La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Visioni »

Dallo Zecchino d'Oro a Rai e Mediaset: spettacoli ambigui che inorgogliscono genitori dalla morale fragile. Le luci del palcoscenico ormai non rispettano l'età. Ma non è proibito esibire minori senza nascondere la faccia? Ancheggiano e seducono: protagonisti ambigui di squallide pantomime

Quando i bambini cantano in tv. Infanzia rubata da scimmiottamenti e affari

11-11-2010

di

Victoria in Baby, The Stars Shine Bright - Foto di MiriamBJDolls“Allo Zecchino d’oro i bambini cantano brani per bambini, e non hanno nessuna intenzione di imitare gli adulti che spesso, diciamocelo, non sono per niente esempi da imitare”. E Rai e Mediast imondano le nostre sere con spettacoli dove i bambini scimmiottano squallidamente gli adulti rincorrendo successo e delusioni col rischio di finire nelle tentazioni che scandalizzano i nostri giorni. Queste parole sono uscite niente “popò” di meno che dalla bocca di frate Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano di Bologna, il quale annuncia così un altro passo dello Zecchino d’Oro fuori dalla Rai, in cerca di spazi alternativi dedicati esclusivamente ai ragazzi.
 
Da noi “i bambini non sono star ad uso degli adulti”, ha dichiarato a Milano Massimo Bruno, direttore dei canali satellitari tematici di De Agostini, sollecitando “una riflessione seria su come tutelare l’infanzia in tv. Continuiamo a vedere su Rai e Mediaset ragazzini che cantano testi per adulti, scimmiottando gli adulti, vestiti e truccati da adulti. Da noi è l’esatto contrario, i bambini si divertono e cantano canzoni per bambini”.

“Commenteremo ogni testo, senza esasperare troppo il senso della competizione, ma divertendoci insieme”, ha garantito Ossini. “Io ho tre figli – continua – e di certa tv non ne posso più”.
 
“Non bisogna lasciare in secondo piano quello che mettiamo in bocca ai bambini – ha spiegato sempre frate Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano –. Pensiamo di poter fare la differenza senza essere dei bacchettoni”. Questo, aggiunge il religioso insieme al direttore di rete.

“Noi vogliamo dare quello spazio che la Rai non dava, per esempio, ai retroscena dello Zecchino”, ha aggiunto Bruni. Queste non saranno forse le prime prove di un eventuale salto sul satellite anche dello storico Zecchino d’Oro? “I meccanismi di lavoro in Rai sono più complicati – ha ammesso fra Caspoli –. Non escludiamo, per il futuro, di spostarlo tutto su satellite”.

Io mi domando invece: ma perché non spostarlo direttamente nel cestino una volta per tutte? Mi spiego meglio: Sono d’accordissimo che i bambini non debbano imitare gli adulti nel cantare, tanto meno nel vestiario e ancora meno nel comportamento, ma è anche vero che conosco molto bene l’ambiente dell’Antoniano e altrettanto quello dello zecchino d’oro, e ad onor del vero mi meraviglio come dei genitori, invece di lasciare che i loro figli facciano una normalissima vita da bambini, li portino all’interno di certi ambienti che definire sacrileghi e orrendi è un complimento. Non voglio fare il guasta feste, ma le evidenze sono tali che si fa fatica a non fare ormai di tutta l’erba un fascio.

Lo stesso frate Caspoli, direttore dell’Antoniano, e si un frate, ma che indossa il saio solo ed esclusivamente quando viene ripreso dalle tv o quando è in “missione commerciale” , per esempio ricordo che quando andava a fare i contratti con Del Noce, arrivava agli uffici della RAI di Roma vestito come Fabrizio Corona, e poi una volta arrivato, si chiudeva in bagno e tirava fuori dalla sua valigetta il magnifico “saio di circostanza”, e così saliva presso gli uffici preposti e concludeva il contratto “di rito”, per poi una volta concluso, smettersi gli abiti talari e via, verso nuovi e chissà quanto gentili orizzonti. Il “buon frate Caspoli” quante personalità ha? Ma quanti “ecclesiastici” sono realmente dotati dei requisiti tali per essere “amanti del prossimo” piuttosto che semplici mestieranti della religione, così come esistono i mestieranti della politica?

Personalmente non ho mai creduto, pur essendo credente, che un essere umano, uomo o donna che sia, nella propria vita possa fare a meno dei desideri della carne, e non sto parlando dei più volgari ed espliciti, anche di quelli certo, ma anche di semplici e banali desideri comuni, basati sulla curiosità e sulla voglia di provare cose nuove e nuove esperienze come è insito nella natura umana, oppure crediamo davvero che esiste una classe privilegiata che è in grado di vivere in questo mondo con i piedi e le mani e altri organi già appoggiati nell’altro mondo del quale sostengono di appartenere? Persone in carne ed ossa, più carne che ossa, che non provano nessun desiderio di vita? Dedicati solo ed esclusivamente al prossimo e per il bene del prossimo? Beh! Se così fosse verrebbe automatico chiedersi come mai però, nel caso dell’antoniano di Bologna, in relazione allo zecchino d’oro hanno contratti miliardari con la Warner Bros per la riproduzione e duplicazione e distribuzione di audio visivi, e prima di questa l’hanno avuta per decenni con la Sony Music e non con la piripina o la caccialacatena, ma fior fiore di major della musica e dello spettacolo che se si muovono avranno avuto, hanno e avranno un buon motivo no?

