La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Ideali »

La madre di un gay scrive a Berlusconi: lei, vecchio signore del Viagra, fa il maschio da osteria

03-11-2010

di

Signor Presidente, vorrei scriverle correttamente come è nel mio stile, ma non posso perché di tutto lo sconfinato vocabolario italiano che ho a disposizione l’unica parola che urge sui miei polpastrelli è: si vergogni! Si vergogni di aver pronunciato quelle parole infamanti verso i gay mentre il paese che lei dovrebbe governare è sommerso dall’immondizia, dal fango, dalla disoccupazione.

Ma forse immondizia, fango e fame sono un prodotto che si addice al suo modo di far politica e le sue battute cercano il consenso di quella parte degli italiani che vorrebbero imitarla ma non ci riescono. Battute da osteria non da governo. Se poi per caso lei l’avesse dimenticato andare con le minorenni, come Le è consono, è un reato nel Paese nel quale lei è Presidente del Consiglio.

Ho un figlio gay e ne sono fiera e come me tantissimi genitori lo sono, in barba alle sue dichiarazioni e del consenso che gode presso alcuni parlamentari e presso una parte della Santa Madre Chiesa.

Spero che l’Europa illuminata che ha fatto dei gay motivo di orgoglio sappia sanzionarla laddove io posso solo cercare di non farla rieleggere mai più.

 

Commenti

  1. Paolo

    Condivido in toto il suo sfogo con una sola perplessità:io ho tre figli non gay ma se uno di loro lo fosse stato avrei serenamente accettato la sorte senza per questo andarne fiero.Una simile affermazione ,dato il contesto,mi ricorderebbe la volpe che, non riuscendo a prendere il grappolo d’uva, se ne va dicendo fra se:” nessun problema,mi era pure passato l’appetito”.
    Paolo.

  2. Roberto C

    Come puo’ una madre sincera ed affettuosa non esser fiera del proprio figlio, anche se e’ gay? Magari il figlio ha raggiunto importanti traguardi nella vita e per questo dovrebbe penalizzarlo perche’ gay? Ma andiamo… Siamo nel terzo millennio e dovremmo avere una mente piu’ aperta e libera da queste gabbie mentali di stile medioevale.
    Una parte della Chiesa e buona parte di questo governo guidato da mafiosi come Berlusconi hanno fatto tornare indetro l’Italia, che non sa neanche allinearsi con gli altri paesi occidentali su temi sociali importanti come l’omosessualita’. Inoltre cosa avranno pensato i gay del PDL? O forse Berlusconi li ha cacciati dal suo partito perche’ lui preferisce le belle ragazze ai gay?
    Berlusconi dovrebbe almeno avere la decenza di usare un frasario appropriato al ruolo che ricopre. Era gia’ tanto sentir parlare dei suoi scandali processuali, sessuali e quant’altro, ma addirittura far aumentare le discriminazioni sociali contro i gay grazie alle sue parole da idiota e’ veramente troppo!
    Non sono gay e non ho scritto questo per fare del falso buonismo, ma perche’ sono contrario a questo tipo di discriminazioni. E soprattutto perche’ io vivendo all’estero, mi sento ridicolizzato come italiano grazie a un Presidente del Consiglio che dovrebbe essere in galera da anni e che ha fatto dell’immagine italiana all’estero un teatrino di Pulcinella.

  3. franco devi

    Cara SIGNORA RITA DE SANTIS,
    Meglio, molto meglio, avere un figlio GAY, ma ONESTO e DIGNITOSO, che un PREMIER MAFIOSO, TRAFFICANTE DI DROGA…( BERLUSKAZZ è un MAFIOSO che ha fatto i suoi soldi con la COCAINA e L’EROINA, che ha fatto MORIRE migliaia di GIOVANI PADANI “Corriere della sera, 15 settembre, 1955: denuncia fatta da BOSSI “Corriere della sera , 15 sett. 1955, quindi VERA e INCONFUTABILE).
    Le sono vicino e, spero che tutte le MAMME d’ITALIA, facciano del proprio meglio per cancellare dalla POLITICA ITALIANA un simile IMMONDO INDIVIDUO.

  4. federossa

    Vendola protegge i PEDOFILI, Di Pietro si vanta di essere un “amatore di donne” ecc…. Sono i genitori che “creano” figli “diversi”, non le p……e!

  5. paolo picca

    Ma per carità,sicuramente mi trovo d’accordo con tutti i commenti pubblicati ma una precisazione la devo fare per il sig.Roberto:certo che una madre può essere fiera del proprio figlio per i risultati ottenuti con onestà a prescindere dai suoi orientamenti sessuali.Diverso sarebbe essere fiera di una condizione che il figlio non si è scelto;non dimentichiamo che la normalità delle cose vuole che la natura preveda due sessi per mezzo dei quali si attua la riproduzione per cui,e qui mi ripeto,di molti aspetti di mio figlio potre andar fiero,di altri potrei prendere atto e accettarli serenamente.Nulla di più.