La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Se il presidente Schifani fa sblog

21-12-2009

di

Serve una legge contro la violenza sul Web”. Tuonava il presidente del Senato, signor Schifani. A quanto pare l’attuale maggioranza non solo vede complotti rivoluzionari, comunisti forcalioli, anarchici bombaroli e immigrati estremisti ad ogni angolo di strada, ma pensa anche che Facebook sia uno strumento atto “ad alimentare l’odio”. Ordunque, che ci siano persone che, fornite della tradizionale fetta di salame sugli occhi, inneggino a quel poveretto incosciente di Tartaglia – così come potrebbero fare con Cassano -, è un conto; ma che si chieda – da Palazzo Giustiniani – di oscurare Internet è un altro. Niente di meglio per inserire il nostro Bel Paese nell’illuminato club di paesi come Iran, Cina, Corea del Nord, Cuba o il Sudan, che, come sappiamo, sono fari di democrazia e liberalità. In Internet si possono tranquillamente trovare deliranti siti di razzisti, pedofili, neonazisti, Ku Klux Klan, satanisti, sadomaso, o di squallidi negazionisti tra i più disparati: dell’Olocausto, dell’11 settembre, dei Gulac, dello sbarco sulla Luna… E via rimbecillendo con simili amenità tra un’Area 51, un Protocollo dei Savi di Sion e qualche decina di Graal sparsi in giro per il mondo. Ma che il presidente del Senato metta in un unico minestrone Facebook e il clima degli anni di piombo, mi pare un inno all’incultura e all’ignoranza più imbarazzante. Più che mettere fuori legge Internet, sarebbe opportuno mettere fuori legge gli imbecilli. Ma, come sappiamo, è impossibile.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.
 

Commenti

  1. paolo bertagnolli

    Anzi, sono elevati alla seconda carica dello Stato

  2. paolo bertagnolli

    Anzi, sono elevati a seconda carica dello Stato

  3. michelangelo

    Non è vietato vietare.

    Se nel periodo della sua scalata al potere ci fossero stati i computer Hitler avrebbe anticipato lo sterminio con l’epurazione dei facebookonorosi sia degli ebrei che degli ariani per poi proseguire con lo sterminio totale degli ebrei con o senza facebook.
    Ora con le stesse premesse dell’Hitler uber alles nasce la razza berlusconiana pronta a ripetere le gesta del “padre”.
    Il vero pericolo sta nella forza dei seguaci disponibili a permettere tutto al “padre” per proibire tutto ai “figli”.
    Libertà di pensiero e libertà di stampa saranno comunque garantite da un decreto legge che non vieta di vietare.
    Così Schifani, Maroni, La Russa, Bondi e altri Fjeld marescialli possono ben vantarsi di essere i custodi e i garanti non tanto della liberta di stampa quanto della libertà di Berlusconi.