGITTIMO perseguito, avente valore ERGA OMNES, vale a dire che OBBLIGA (dura lex sed lex) anche il mio amato connazionale PIERO DEOLA a non poter dissentire di pagarmi l’onorario di Euro 50 milioni (usufruendo di franchigia di Euro 3.000.000 – non tolgo niente a nessuno, solo il SUPERFLUO al probabile 10% dei ricchi d’Italia); onorario che mi compete per la “Lezione di Sapienza” SEMPLICE, da me SAPIENTEMENTE impartita ai connazionali, dal 1994 a tutto il 1999.
    Così, dal 01/01/2001, è incardinata una CONTROVERSIA (= causa da me stravinta in partenza). L’ho NOTIFICATO, con Raccomandata A.R. del 19/12/2000, spedita a 333 massime personalità istituzionali e costituzionali, in rappresentanza di tutti gli amati connazionali, che costituiscono il prossimo mio.
    Se, fino ad oggi, neanche una sola persona è, comunque, INDISPONIBILE, a riconoscere STRAVINTA la mia CAUSA (contro tutti per il bene di tutti, eccetto me in quanto già posseggo il SOMMO BENE dal 01/11/2003), a me non resta che DIMOSTRARE ulteriormente di essere immensamente SUPERIORE a qualsiasi Dio, predicato dalle Religioni, Filosofie e Teologie d’ogni tempo passato e presente, sia in oriente che in occidente. In che modo lo dimostro? Considero i miei simili come bambini da 0-3 anni, totalmente INNOCENTI, obbligato ad applicare il nostro Diritto positivo vigente. Non posso assolutamente GIUDICARVI ed emettere alcuna sentenza di CONDANNA. Diversamente dal “Tribunale di Cristo“ nell’ipotetico aldilà.
    A me non viene tolta alcuna briciola al SOMMO BENE posseduto e devo compiacermi che, nonostante ogni genere di OLOCAUSTO, conosciuto e non riconosciuto dalla storia, compresi gli olocausti spettacolarizzati dei nostri giorni, sotto gli occhi di tutti alle TV, si vive nel migliore dei mondi possibili, riconfermando così quanto già magistralmente teorizzato dal LEIBNIZ nei secoli scorsi.
    Per questo NESSUNO dovrebbe imprecare contro il suo prossimo e contro Dio (= contro me che lo interpreto e rappresento in terra) ma, unicamente, contro se stesso.
    Signor PIERO DEOLA, mi stia bene, ricambio i più cordiali saluti :-D

  24. Inenascio Padìdio

    Franco, non c’è stata una “triplice” ma “duplice” copia del mio commento. Perché? Quando l’ho inviato, è comparsa una pagina bianca e io, da ignorante, ho sbagliato a pigiare la freccetta “indietro” in alto a destra del browser “Google Chrome”. Automaticamente il commento si è registrato 2 volte. Mi dispiace di non poterlo cancellare come si può fare altrove. Chiedo cortesemente alla Redazione, di cancellare il doppione, se possibile.

    Ti credo che hai il tuo “da fare ad aiutare le due figlie” perché (già l’ho scritto nella prima risposta a te) lo sapevo già dalle 5-6 ore di lettura fatta sul tuo blog e altrove. Infatti, alla sventurata ragazza-madre Mariagrazia, quando gli ho chiesto il numero della carta Postepay per aiutarla, le ho riferito che l’avrei pubblicato in un commento dove un professore 65enne appena pensionato di nome Franco, di certo le avrebbe fatto una “modesta” (non “congrua”) donazione “una tantum”, avendo già due figlie di 34 e 37 anni da aiutare perché sono delle precarie, come lo sono in Italia oltre 2 milioni di giovani dai 22 a 35 anni (assurda Società!). Stessa triste condizione, profondamente INGIUSTA, della mia diletta primogenita 44enne Valeria, sociologa in Roma dalla metà degli anni 90. Lei se la cava per non avere figli, con il marito Gianni, valente agronomo bene impiegato (come il suo papino, si conoscono dall’età di 15 anni). Per questo rifiuta il mio aiuto economico.
    Pensa che, nel mio caso, con questa bambina addottorata (mio primo gioiello di famiglia), dalla Domenica 23 Luglio 1991 fino ad oggi, mi sono sentito per telefono 3 volte e visto di persona 2 volte; l’ultima volta che l’ho vista, previo suo appuntamento telefonico in villa comunale, è stato lo scorso 10/10/2010, quasi quasi neanche la riconoscevo. La più piccolina Cinzia… ancora peggio! Mi sono visto di persona nel Maggio 1993 (quando mi salutò col solito bacetto sulla guancia, che le porgevo quando uscivo) e sentito per telefono, anche questa di sua iniziativa, nel mese di Settembre scorso (provai grande felicità per lei, in quanto ero erroneamente convinto si fossero auto-diseredate da me).
    Che male mai ho fatto a queste figlie? Ho solo lavorato appassionatamente da operaio Linotypista, stakanovista, minimo 16 ore al giorno dalla nascita (1966 e 1972) fino al Settembre 1993, per consentire loro, bambine irreprensibili negli studi spontanei, per potersi laureare. Non mi hanno ancora perdonato di averle procreate. Infatti, alle mie prime difficoltà economiche, iniziate nel 1985, nell’attività di artigiano, si rivolgevano a mia moglie, che poi mi riferiva: «Ma come vi siete permessi di metterci al mondo se poi non potevate garantirci felicità vita natural durante?». La stessa accusa che gli uomini rivolgono a Dio! Confortavo mia moglie dicendole di non preoccuparsi, tanto, di certo, un giorno avrebbero compreso. L’attribuivo alla proverbiale ingratitudine filiale.
    Ma rivedendo mia figlia dopo 19 anni, le ho comunicato che non aveva una ma mille ragioni a lamentarsi di essere stata chiamata all’esistenza. La causa dell’infelicità è da attribuire al sistema sociale profondamente ingiusto vigente, che danneggia, rubando la vita all’intera classe povera, e togliendo a tutti la libertà. Le dissi: “Valeria, siamo stati entrambi vittime, l’ho scoperto su internet, nel Febbraio 2009, dopo compiuto 70anni, dalla conoscenza di tanti autori denunciatori dell’astronomica TRUFFA dello strapotere della “Moneta debito”, generatrice dell’insostenibile “Debito pubblico”, a crescita esponenziale, assolutamente non dovuto. Questa è la mia battaglia che, sostenuto da Dio, stravincerò!”.

