La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Italiani Brava Gente (2) – Fuori gli africani dall’albergo, ordine della signora sindaco di Lanusei

18-07-2011

di

L'arrivo dei profughi in Ogliastra

Diciotto profughi africani sono stati respinti da un hotel di Lanusei – comune sardo dell’Ogliastra: qui, nel 1902, i Salesiani edificarono la prima loro sede in Sardegna, ndr – il cui gestore si era inizialmente offerto di ospitarli, d’intesa con la protezione civile regionale. Il Comune richiama il gestore dell’ hotel all’ordine: “sono delinquenti, dopo dovrete bruciare i materassi”. «E’ la prima volta che incontriamo una situazione come questa», dice il responsabile della protezione civile regionale, Giorgio Cicalò.

Può un sindaco, che rappresenta un’intera popolazione, chiudere le porte del paese ai profughi tacciandoli come delinquenti? Solo poche ore fa lo vengo a sapere, durante il mio viaggio di ritorno dalla Colombia. Ancora più lungo per esercitazioni militari in corso all’eroporto di Medellin: Medellin/Panama/Caracas/Roma/Cagliari, si parte il 10 luglio per arrivare in Italia il 12.  Ma questo è un altro discorso; lo approfondirò su ‘Notturno Oltre Confine’, diario di viaggio, di prossima uscita.

Platone: ”…vale a dire la natura e la legge, sono nella maggior parte dei casi opposte. Dunque, quando uno si vergogna e non osa dire le cose che pensa, finisce necessariamente per contraddirsi.”

Costume tradizionale di Lanusei

Il disgusto è grande. Succede che, nel piccolo comune di Lanusei in odor di ciliegie e santità, poco ethically correct e parecchio politically scorrect, quaggiù sulle montagne tra valli d’or dove anche le caprette se la tirano, qui dove s’innalzano più chiese che abitanti ed un’immensa quanto evidentemente inefficace croce fa tanto Dormono Tutti Sulla Collina (spese d’illuminazione a carico della popolazione); nel grazioso comune di Lanusei dove, a rotazione, lavorano gli amici degli amici (vedi mio “Comune di Lanusei e l’omertosa Coltura della non cultura”, pubblicato su Domani: http://domani.arcoiris.tv/lanusei-lomertosa-coltura-della-non-cultura/ ), dove l’assistenza sociale assiste solo i più simpatici e si dà l’assoluzione da sé stessa; ecco, qui accade che la sindachessa Virginia Lai coltivi idee rivoluzionarie e le partorisca a felice rotazione, in coraggiosa ostinazione contraria oserei dire. Del resto, George B. Shaw avrebbe ribadito che le persone che progrediscono nella vita sono coloro che si danno da fare per trovare le circostanze che vogliono e, se non le trovano, le creano.

Ora, una Mulas probabilmente ancora stordita per il fuso orario si e vi domanda: sarà che certi profughi non sono in odore di cattolicesimo? O sarà che certi profughi odorano troppo? Ossia sono come quei comunisti mangiabambini, quelli pericolosi si, che puzzano tutti tutti e non sanno leggere?.

 

LA GRANDE VERGOGNA

Diciotto profughi africani del gruppo dei 52 sbarcati il 3 luglio a Cagliari sono stati respinti da un hotel di Lanusei il cui gestore si era dapprima offerto di ospitarli, d’intesa con la protezione civile regionale che avrebbe garantito il pagamento dei servizi. Le sei famiglie con bambini, i primi rifugiati dei 436 finora arrivati in Sardegna destinati ad essere accolti in Ogliastra, sono stati trasferiti, con l’interessamento della Provincia, in un hotel del paese di Girasole.

