La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Malgrado la legge Basaglia, 43 anni dopo lo scandalo continua. Pazienti psichiatrici e anziani imprigionati nei letti degli ospedali civili e nelle case di riposo. Contenzione che è una forma di tortura

Legare i malati di mente è un’azione di guerra sporca contro chi non può difendersi

28-07-2011

di

Looking towards freedom - Foto di Luca RossatoLa psichiatria nasce come prodotto e sequela dell’Illuminismo. Il Secolo dei Lumi aveva sancito il fatto che tutto il Reale doveva poter essere inscrivibile nelle categorie della Ragione. Non aveva pensato alla cosiddetta Sragione, che in tali categorie, evidentemente per definizione, non era inscrivibile. La psichiatria nacque all’insegna di una prima utopia, quella della presa in carico della Sragione da parte della Ragione. E ciò all’interno della ragione degli ospedali. Durante la Rivoluzione Francese l’ala più radicale voleva abolire gli ospedali.

E ciò in quanto essi, ben lungi da essere in grado di curare, rappresentavano le istituzioni del controllo sociale. Si trattava naturalmente degli ospedali generali, in quanto gli ospedali psichiatrici non erano ancora nati. Nel suo “Il malato immaginario”, Moliere non tratteggia tanto la figura dell’ipocondriaco, quanto la fascinazione e il potere medico sul malato. Il quale ultimo si sottoponeva di continuo agli unici rimedi che la medicina allora conosceva: clismi e salassi, fino a rimanerne spossato. Secondo la Rivoluzione Francese gli ospedali avrebbero dovuto essere sostituiti da degli ambulatori di quartiere. In tal modo preconizzando la nascita di quelli che oggi prendono il nome di Centri di Salute Mentale”, che fungono da alternativa all’Ospedale Psichiatrico, che non c’è più. Come ebbe ben da scrivere Robert Castel, la storia quella volta esitò 1. Poi prevalse la logica della Restaurazione e del controllo della devianza.

L’Assemblea Nazionale affidò quindi la gestione della Sragione alla Medicina, nella figura del medico Philippe Pinel, che liberò i malati di mente dai ceppi e dalle catene delle segrete. In realtà Pinel imprigionò la psichiatria istituzionale nel doppio binario di un’insanabile ambiguità. Da un lato l’utopia della liberazione, dall’altro la realtà di una nuova emarginazione e di un nuovo stigma. Nella pratico, si passò dai ceppi alle cinghie, le “moderne” cinghie di contenzione.

Il XIX secolo vide la nascita della scienza e della vision evoluzionistica. Darwin spiegò almondo che dentro ciascuno di noi sopravvivono le tracce dell’antico percorso evoluzionistico. Nel nostro cervello coesistono tuttora tre cortecce, che testimoniano l’evoluzione, e che sono collocate in maniera gerarchica l’una sull’altra. Più sopra il neopallio, la corteccia cerebrale che funge da substrato all’autocoscienza e alla RAGIONE, al di sotto il paleopallio, il cervello dei rettili. L’italiano Cesare Lombroso spiegò la follia come prevalere della coscienza inferiore su quella superiore. Ne esitò una visione ed un pregiudizio di inferiorità biologica del malato di mente.

Un essere subumano, assomigliante di più al coccodrillo che al pitecantropo. Da tale pregiudizio prese l’avvio nel 1939 il progetto di eutanasia (sterminio) dei malati di mente, definiti “vite non degne di essere vissute”, (“Lebnsunwerte Leben”). Progetto T4 del III° Reich. La Storia spiega che le Chiese cattolica e protestanti del III Raich, da Amburgo all’”Alpenvorland” (BZ), insorsero predicando contro questo progetto irrispettoso della vita umana. Il papa tedesco Johannes Ratzinger conosce bene questo capitolo e sotiene e valorizzala figura del cardinale di Muenster, von Galen, che diede l’avvio a questo controprogetto di protesta pubblica organizzata. Il papa infatti intende santificare von Galen. Un anno dopo (1940) Hitler fu costretto a chiudere il T42. Le Chiese cristiane del III Reich non inscenarono tuttavia la stessa protesta nei confronti degli ebrei, dimostrando che si trattava sempre in fondo di un pregiudizio razziale.

Si tratta comunque di un pregiudizio duro a morire. Su tale pregiudizio si fonda tuttora l’esistenza dei cosiddetti OPG (Ospedali Psichiatrici Giudiziari), la cui esistenza e funzione si basa sul concetto dell’”incapacità totale di intendere e di volere” (art.88 del c.p.). Va da sé che il coccodrillo morde, è pericoloso e non è cosciente delle sue azioni, quindi non può essere punito. La base dello stesso pregiudizio giustifica tuttora l’atto del legare. Legare le persone significa negarne dignità e diritti. Il diritto elementare di muoversi. Un atto, come si vede, di negazione della soggettività ed un atto di guerra.

