La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

La Rai di "Chi l'ha visto" ha riesumato il mistero della scomparsa della ragazza. Una puntata dopo l'altra con la scia delle chiacchiere dei pomeriggi tv. Per la madre è ancora viva, per il padre suicida nel Mississipi, ma la realtà è un'altra

La figlia di Albano era viva quattro mesi dopo il suicidio immaginario, ma il padre non ne vuole sapere. Chissà perché

15-12-2011

di

Ylenia Carrisi“Chi l’ha visto” sta riparlando della scomparsa di Ylenia Carrisi, figlia di Albano e Romina Power, svanita a New Orleans il 6 gennaio 1964. Una puntata dopo l’altra prova a seguirne le tracce dopo che la madre fa sapere “forse è viva”, forse nascosta in posti strani, mentre il padre si arrabbia: “annegata nel Missipi”. E la Rai del pomeriggio incantata dalle ragazze che non si trovano più, non se la sente di trascurare il mistero prelibato. Psicologi e giornalisti ne discutono con grande serietà. La puntata decisiva dovrebbe provare il sucidio, testimonianze raccolte a New Orleans da una troupe in viaggio per Roma. Non sono un addetto ai lavori, voglio solo aggiungere una esperienza occasionale: il 5 settembre ’94, otto mesi dopo la scomparsa della ragazza, il capo dei servizi segreti di Joaquin Balaguer, presidente di Santo Domingo, racconta a un giornalista del “Corriere della Sera” di averla incontrata all’hotel Melia, mare di Bavaro, villaggio per turisti stranieri.

Claudio de Los Santos era l’ombra di un potente dall’aria molle e mano durissima: 87 anni, ormai cieco, gli si affidava con fiducia illimitata. Dos Santos gli leggeva lettere quasi segrete; Balaguer autorizzato a imitarne la firma nei documenti di noiosa quotidianità. Il “Corriere della Sera” pubblica l’intervista: un’intera pagina. Alle 3 di notte il giornalista viene svegliato dalla telefonata di Albano. Non è arrabbiato, ma la voce sembra risentita. Vuol sapere come, dove, quando. “Le conviene parlare con l’ha incontrata. Le do i numeri…”: il giornalista vuol dare una mano al padre affranto. Albano interrompe: “Se ne avrò bisogno li chiederò”. Fine della telefonata.

Il giornalista era scivolato per caso nella storia.Passavo da Santo Domingo nel viaggio verso Haiti. Il colpo di stato del generale Cedras aveva isolato il paese. Frontiere ed aeroporti chiusi. Ambasciate al riparo nella repubblica domenicana, eppure una piccola compagnia aerea volava a Port au Prince. L’inviato del Corriere trava il passaggio e fa sapere all’ambasciatore italiano De Vergottini dove va, non si sa mai. “Il console le può essere utile…”. Il console Antonio Fonso prova ad im pedire il viaggio. “Pericoloso. Se resta le regalo una notizia”. La maschera diplomatica nasconde un capitano dei carabinieri in missione a Santo Domingo per catturare i latitanti di Mani Pulite.

Non esiste reciprocità tra Roma e la repubblica Dominicana, ecco la collaborazione dell’uomo potente degli 007 del presidente: De LoSantos, appunto. Ha pescato in un villaggio vacanze Giovanni Manzi, fuggiasco d’oro, ex presidente della Sea, aeroporti milanesi. Fermato con una scusa e trascinato all’aeroporto dove i carabinieri lo aspettavano. Par di capire: De Los Santios non lo fa solo per amore di giustizia. Il capitano Fonso lo chiama; più tardi il giornalista gli parla. Massiccio, poche parole, Charles Broson dalla pelle scura. Due agenti Fbi sono andati a trovarlo. Cercavano la ragazza. Cos’ha questa ragazza per mettere in moto l’Fbi? Una nonna che si dà daffare, Linda Christian, stella della vecchia Hollywood: risposta a De Los Santos dell’agente Usa José Gotti. In un attimo la trova al Melia di Bavaro.

