La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

La Capria che ha paura e racconta Napoli da Roma

04-11-2009

di

Dallo studio della sua bella casa in un antico palazzo del centro storico di Roma, Raffaele La Capria – scrittore di successo e raffinato intellettuale – giustifica l’omertà dei napoletani, sì, proprio quelli ripresi in un video scioccante che ha fatto il giro del mondo. “Hanno paura per le loro famiglie” scrive sul Corriere. Raffaele La Capria, napoletano, ma cittadino di Roma da sempre e senza che mai gli sia venuto il desiderio di ritornare a vivere nella sua città natale, che ne sa dei napoletani? Forse prima di lui li aveva compresi di più con lungimirante intelligenza Anna Maria Ortese, creandosi il vuoto attorno. Dovrebbe sapere, lo scrittore, che fu proprio il questore di Napoli qualche anno fa a bollare i napoletani in un memorabile articolo su la Repubblica: il popolo e la borghesia sono perfettamente uguali, stesso disprezzo delle regole civili. Come si può giustificare la signora che scavalca il cadavere ancora caldo dell’ucciso? Come si può giustificare la vedova dell’ucciso che risponde ai giornalisti: ormai è morto, non parliamone più? Come si può pensare che in una città qualsiasi d’Italia si possa ammazzare qualcuno senza che la gente non faccia nemmeno finta di prendere paura? Come se Roberto Saviano non avesse mai scritto Gomorra.

Margherita Smeraldi, veneziana, famiglia sefardita originaria di Salonicco, il nonno è stato il più importante presidente dei cantieri di Trieste e Monfalcone e il bisnonno materno il fondatore e proprietario de "Il Gazzettino". Ha lavorato per molti anni in un'agenzia giornalistica romana per approdare, felice, tra le braccia intelligenti di Domani/Arcoiris
 

Commenti

  1. Cosimo Gualtieri

    Io sono un grande ammiratore di La Capria. Sono convinto che se non fosse andato via da Napoli (per Roma) nei suoi scritti non ci sarebbe stato quel miscuglio di amore e talvolta scoramento per la sua città che è ancora Napoli. Se uno legge L\’amorosa inchiesta si percepisce che l\’attaccamento per Napoli non è mai diminuito, lo racconta con gli occhi di sua madre oramai vecchia. Ricordo anche un articolo sul Corriere, qualche anno fa nel quale sosteneva che i borghesi sono più borghesi e colti nel Meriodione che non al Centro Nord. E allora: quale \"distacco\"? Per me, ripeto, è un allontanarsi per vedere meglio il bello. Complimenti sig.ra Margherita perchè i suoi articoli fanno riflettere sempre (sebbene a volte non sia pienamente d\’accordo). Grazie.