La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Radio Padania apre le trasmissioni suonando Bandiera Rossa: "Abbiamo cambiato inno per rispettare la volontà popolare". Crisi del Pd? Rosy Bindi: "Se questa è la crisi vorrei essere sempre in crisi così". Cicchitto, uomo del Cavaliere alla Camera (entrambi tessera P2): "Tre anni fa abbiamo perso alle amministrative e stravinto alle politiche con la guida di Berlusconi. Dobbiamo aprire un dialogo con Casini, in certi città ha votato con noi. Il terzo polo non esiste". Perché Pisapia, De Magistris e Zanda hanno sconvolto le alchimie dei partiti? Forse perché le "utopie" di Nichi Vendola stanno diventando la speranza dell'opposizione democratica

Le voci della vittoria – Hanno vinto i candidati scelti nelle primarie, hanno perso i candidati scelti a Palazzo Grazioli

30-05-2011

di

Elezioni Milano Piazza Duomo - Foto di Kaneda1977Perché Berlusconi è stato travolto? Chi lo difende e si accende come un cerino sconsiderando la volontà della gente che va a votare, le rabbie dei ragazzi che non vedono il futuro, il disgusto dei balletti e delle bugie. Non è stato bocciato solo il Cavaliere, è stata bocciata la legge elettorale di Calderoli, candidati scelti da quattro segretari di partito i quali escludono la volontà degli elettori. Domenica hanno deciso in libertà ed è andata così. Per la prima volta “il popolo” dietro al quale da 14 anni Berlusconi si nasconde per difendersi dall’”arroganza dei magistrati”, questo popolo ha respinto la strategia della paura per aprirsi alla speranza. Non è una rivoluzione, solo la constatazione che non esiste l’Italia di plastica disegnata da ministri e onorevoli di Berlusconi: il paese ha problemi concreti e sceglie chi affronta la realtà. Si apre la caccia ai padri della vittoria: Nichi Vendola non è solo l’artefice di questo cambiamento, ma è autore della proposta fondamentale che rovescia la politica dei vertici promuovendo protagonista la base senza nome.

Gli sconfitti nascondono malamente il trauma. Ricordate Maurizio Lupi, protagonista rumoroso di ogni trasmissione tv, difensore senza paura di un leader che fa ridere il mondo? Per la prima volta prende in considerazione la proposta gotica (per la destra) di Giuliano Ferrara: in ottobre convegno nazionale riparatore del Partito della Libertà. Si vota non per acclamazione chi dovrà guidare il partito finora partito azienda; scrutinio segreto anche per i coordinatori regionali. E quando Ferrara si lascia andare al rimprovero di un Berlusconi “che ha sbagliato tutto” e lascia cadere la proposta di elezioni primarie, il povero Lupi (“figlio di operaio, cresciuto in periferia, fervente credente e padre di famiglia affettuoso”) si appoggia alle corde: “Primarie? Non le ho ancora prese in considerazione”.

Cicchitto, guida del partito alla Camera e confratrello P2 del Cavaliere, ripete le giaculatorie del suo maestro: “Sono solo elezioni amministrative. Quattro anni fa le abbiamo perse, eppure pochi mesi dopo trionfo nelle elezioni politiche sotto la guida diretta del Cavaliere”. Programmi per il futuro? “Aprire il dialogo con Casini: al primo turno molti suoi candidati sono stati eletti nella nostre liste. Dialogo solo con l’Udc: il terzo polo non esiste”. Ma appena gli parlano di Zedda, sindaco giovanissimo del centro sinistra che strappa Cagliari alla destra dopo vent’anni, le voci della destra tirano un sospiro di sollievo. “È successo qualcosa di micidiale: i due grandi partiti sono stati dimenticati a Napoli e Milano. La frammentazione può sgretolare l’Italia. Noi e il Pd abbiamo il dovere di impedirlo”.

Bende d’occasione per tamponare la ferita. Le aprole di Pisapia respingono la paura di una Milano-Stalingrado: “La gente ci ha votato, rispettiamo la gente ma voglio essere il sindaco che accoglie le proposte intelligenti di chi non mi ha votato”. Le voci di Salvini (fino a ieri candidato vice sindaco per la Lega, in zona Cesarini Bossi lo sostituisce con Castelli), anche la voce di Salvini è da funerale: “Molti milanesi che votavano per noi non sono andati a votare: troppe polemiche, Br contro magistrati e mai un discorso serio di che cosa ha bisogno Milano. Bisogna rimettersi al lavoro”.

Silenzio profondo del Bossi abbandonato da troppi elettori. Il silenzio di Berlusconi arriva dalla Romania. Radio Padani apre le trasmissioni suonando bandiera rossa: “Inno cambiato per rispettare la volontà del popolo”. Aria di uno scherzo che forse nasconde qualcosa. Berlusconismo finito? Governo che cade? Neanche per idea, “abbiamo una maggioranza solida in parlamento, reagiremo come sappiamo fare”. Cicchitto sembra un terzino del calcio di 40 anni fa. L’amarezza di Giuliano Ferrara paragona Berlusconi al manichino pallido di un museo delle cere: deve ritrovare l’entusiasmo del ’94 e non sperdersi nelle paludi delle Santanché. Zanda, il sindaco giovane di Cagliari inventato da Vendola, dà lezione di eleganza alle facce tirate dei berluscones: “Ho vinto col 60 per cento, prego il quaranta che non mi ha votato di considerarmi il loro sindaco: porta aperta per le idee che ci fanno vivere meglio”.

Abbiamo liberato Milano, abbiamo liberato Napoli, ma vogliamo governare assieme a tutta la città: De Magistris e Pisapia rispondono con le stesse parole. Nord e Sud finalmente più vicini.