La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Risponde monsignor Fisichella: “Può: separato da Veronica non è più in permanenza di peccato”

21-04-2010

di

Per monsignor Fisichella, rettore della Pontificia Università Lateranense, vescovo ausiliare di Roma (della quale è vescovo papa Benedetto XVI) e “cappellano” della Camera dei Deputati, il diritto canonico considera il Berlusconi due volte sposato, una volta divorziato, adesso solo separato, un pentito che ha sciolto la permanenza col peccato Veronica. Gli è consentio confessarsi e comunicarsi come ogni cristiano dal cuore puro. Il peccato resta sempre di Eva. Quando Veronica Lario ha lanciato l’allarme invitando il marito a curarsi per sfuggire alla tentazione morbosa verso le minorenni, il quotidiano Libero, allora diretto da Vittorio Feltri, ha pubblicato in prima pagina una foto di Veronica attrice: il copione prevedeva si mostrasse a seno nudo. Non voglio ricordare il titolo.

Provo vergogna per chi fa il mio stesso mestiere anche se ha la scusante di essere uomo. Adesso che con Eva-Veronica sono cominciate faticosamente le pratiche del divorzio miliardario, l’anima del Cavaliere si è ripulita: quasi lontano dal peccato incarnato dalla seconda moglie, può fare quella comunione che la Chiesa proibisce ai divorziati. Per Berlusconi la Chiesa fa eccezione vista l’autorità?

«Nessuna eccezione», risponde monsignor Fisichella a Franca Giansoldati del Messaggero. «Capo del Governo non vuol dire privilegio: ci mancherebbe. La Chiesa non ha mai cambiato idea a tal proposito. I divorziati che si sono risposati una seconda volta civilmente non possono accostarsi a questo sacramento. Era ed è così, nulla è cambiato».

Ma Berlusconi…

«Se il presidente del Consiglio prima di accostarsi all’ostia consacrata era nelle condizioni di poterla prendere [cioè aveva confessato ed era stato assolto dei suoi peccati, ndr], nulla glielo vietava».

Perché mai? chiede la giornalista.

«Facciamo subito un po’ di chiarezza. Il presidente Berlusconi, essendosi separato dalla seconda moglie, la signora Veronica, con la quale era sposato solo civilmente, è tornato a una situazione, diciamo così, ex ante. È il secondo matrimonio [ancora valido: B si è solo separato, ndr] che dal punto di vista canonico creava problemi. È solo al fedele separato e risposato che è vietato comunicarsi, poiché sussiste stato di permanenza nel peccato. A meno che, ovviamente, il primo matrimonio non venga annullato dalla Sacra Rota. Ma se l’ostacolo viene rimosso, nulla osta», che il peccatore considerato ex, possa riaccostarsi ai sacramenti.

Quindi B non vive più in stato permanente di peccato? si meraviglia della giornalista Franca Giansoldati:

«Esattamente» risponde monsignor Fisichella.

Dalle sue risposta parte un suggerimento ai divorziati e risposati che vogliono fare la comunione. Risposarsi e successivamente separarsi per creare la situazione «ex ante». Ma se la coppia felice delle seconde nozze non ha intenzione di giocare burocraticamente con i sentimenti e la ragione, e rifiuta le sceneggiate della separazione ritenendola un’ipocrisia indegna di chi ha una fede sicura, queste persone leali restano per sempre escluse dai sacramenti? Monsignor Fisichella confermerebbe.

E se dopo il terzo matrimonio (sempre civile) il maschietto decide di separarsi, può godere dell’«ex ante». Il diritto canonico risponde di sì nella spiegazione di monsignor Fisichella. E a questo punto sarebbe gentile informare Elisabeth Taylor, otto matrimoni, otto divorzi. A 83 anni può godere dei privilegi della «ex ante» e fare la comunione con la benedizione del parroco, nel caso sia cattolica. Resta il problema della signora Veronica: avendo sposato un divorziato viveva il peccato permanente? E adesso, separata, ma non divorziata, gode degli stessi privilegi del marito o l’anima nera è sempre lei?

 

Commenti

  1. eleonora bellini

    Sono una divorziata che vive sola. Non sono praticante, quindi il fare o non fare la comunione non mi tocca. Però è vero che i cavilli ecclesiastici sono quanto di più immorale; o, meglio , alla “morale” sono tenute solo le donne. Povere noi.

  2. Aimée CARMOZ

    Ma allora in questo caso, uno che fa cornuto l’altro,
    è considerato dalla chiesa come un divorziato, è in stato di peccato mortale e di rottura del sacramento.
    Bisogna dirlo alla gente, a me non lo ha detto nessuno quando ero bambina, al catechismo…..
    Penso che i preti dicampagna non sono informati bene, mandano il loro gregge in inferno senza nean- che accorgersene……
    pensate un po’ io una volta, da bambina, presa dall’entusiasmo mistico, essendo in antecipo per la scuola, sono andata in chiesa e ho fatto la comunione. poi a mezzogiorno tutta fiera l’ho detto a mia madre. Apriti cielo, mia madre spaventata “Avevi fatto collazione!” e io che non ci avevo pensato, non vi dico, mia madre immediatamente ha trascinato in chiesa una bambina singhiozzante, e il prete ha fatto tanto di preghiere sulla mia testolina per salvarmi, che il sangue di Gesù Cristo avrebbe potuto uscirmi dalla bocca, se non mi è venuta l’itterizzia dallo spavento….
    Erano altri tempi.
    Ma poi, per quanto riguarda le donne…
    Ricordate Eva, voleva fare la scienziata, insieme al marito….
    Mi sembra strana però la grande mansuetudine della chiesa verso il parto senza dolore. Che ve ne pare ?

  3. giacomo

    E poi dicono che la Chiesa sia contraria al divorzio!… solita ipocrisia di bizoccoli e sacrestani, visto che la Sacra Rota prevede da sempre il divorzio, ma lo chiama “annullamento” del matrimonio…

  4. Lara Dalessandri

    La doppia morale per ricchi e poveri.B. sarà separato in casa,ma il tribunale non ha ancora pronunziato alcuna sentenza,quindi è ancora sposato con Veronica;per non parlare delle escort e degli altri scandali.Se poi potrà fare la Comunione,sarà bene che la faccia senza Tv al seguito,perchè,se non sbaglio, la Chiesa permette di farla a chi non vive more uxorio,ma in forma riservata.

  5. [...] Risponde monsignor Fisichella: “Può: separato da Veronica non è più in permanenza di peccato” Pubblicato in varieta. Lascia un commento » [...]

  6. [...] [...]