Nel 1978 il CARM del partito radicale organizzò una raccolta di firme per indire un referendum sull’abolizione dei manicomi. Il 13 maggio di quell’anno, quattro giorni dopo l’assassinio di Aldo Moro, veniva varata in Parlamento la legge 180. Gli Ospedali psichiatrici provinciali (non gli OPG) vennero gradualmente smantellati e sostituiti dalla alternative territoriali (Centri di Salute Mentale e residenze variamente protette). La legge 180 doveva rappresentare una cesura con il passato nelle culture e nelle pratiche.

Alcune di esse comunque oltrepassarono questa cesura. Una di queste pratiche che è passata attraverso la barriera della legge 180-833 è la contenzione. Se questo è un uomo. Basaglia chiosò Primo Levi. Domandiamoci oggi se questo uomo legato e immobilizzato per ore,giorni e settimane può essere considerato veramente un uomo. Se si trattasse di un animale insorgerebbero gli animalisti e l’EMPAM. La contenzione è in realtà una malpractice medica, un maltrattamento ed una tortura. L’individuo umano talora ha certamente bisogno di contenimento. Contenimento non è contenzione. Il contenimento è dato dalla relazione. Gli psicofarmaci possono certamente, ma non necessita certamente farne abuso.

La relazione si colloca nelle pratiche quotidiane come atto di pace. I fatti dimostrano che si può. Yes we can do. La ricerca ministeriale Progress del 2002 – 2004 ha dimostrato che nel 30% degli SPDC 3 d’Italia non si lega. È nato anche un “club”. Il Club degli SPDC “no restraint”, dove non si lega e si opera con le porte aperte.

Si dovrebbe addivenire a sancire la pratica del “no restraint” un criterio di qualità a cui collegare la parte variabile dello stipendio del personale e dei medici. Nessun Direttore Generale lo ha ancora mai proposto. Dobbiamo sempre e di nuovo superare la separatezza dei servizi e se ne deve riappropriare la Società Civile. Ciò è quanto mancò al progetto T4 nel III Reich. La Società Civile deve riappropriarsi dello scandalo di questo atto di guerra contro l’Umanità che avviene quotidianamente nelle nostre città, nei nostri ospedali civili e nelle nostre case di riposo. Questo atto di guerra della Ragione contro la Sragione. Ma la Sragione non esiste in quanto tale. Esiste solo la ragione di ciascuno. La ragione di ciascuno di noi e la Ragione degli altri. Contenere un corpo che dissenta dalla Ragione “comune” o del potere significa silenziarne la lingua. Chi lo fa non sa che cosa perde. Nel DNA della psichiatria c’è sempre una particella di nazismo, e la psichiatria va controllata. Come le case di riposo.

Lorenzo Toresini è nato a Venezia nel1946. Laurea in Medicina e Chirurgia a Padova, specializzato in Psichiatria a Parma nel 1975 ed in Igiene e Medicina Preventiva a Ferrara nel 1978. Dal 1974 al 1980 assistente psichiatra presso l'ospedale psichiatrico di di Trieste. Dal 1995 al 1999 primario di psichiatria presso il SSM di Portogruaro A.U.L.S.S. 10 "Veneto Orientale". Dal 1999 a tutt'oggi è primario di psichiatria presso l'Azienda Sanitaria di Merano (oggi Comprensorio Sanitario dell'Azienda Sanitaria dell'Alto Adige - Südtirol). È presidente della Società Italo Tedesca per la Salute Mentale. Autore di 3 saggi e 60 pubblicazioni ha partecipato al progetto TEMPUS EU Slovenia per la formazione di personale . Ha diretto il "Centro Studi Internazionale per la Salute Mentale di Portogruaro" e ha gestito come "contractor" un progetto TEMPUS EU per la Salute Mentale in Bosnia, università di Sarajevo e Banja Luka. Attualmente dirige il "Centro Studi provinciale per la Salute Mentale e le scienze umana della Provincia Autonoma di Bolzano", per conto del quale ha gestito due progetti di cooperazione e sviluppo per il Cantone di Una Sana in Bosnia, implementazione delle politiche di Salute Mentale.  Per conto della WHO ha collaborato a un un progetto di Salute Mentale in Moldavia, Georgia e Ucraina.
 

Commenti

  1. maurizio costantino

    dopo 30 anni di lavoro nel e dal manicomio, abbiamo pubblicato un libro dal titolo: “Per non incorrere in pratiche manicomiali, dannose a Se ed agli altri”.
    E’ il risultato di tre anni di ricerca e riflessioni di una ventina di operatori ed operatrici profondamenyte compromessi con la ricerca di una salute mentale “pratica”.
    Ho raccolto i materiali – storie vere ed apprendimenti dalle proprie storie e quelle degli altri – nel sito
    http://www.persalutementale.altervista.org (anche in versione inglese). In particolare vi segnalo
    “Istituzioni Totali (nel 2007): a proposito della situazione e di ciò che resta da fare.
    Grazie
    Maurizio Costantino