Sono scettico ma pronto a cambiare opinione qualora mi si diano nomi e cognomi di famiglie che hanno tratto benefici e beneficenze da queste operazioni faraoniche che durano da oltre mezzo secolo. Oppure che mi dicano in quale punto della bibbia, (che non conoscono minimamente) sta scritto che esiste una classe sacerdotale la quale può e deve godere di “speciali privilegi terreni”, in attesa di ricevere la chiamata celeste per diventare cosa? Angeli? E con quale merito terreno? Ma per piacere!

Credo, anzi sono convinto che una certa chiesa abbia raccontato e stia raccontando più menzogne di Giuda, abbia fatto e stia facendo più danni e porcherie di qualsiasi governate politico sia mai esistito a mai esisterà, il tutto grazie all’immensa ignoranza e timore dell’inesistente che regna nel mondo, e che loro stessi hanno creato e fomentato nei secoli. La considerazione più logica è focalizzare due passaggi biblici su tanti. Il primo è che Gesù rivolgendosi ai sacerdoti dell’epoca disse: “avete fatto della casa del Padre mio una spelonca di ladroni” e la seconda la quale anch’essa non ha bisogno di essere interpretata dice: “siete come i sepolcri imbiancati, che dal di fuori apparite di bell’aspetto ma dentro siete pieni di ossa di morti”.

Ripeto che sono pronto ad essere smentito con tanto di prove alla mano e aspetto. Fino ad allora però, un consiglio spassionato che posso dare ai genitori che vorranno riflettere è che seppur i tempi non sono del tutto maturi, meglio che i bambini giochino per conto proprio o con i propri simili piuttosto che ritrovarsi a giocare con lo “zucchino d’oro” di qualcuno che poi oltre a non sapere spiegare il perché, viene, come la storia insegna, coperto e protetto da chi “crede” e ci fa ancora credere che l’abito non fa il monaco.

Lo fa, lo fa, eccome se lo fa!

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Cantautore paroliere con oltre 70 canzoni edite. Collaboratore in studio negli arrangiamenti di svariati interpreti nazionali ed internazionali. Autore delle opere: “Nati per sempre” (1991), “Notte di San Lorenzo” (1992), “Ricorderemo” (1992), Post Of Sedicianni Album (1993), “La macchina del tempo” (1996), “La mia follia” (1997), “Un canto nel silenzio” (2003), “Pitililli” Album (2006), “Panico” (2007), “Mani di Gomma” (2007), “Guerra dei Boveri” (2008), “Misero dentro” (2008).
 

Commenti

  1. [...] See the original post: Quando i bambini cantano in tv. Infanzia rubata da scimmiottamenti … [...]

  2. riccardo zanetti

    Sono d’accordo ! Questi spettacoli che ho visto su Blob ( e ha fatto bene trasmetterli alcuni secondi per farci vedere come siamo caduti in basso) li trovo indecenti e vicino alla pedofilia, non c’è nulla di più squallido di un bambino che imita un adulto! Dovrebbero vergognarsi e poi si fanno difensori della famiglia, ma quello che mi indigna di più sono le star più o meno famose che cantano e si divertono assieme ai bambini, e il Vaticano cosa dice anzichè pensare agli embrioni o procrazione assistita?

  3. Roberto Spiga

    L’ecclesias è la madre di tutti i mali.
    Ottimo articolo, complimenti sinceri!

  4. Domenico Falconieri

    Perfettamente d’accordo. Ma cosa ci possiamo aspettare da una “madre chiesa” che dalla sua fondazione, duemila e più anni fa, ha fatto del potere, oltre che della mistificazione, il suo pilastro fondante?

  5. Andrea Politi

    Questo aritcolo fatelo girare nelle scuole, nei bar, nei circoli, per strada, ovunque perchè è altamente istruttivo e soprattutto a breve tempo “risulterà profetico”.

  6. florestana piccoli sfredda

    Sono pienamente d’accordo con chi definisce “infanzia rubata” gli “scimmiottamenti” dei bambini che cantano oggi in TV. Lo Zecchino d’oro (con il mitico Topo Gigio che interveniva puntualmente nella trasmissione!) era una cosa bella e pulita. I bambini cantavano da bambini e restavano bambini.Cosa spinge i genitori di oggi ad accettare questo squallido cambiamento, o addirittura ad andarne fieri?
    Pare che vogliano far tornare Topo Gigio: basta che non torni anche lui “trasformato” dalle odierne mode. Non vogliamo essere moralisti bacchettoni: desideriamo solo che i bambini si presentino come bambini, che non venga loro “rubata l’infanzia”.