La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Passavo di lì »

Chissà se il pene di marmo incollato da Bondi al divino guerriero (ordine del suo presidente del Consiglio) nasconde desideri oscuri o è solo ignoranza sull’arte del restauro

PASSAVO DI LÌ – Il cavaliere dell’amore restituisce a Marte (dio della guerra) la virilità perduta nei secoli. Per quale complesso?

19-11-2010

di

Liebe ist SeX - Foto di 4rtist.comIl presidente del Consiglio si fa portare a Palazzo Chigi le statue Marte e Venere. Le due divinità hanno le sembianze dell’imperatore Marco Aurelio e di sua moglie Faustina. Il premier le osserva. Si chiede perché loro sì e lui no. O viceversa. Chiama il suo architetto privato e gli strilla: «Perché in Cina anche le sculture antiche sembrano nuove, mentre alle nostre mancano sempre braccia, teste e testicoli». È una storia lunga, ma nessuno si prende la briga di spiegarglielo. Urge operazione chirurgico-estetica. Ha letto sui giornali che ora si possono trapiantare mani e ritoccare peni. Il dio della guerra senza pene lo turba. Lo ripristina, per il piacer suo e a spese dello Stato, nonostante i drastici tagli alla Cultura. A Venere restituiscono la mano che vellica il petto della bellicosa divinità che le è accanto. Con quel gesto cerca forse di dissuadere Marte dai suoi vendicativi propositi. Forse sta cercando di convertirlo al partito dell’amore. Ma nella vecchiaia dei secoli il povero Marte ha perso quella cosa li. La frustrazione sessuale può degenerare in conflitti politici. In questa indecisione tra guerra e pace, in questo restauro, leggiamo un’altra pagina della dolorosa vicenda umana e pubblica di Silvio che non riuscirà mai a diventare Marco Aurelio ma non vuole fare la fine di Marte anche se dal chirurgo lui è quasi di casa.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/07. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Ivano Sartori, giornalista, ha lavorato per anni alla Rusconi, Class Editori, Mondadori. Ha collaborato all’Unità, l’Europeo, Repubblica, il Secolo XIX. Ultimo incarico: redattore capo a Panorama Travel.
 

Commenti

  1. Gino Spadon

    Ho scritto oggi a “Libération”, che riportava la notizia, questo commento che è stato pubblicato:
    “Quel pénis M. Berlusconi a-t-il rendu à Mars? Le sien? Possible, du moment qu’il ne se sert plus, depuis longtemps, de la prothèse qu’il avait mis à la place d’un zizi abîmé à cause d’un excès d’exercice… imaginaire (L’imagination, cette “folle du logis”, peut causer de vrais désastres) (Gino Spadon)

  2. Gianni Versacci

    Bravo! (con l’accento sulla o).