    Franco, credimi anche tu, se ti scrivo che, se avessi conosciuto le tue coordinate bancarie, invece del presente commento, ti avrei fatto sùbito un bonifico di Euro 333, con la preghiera di devolverlo sulla carta Postepay 4023 6005 6923 1535 della mia 3^ figlia acquisita Mariagrazia, vittima come tante del secolare sistema sociale truffaldino di grandezza astronomica, subdolamente imposto (penso in tutta buona fede, dagli illuminati tecnocrati della moneta-debito, convinti di fare la volontà di Dio del Vecchio Testamento) dalla peggiore dittatura plutocratica occulta di una 40tina di famiglie ebraiche anglo-americane (ammantata di democrazia) instaurata efficacemente nel mondo globalizzato. Ecco la indispensabile emersione di Dio/Padre, con il Vangelo di Gesù Cristo, così che si ricreda l’intero Popolo Israeliano, unica condizione per la pace definitiva tra la Palestina e Israele, con lo scoppio della Pace Mondiale, che seguirà alla cancellazione dei DEBITI Pubblici o Sovrani. Si introdurrà il “Credito Sociale” (teorizzato, all’inizio del 1920 dall’ingegnere scozzese, tale Major C.H. Douglas, sin dal 1920, cito da Wikipedia, sono un socio wikipediano dal 2006 iscritto a WMI, presieduto dalla capa Elfrida Brioschi), così da garantire il LIVELLO ESSENZIALE DI ESISTENZA all’intera cittadinanza italiana, che si potrà fissare in 500 Euro/Mensili, da corrispondere all’intera popolazione italiana, dal più ricco come Berlusconi al più povero come Inenascio.
    Si lavorerà solo per vocazione 3-4 ore/die, con turni di 6-8 nelle 24 ore, assicurando così la massima produzione e crescita sia del PIL che del Benessere di tutti i cittadini. Su tali novità, per brevità, mi fermo qui!

    Se, come hai scritto, deciderai di scrivermi ancora all’indirizzo di posta elettronica, fallo SOLTANTO se accoglierai il mio accorato appello a collaborare con me, come? Secondo ciò che sai fare: scrivere! Che cosa? Come hai fatto l’articolo: «La mafia arriva in Ungheria ma questa volta è una miss calabrese», ad esempio, potresti fare un altro articolo intitolato: «Nel mondo globalizzato, notevolmente scristianizzato, finalmente si rivela Dio/Padre del Signore Gesù Cristo ma questa volta sulle falde dello “sterminator vesevo”, a ridosso della “monnezza” napoletana». Questo è solo esemplificativo, con me, sei LIBERO, non metto limiti alla tua volontà, al par di Dio!
    Dove prenderesti le fonti della tua inedita sensazionale notizia? Soprattutto su http://eascioblog.blogspot.com, dove io, prevedendo i casi di persone come te, con un solo occhio, come in precedenza hai scritto: “anche lui malmesso”, ho pensato bene di agevolare la lettura. Infatti, è da circa un anno che ho implementato, pagando appena 12 Euro/mensili per il software valido della Società “Speech by ReadSpeaker “. Pensa, mi potrai ascoltare stando a letto o girando per casa, non è più necessario leggere!
    Hai forse paura del Vaticano?, o che qualcuno ti ammazzi?, o che i familiari ti rinchiudano da pazzo in manicomio, come hanno fatto a me (per la sola opera malvagia di mia sorella e una mia cognata, nel lontano 02/03/1994)? Ce leggimme cicci’, statt’ bbuon! :-D