La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Vocazione all'imbroglio di lunga data: il racconto della moglie del professore. È successo 25 anni fa e ancora si vanta nelle sue tv della sua "opera letteraria". Per non finire in tribunale dà la colpa a una segretaria e riempie Firpo di costosissimi regali che Firpo respinge. Telefonate per mesi, lettere che implorano pietà: "La prego, non mi rovini. Sono in buona fede". Un libro raccoglie la farsa berlusconiana

Quando era solo un cavaliere brianzolo e firmava prefazione e traduzione di Tommaso Moro rubate a Luigi Firpo

17-03-2011

di

Foto di Alessio85Silvio Berlusconi non si priva nemmeno del plagio letterario, molto indicativo della sua personalità inclinanta verso la manipolazione di fatti e persone. L’imputato Silvio Berlusconi non si è fatto mancare nella sua carriera anche il gusto di aver rubato e fatto proprio uno scritto altrui: pubblica a suo nome una edizione di Utopia di Tommaso Moro, copiata di sana pianta dall’edizione del professore Luigi Firpo di Torino per l’editore Guida di Napoli. Ecco il resoconto dei fatti come narrati da quotidiano L’Unità.

“Un giorno d’estate di metà anni 80 Luigi Firpo se ne stava in poltrona nella sua villa sulla collina torinese con la moglie Laura. Faceva zapping in tv. Su Canale 5 una graziosa signorina intervistava il padrone, Silvio Berlusconi. E ne magnificava l’enorme bagaglio culturale: “Lei è anche un grande studioso dei classici…”. Il Cavaliere si schermiva: “Ma no, non dica così…”. E lei: “Sì, invece, non faccia il modesto. Lei, dottore, ha appena pubblicato un’edizione pregiata dell’Utopia di Tommaso Moro, con una bellissima prefazione e una perfetta traduzione dal latino…”. E lui: “Beh, in effetti il latino non lo conosciamo tutti, bisogna tradurlo…”

Firpo, grande intellettuale torinese, polemista della “Stampa” con i suoi “Cattivi pensieri”, soprattutto docente universitario di storia delle dottrine politiche e fra i massimi esperti di cultura rinascimentale, drizzò le antenne. Anche perché aveva da poco tradotto e commentato un’edizione dell’”Utopia” per l’editore Guida di Napoli. L’intervistatrice comincia a leggere la prefazione del Cavaliere.

Dopo le prime due frasi, l’anziano studioso fa un salto sul divano: “Ma la prefazione la mia! Copiata parola per parola! Chi è questo signore? Come si permette?”. L’episodio è tornato in mente a Laura Salvetti Firpo, la vedova, qualche giorno fa, quando Silvio Berlusconi in una delle sue tele-esternazioni elettorali si è così descritto in terza persona: “Il presidente del Consiglio si è nutrito di ottime letture e ha un curriculum di studi rilevantissimo…”. È corsa in archivio, ha estratto una cartella intitolata “Berlusconi”, ha trovato uno strano bigliettino autografo del Cavaliere e ha deciso di raccontarne il retroscena.

“Era subito dopo le vacanze estive, credo in settembre. Firpo (lei lo chiama rispettosamente così, ndr), quando scoprì in tv che Berlusconi aveva copiato la sua versione dell’Utopia, si attaccò subito al telefono per avere quel libro. Gli risposero che era un’edizione privata, in pochi esemplari, riservata all’entourage del Cavaliere. Tramite l’associazione milanese degli Amici di Thomas More, riuscì a procurarsi una copia in visione. La sfogliò e sbottò: ‘Non è un plagio, è peggio! Quello ha copiato interi brani della mia prefazione e la mia traduzione integrale dal latino, mettendoci la sua firma. Non ha cambiato nemmeno le virgole!’. Prese carta e penna e scrisse a Berlusconi, intimando di ritirare subito tutte le copie e annunciando che avrebbe sporto denuncia. Qualche giorno dopo squillò il telefono di casa: era Berlusconi”.

A questo punto inizia un irresistibile balletto telefonico, con il Cavaliere che cerca scuse puerili per placare l’ira dell’austero cattedratico, e questi che, sbollita la furia, si diverte a giocare al gatto col topo. Firpo si fa beffe del plagiatore smascherato, minacciando di mettere in piazza tutto e trascinarlo in tribunale. “Berlusconi – ricorda la moglie – incolpò subito una collaboratrice, che a suo dire avrebbe copiato prefazione e traduzione a sua insaputa[1]. E implorò Firpo di soprassedere, pur precisando di non poter ritirare le mille copie già stampate e regalate ad amici e collaboratori. Firpo, capito il personaggio, cominciò a divertirsi alle sue spalle. Lo teneva sulla corda con la causa giudiziaria. E Berlusconi continuava a telefonare un giorno sì e un giorno no, con una fifa nera. Pregava di risparmiarlo, piagnucolava che uno scandalo l’avrebbe rovinato”.

