La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Ora legale: vuol dire che dal 29 marzo il governo rispetta la legge o continua a cambiarla?

29-03-2010

di

Abbassare i toni. Arriva l’ora legale. Nessun panico nelle fila degli ex socialisti (ministri e portaborse di Berlusconi). Qualche patetico tentato suicidio e molta noia di regime. Qualunque cosa succeda, il signor S rimarrà al suo posto: cambierà solo l’ora. Ma questo è solo l’inizio secondo GL (Gad Lerner), che ricorda il “non mollare” fiorentino del 1926. Giustizia e Libertà riusciva a beffare il regime con inserti pubblicitari sul Corriere della Sera.

Il ricostituente non era un integratore alimentare antelitteram, ma semplicemente il progetto di una elite antifascista del calibro di Carlo Rosselli, Ernesto Rossi, Riccardo Bauer, Vittorio Foa e i vecchi Luigi Alberini (direttore del Corriere della Sera rimosso da Mussolini), Alfredo Frassati (che ha inventato e diretto La Stampa: il fascismo lo ha cancellato), Gaetano Salvemini, Luigi Einaudi. I delitti di Giacomo Matteotti di Piero Gobetti e di Giovanni Amendola risvegliarono le coscienze come oggi Falcone & Borsellino?

Allora bisogna rialzare i toni. Facciamo rispettare la legalità a costo di litigare con il motociclista che corre bellamente su un marciapiede milanese o il furbo italico che sguazza in un clima di impunità generale. La verità non è l’ossessione ingenua alla Cesare Zavattini ma un modo di mettere ordine alla quotidianità, non solo spostando la lancetta dell’orologio.

Bibliotecario al Corriere della Sera e giudice di pace. Ha pubblicato vari libri di poesie, l'ultimo si intitola "Pandosia".