I protagonisti della vicenda forniscono versioni discordanti. «Mi sento un verme, mi vergogno davanti a queste persone piene di dignità fuggite dal loro paese. Ho lavorato in Congo e in Libia, capisco la loro situazione», racconta il gestore dell’hotel Belvedere, Antonello Cadeddu, spiegando di essere stato costretto a cedere alle pressioni della proprietà della struttura, di una famiglia di Lanusei, che avrebbe manifestato contrarietà alla sua iniziativa di accogliere i profughi, indicata come un rischio di declassamento dell’albergo. «Sono in ritardo con l’affitto, perciò quando la proprietà mi ha diffidato annunciando azioni legali, ho dovuto ritirare la disponibilità. Dal Comune mi è stato detto che queste persone erano delinquenti e che alla fine non solo non avremmo visto un soldo dalla protezione civile, ma che ci sarebbe toccato bruciare i materassi. Allora ho contattato la cooperativa sociale che gestisce l’ostello del comune: le famiglie avrebbero potuto dormire là e venire in hotel per i pasti.

Ma anche quelli dell’ostello hanno ricevuto pressioni dal Comune e questa soluzione non è stata possibile. Quindi, mi è venuto in mente un amico che ha un hotel a Girasole. E abbiamo trovato una soluzione. Nel frattempo abbiamo offerto loro il pranzo».

Il sindaco di Lanusei, contattata dalla protezione civile regionale ridimensiona la vicenda: «Ci risulta che un gestore dell’hotel abbia preso contatti con la protezione civile, a nostra insaputa”. Lai, precisando che la cooperativa che lo gestisce ha il contratto in scadenza, ha spiegato che l’ospitalità sarebbe dovuta durare solo una notte, per l’imminente arrivo di un gruppo di scout. “Non era una buona soluzione, non si poteva ospitarli per una notte e poi rimandarli via”. «E’ la prima volta che incontriamo una situazione come questa», dice il responsabile della protezione civile regionale, Giorgio Cicalò.

Giovanna Mulas (Nuoro, 1969) è scrittrice, poetessa, giornalista e pittrice. Ventisette libri pubblicati a oggi tra sillogi, poesia, romanzi, saggistica. Presente in centinaia di antologie internazionali con racconti e poesie. Pluri-accademica al merito, 60 primi premi letterari internazionali vinti l'ultimo dei quali ricevuto a Taormina dall'Europclub e la Regione Sicilia, premiati anche Ennio Morricone per la musica, Carla Fracci per la danza, Istvan Horkey per la pittura e la giornalista e opinionista Rai Barbara Carfagna per il giornalismo d'opinione. È stata tradotta in 5 lingue, due volte nomination all'Accademia di Svezia per la letteratura per l'Italia. Membro onorario della GSA, Giornalisti Specializzati Associati di Milano, dirige le riviste di letteratura Isola Nera (in lingua italiana) e Isola Niedda (in lingua sarda), diffuse nel mondo e consigliate UNESCO. Dal format originale in lingua spagnola Isla Negra, fondato dal marito Gabriel Impaglione, poeta e giornalista argentino. Nel 2011 presenzia, ufficialmente per l'Italia e prima artista sarda nella storia dell'evento, al prestigioso Festival Internazionale di Poesia di Medellin, Colombia, primo d'importanza al mondo, Premio Nobel alternativo dal Parlamento di Svezia.
 

Commenti

  1. Ibba Demetrio

    Sono sardo,ma vivo nelle Marche da tanto tempo sono indignato per questa cosa successa nella mia terra,ma a quanto pare,non c’è nessun posto dove si possa ospitare queste persone che defisco miei fratelli,mi auguro che il sindaco di Lanusei si ricreda,perchè i sardi sono ospitali,con i turisti,allora perchè non con chi non ha la possibilità di pagare?
    Demetrio

  2. Gianni Mascia

    E’ un’ignominia! Bisognerebbe che certi signori si ricordassero di quando i loro avi approdavano in lidi lontani in cerca di una vita possibile! E’anche un’offesa alla nostra storia di popolo sempre pronto all’accoglienza, insorgiamo!