Il giornalista vuol sapere: “basta una raccomandazione per scatenare la polizia domenicana? “Risponde a muso duro il gendarme del Presidente: “Ci avevano detto che era stata sequestrata e sono andato a controllare”. Ricordo sbrigativo: non era nascosta in una clinica in attesa di un figlio, sospetto delle voci americane. “Non sono un ostetrico, ma non era incinta. Il pallore mi ha fatto pensare ad una ragazza che fuma o tira qualcosa. Non era prigioniera: la accompagnavano cinque o sei amici, due o tre tedeschi, mi pare un italiano”. Non ha chiesto perché era scappata? “Si figuri se non l’ho chiesto. Ha risposto d’essere maggiorenne e in comunicazione con la famiglia”. E De Los Santos se ne va. Trasmette il rapporto all’Fbi, ma kinterrompe il racconto.

Guarda l’orologio. Ha fretta. Vuol sapere qual è l’albergo del giiornalista: chiamerà domani. Fonso trascrive i suoi numeri segreti: cellulare e casa. Ma De Los Santos non chiama e tre giorni dopo il giornalista lo va a cercare nel palazzo presidenziale. Pigi Cipelli, compagno di viaggio, vuole fotografarlo. Al cancello del palazzo il nome di Claudio De Los Santos suscita diffidenza. Cipelli e il cronista passano dalle mani di un funzionario all’altro. L’ufficio stampa vuol sapere se davvero lo hanno incontrato: gli mostrano i numeri privati e cambia umore.”Arriva sempre alle 11 assieme a Balaguer. Aspettate”. Arriva col vecchio presidente a braccetto. Dà un’occhiata da brividi: la presenza dei due italiani lo disturba. Fa segno con la mano di aspettarlo. Li trascina nell’ufficio di un colonnello della guardia presidenziale. Se ne libera con un gesto e parla quasi furioso: “Vi ho detto di aspettare. Ho cose più importanti di questa”. Cipelli fa le sue domande: il giorno preciso dell’incontro con Ylenia: “Fine aprile, primi maggio”.

Com’era vestita? Finalmente sorride: “In costume da bagno”. Il ragazzo italiano chi era? “Non lo so. Non interessava e poi è corso subito a chiamare i servizi di sicurezza dell’albergo. Non aveva capito chi eravamo”. Apre la porta: “Non fatevi più vedere nel palazzo. Se mai vi chiamerò”. Per controllarne le sue parole e il racconto del console italiano i due italiani vanno all’Interpol: un funzionario apre annoiato un plico sottile. Controlla le carte. Ripete di aver ricevuto richiesta di indagine dalla Fbi, ma l’indagine non è conclusa. Eppure, provano a dire i reduci dal burrascoso incontro nel palazzo del presidente, Claudio De Los Santos ci ha detto…. Il funzionario chiude con stizza la cartella: “Se avete parlato con De Los Santos, perché venite a far perdere tempo?”. All’hotel Melia il capo della sicurezza ricorda “vagamente “l’episodio, non la ragazza. “Questa?”, Cipelli mostra la foto di Ylenia. “Mi pare…”, sorride.

Articolo, foto: Albano telefona. In un’intervista ad “Oggi” parla “degli sciacalli del Corriere” evitando nomi: “De Los Santos è un privato che si è spacciato per poliziotto. Ci sono cascati. Me l’ha detto l’Interpol”. Nega l’evidenza. Purtroppo per l’ Interpol qualche mese dopo Claudio De Los Santos finisce sui giornali: accuse della moglie di un giornalista domenicano il quale aveva denunciato i trucchi elettorali di Balaguer. Minacciato e sparito. Gli avvocati fanno sapere da Miami: delitto organizzato dal braccio destro del presidente. E per De Los Santos sono cominciati i guai.

 

Commenti

  1. roberto fiasconaro

    Mi sembra tutto chiaro.Chierici e Cipelli sono tra i migliori reporter italiani.

  2. benedetta p

    e questo è proprio un mistero, come mai la trasmissione CHILHAVISTO si è fermata al Mississippi? Perché non sono andati oltre a Santo Domingo, a rintracciare queste persone che dicono di averla vista mesi dopo? Anche la costumista Paola Nazzaro è convintissima che la ragazza che vide sull’isola fosse Ylenia Carrisi…

  3. Gino Baresi

    Anche un pittore di nome Gigi Lodo è sicuro di averla vista a Santo Domingo; anche un certo Massimo Chillin di Padova; mi sembra sconcertante non approfondire; l’Italia intera piange la scomparsa di questa bellissima ragazza; è ora di fare chiarezza!

  4. pino

    ho sentito da un imprenditore italiano in messico per lavoro che ylenia si sarebbe rifugiata lì dopo le vicende di new orleans, aiutata da un ente religioso, e soprattutto per nascondere una gravidanza inaspettata…