Pure Franzo Grande Stevens, famoso avvocato e consigliere di casa Agnelli, che di Firpo era amico anche per via della comune candidatura nel Pri, seguì la faccenda da vicino: “Firpo mi raccontò di quel plagio. Era esterrefatto. Anche perché Berlusconi, anziché scusarsi, dava la colpa a una segretaria: ‘Eh professore, sapesse, qui non ci si può più fidare di nessuno…’. Poi cercò di rabbonirlo con regali costosi, che il professore rispedì sdegnosamente al mittente”. “Passava – ricorda la moglie Laura – intere mezz’ore al telefono col Cavaliere. E alla fine correva a raccontarmele, fra l’indignato e il divertito: ‘Sapessi quante barzellette conosce quel Berlusconi. È un mercante di tappeti, una faccia di bronzo da non credere, sembra di essere in una televendita”.

Il tira e molla si trascinò per diversi mesi. Anche con uno scambio di lettere, ancora riservate (saranno pubbliche solo nel 2009, vent’anni dopo la morte dello studioso). Per ora c’è solo quel bigliettino rimasto nei cassetti della signora Laura, visto che era indirizzato anche a lei: “Accompagnava un doppio regalo per Natale, credo del 1986. Nel frattempo Berlusconi aveva pubblicato un’edizione riveduta e corretta dell’Utopia, senza più la prefazione copiata e con la traduzione di Firpo regolarmente citata. Ma Firpo seguitava a fare l’offeso, ripeteva che la cosa era grave e la stava ancora valutando con gli avvocati.

Un giorno lo invitarono a Canale 5 per parlare del Papa e si ritrovò Berlusconi dietro le quinte che gli porgeva una busta con del denaro, ‘per il suo disturbo e l’onore che ci fa’. Naturalmente la rifiutò. Poi a Natale arrivò un corriere da Segrate con un bouquet di orchidee che non entrava neppure dalla porta e un pacco: dentro c’era una valigetta ventiquattrore in coccodrillo con le cifre LF in oro”. Il biglietto d’accompagnamento è intestato Silvio Berlusconi, datato “Natale 1986″ (ma l’ultima cifra è uno scarabocchio) e scritto a penna: “Molti cordiali auguri e a presto… Spero! Silvio Berlusconi”. Poi una frase aggiunta a biro: “Per carità non mi rovini!”. Ma Firpo continuò il suo gioco: “Rispedì la borsa a Berlusconi, con un biglietto beffardo: ‘Gentile dottore, la ringrazio della sua generosità, ma gli oggetti di lusso non mi si confanno: sono un vecchio professore abituato a girare con una borsa sdrucita a cui sono molto affezionato. Quanto ai fiori, la prego anche a nome di mia moglie Laura di non inviarcene più: per noi, i fiori tagliati sono organi sessuali recisi’… Non lo sentimmo mai più”.

Ecco l’uomo, un buffone, mentitore di professione che per apparire colto deve rubare quello che non è né potrà mai essere perché non si compra con i soldi come si comprano le prostitute e i cardinali.

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. Lucio Tribellini

    Scusate, ma di quand’è l’articolo, dato che si parla del 2009 come di un anno ancora da venire? e le lettere tra Firpo e B. sono state poi pubblicate?

  2. Loredana Vicario

    L’articolo è di ieri, l’autore ha usato il futuro retrospettivo.

  3. Chahrazed Algerina

    anche quest’aticolo è rubato!

  4. giomap58

    ” Ecco l’uomo, un buffone, mentitore di professione che per apparire colto deve rubare quello che non è né potrà mai essere perché non si compra con i soldi come si comprano le prostitute e i cardinali.” Sintesi che sottoscrivo con convinzione.

  5. mario

    i commenti sono un ossimoro.
    …di cosa stavamo parlando prima di coprire ancora una volta B.?

  6. giulia

    La notizia era apparsa anche su Il Venerdì di Repubblica di un paio di settimane fa, se non ricordo male

  7. patrizia vila

    e chi + ne ha + ne metta

  8. Enrico Re

    L’articolo è di Travaglio ed è stato copiato tot volte. Anche qeusto è plagio. L’ultimo link è del 2006 http://www.liblab.it/ita/Cronaca/L%27UTOPIA-DI-BERLUSCONI-di-Marco-Travaglio che fa però riferimento ad una posizione non più disponibile. Il cav. Berlusconi credo non possa andar fiero del plagio commesso, ma credo che il prof. Firbo, uomo di senno e di cultura, non sia così tanto sciocco come si legge tra le righe di Travaglio e che abbia preso coscientemente e liberamente la sua decisione.

  9. Mauro Matteucci

    La cultura al nostro cavaliere è sempre servita come orpello, poi magari è stata massacrata come cosa inutile e noiosa dagli ultimi tagli. Tutto si può comprare, tutto si può distruggere!
    Mauro Matteucci

  10. Domenico Falconieri

    Questa storia era uscita già alcuni anni fa. E’ solo l’ennesima (!!!) conferma della qualità di chi, purtroppo, ci governi! Ancora troppi italiani, però, sono convinti dalle favole raccontate dai suoi media o da quelli da lui controllati!!! Speriamo che almeno, se non dalle prossime elezioni, dai referendum si riesca a batterlo in qualche modo. Leviamocelo di torno!!!

  11. MTeresa Armentano

    Pensavo di essere informata delle bassezze di Berlusconi ma questo personaggio è davvero senza limiti. Che tristezza! E che tragedia per noi italiani.