La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Inglese (“lingua dei mercati”). Impresa (“sono un imprenditore e so come rendere prospera l’azienda Italia”). Internet, novità che ha sbriciolato intrighi lunghi 30 anni per dominare il monopolio dell’informazione televisiva. Per tornare alla normalità bisogna licenziare tre B. Berlusconi (naturalmente). Bipolarismo, che ha spaccato il paese nella lotta di classe. BOT al 6 per cento, debito che distrugge la società

Raniero LA VALLE – Le tre “I” che hanno perduto Berlusconi

14-11-2011

di

 I “comportamenti che ammorbano l’aria”, secondo la forte affermazione fatta dal cardinale Bagnasco al recente Consiglio della CEI, sono stati tolti di scena con il loro titolare, finalmente rimosso dal suo incarico per l’azione congiunta dei mercati, dei suoi deputati ormai stufi, e del presidente della Repubblica, auspice, naturalmente, l’opposizione. Meno male, sarebbe stato imbarazzante per il capo dei vescovi se dopo essere arrivato a una simile impietosa condanna del premier, tutto fosse continuato come prima. Dunque il cardinale può essere contento. Ma forse dovrebbe anche rammaricarsi che questo grido di verità abbia tanto tardato. Ciò ha infatti permesso a Berlusconi di continuare a governare, anche quando, ormai giudicato all’interno e all’estero, non avrebbe avuto più a quale santo votarsi, se non avesse potuto contare sul silenzio della Chiesa, rimasta quasi da sola a sostenerla. E se questo governo fosse più presto caduto, forse la situazione non sarebbe arrivata a un punto così estremo; forse “la crisi economica e sociale che iniziò a mordere tre anni or sono” non sarebbe stata “più vasta e potenzialmente più devastante di quanto potesse di primo acchito apparire”, come il presidente della CEI aveva detto nella sua durissima diagnosi, e non avrebbe “presentato un costo ineludibile per tutti i cittadini di questo Paese”. E allora perché, per quali principi irrinunciabili si è data copertura al governo Berlusconi oltre ogni ragionevole termine? Forse perché, come ha detto Formigoni, quello che si deve chiedere a un governante non è quante “fidanzate” abbia ma se i treni arrivano in orario? Ma un’entità politica che rivendica la propria intimità con la Chiesa, come CL, può dire una cosa simile? E se non i treni, quale altra Parigi valeva bene una Messa?

Adesso occorre ricostruire, come dice Bersani. Per ricostruire bisogna capire cosa è successo e che cosa c’è da fare. Quello che è successo è che le tre “I” che Berlusconi aveva inalberato come insegne del suo buongoverno, si sono rivoltate contro di lui e lo hanno travolto: Inglese, Impresa, Internet. L’inglese è la lingua dei mercati (spread, rating, default ecc.) ed è la lingua che parlavano i “Grandi” al momento della disfatta berlusconiana di Cannes. L’impresa è quella che lo ha abbandonato, perché le sole imprese che si sono avvantaggiate del suo governo sono state le sue. E Internet è stata la puntura di spillo che ha fatto scoppiare il pallone del suo monopolio mediatico; se lui dominava la comunicazione, dall’editoria, alla pubblicità, alle televisioni, ai giornali di regime, la gente ha comunicato con Internet, e il suo controllo è finito.

Quello che c’è da fare per ricostruire, è di licenziare tre “B”. Non c’è solo la B di Berlusconi. Un’altra B è quella del bipolarismo, che ha prodotto Berlusconi, ha spaccato l’Italia, ha seminato l’odio, ha portato nel modo di essere del Paese lo “sbigottimento culturale e morale” denunciato dal cardinale Bagnasco. E la terza B è quella dei BOT al 6 per cento: il debito che si accumula, il denaro che produce e distrugge denaro, i prestiti che diventano usura. Per uscirne sul serio occorre una riforma di sistema, una riforma economica che non abbia paura di mettere in questione il tabù del capitalismo globalizzato e selvaggio, e metta il lavoro, che è la cifra della irrinunciabile dignità dell’uomo, al centro di tutto, a fondamento della Repubblica, come dice la Costituzione. Cinque milioni senza lavoro, soprattutto donne e giovani, significa che la Repubblica non è per loro, e perciò che la Repubblica non è vera.

E che deve fare la Chiesa? “Pregare e fare ciò che è giusto fra gli uomini”, come diceva Bonhoeffer. Non chiedersi quali governi fare o disfare, non fare l’elenco delle quattro cose non negoziabili di cui dovrebbero occuparsi i cattolici, tutto il resto lasciando andare alla malora, ma confermando nella fede i cristiani che in scienza, coscienza e libertà, scelgono i fini, i contenuti e gli strumenti della loro azione politica, a servizio degli uomini e ascoltando il Vangelo.

Raniero La Valle è presidente dei Comitati Dossetti per la Costituzione. Ha diretto, a soli 30 anni, L’Avvenire d’Italia, il più importante giornale cattolico nel quale ha seguito e raccontato le novità e le aperture del Concilio Vaticano II. Se ne va dopo il Concilio (1967), quando inizia la normalizzazione che emargina le tendenze progressiste del cardinale Lercaro. La Valle gira il mondo per la Rai, reportages e documentari, sempre impegnato sui temi della pace: Vietnam, Cambogia, America Latina. Con Linda Bimbi scrive un libro straordinario, vita e assassinio di Marianela Garcia Villas (“Marianela e i suoi fratelli”), avvocato salvadoregno che provava a tutelare i diritti umani violati dalle squadre della morte. Prima al mondo, aveva denunciato le bombe al fosforo, regalo del governo Reagan alla dittatura militare: bruciavano i contadini che pretendevano una normale giustizia sociale. Nel 1976 La Valle entra in Parlamento come indipendente di sinistra; si occupa della riforma della legge sull’obiezione di coscienza. Altri libri “Dalla parte di Abele”, “Pacem in Terris, l’enciclica della liberazione”, “Prima che l’amore finisca”, “Agonia e vocazione dell’Occidente”. Nel 2008 ha pubblicato “Se questo è un Dio”. Promotore del “Manifesto per la sinistra cristiana” nel quale propone il rilancio della partecipazione politica e dei valori del patto costituzionale del ’48 e la critica della democrazia maggioritaria.
 

Commenti

  1. Inenascio Padidio

    La soluzione BRILLANTE a tutti i problemi italiani, europei e mondiali, la troverete sul mio username a dominio, creato 10 giorni fa. Sarà sempre più stupefacente tangibile realtà.

    Vale a dire, dal “signor NESSUNO”, che però è di DIO, dimostrato con ineffabile evidenza, sin dal 01/01/2001. Non prenderne atto e diffonderne l’informazione, equivale a delirare.
    Ahòoo, svegliateviii!…

    Serenamente, Vi saluto :-x :-) :-D

  2. Mauro Matteucci

    Ma come dimenticare le macerie provocate dallo sfacelo dell’etica pubblica e dall’irrisione dell’uguaglianza? Tornare oggi a comportamenti corretti e onesti nella condivisione quotidiana delle piccole costruzioni, cui attendere con dedizione e spirito critico: questo vale per credenti e laici.

  3. [...] fonte: http://domani.arcoiris.tv/le-tre-%E2%80%9Ci%E2%80%9D-che-hanno-perduto-berlusconi/ [...]