La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Se l’onestà non paga, rendiamola “conveniente”

15-07-2010

di

Le cronache riportano le dichiarazioni molto aspre del procuratore Nicola Gratteri a commento dell’operazione di polizia contro la ‘ndrangheta lombarda. Alla domanda su quale strategia possa arginare il dilagare del malaffare a tutti i livelli, il magistrato antimafia sollecita la creazione di un sistema di convenienze legate al rispetto delle leggi, basandosi sul presupposto che “la convenienza viene prima dell’etica”.

Sono frasi tese a suscitare reazioni soprattutto nell’uditorio privilegiato di coloro che vivono e promuovono la legalità in questo paese, non certo nella massa dei cittadini che ogni giorno subiscono e, potendo, fanno gravare sugli altri i costi della disonestà. Parole forse originate da una certa voglia di protagonismo, ma con cui forse sfogare anni di lavoro spesso andati in fumo per coincidenze, convergenze e conflitti di interessi. È chiaro che le cronache e persino il gossip strabordanti di corruzione, abusi e prepotenze, rendono difficile parlare di etica: chiunque può essere screditato e se la magagna non c’è, la si inventa.

A livello di comunicazione sociale è necessario fare di più, mantenendo sì come visione di fondo valori di legalità e solidarietà, ma costruendo su di essi messaggi e meccanismi pratici che rendano conveniente anche razionalmente, in un calcolo costi-benefici, essere onesti. L’etica sta a monte delle convenienza, ma senza la seconda anche la prima crolla. Non era d’altronde questo il manifesto di Dante nella Vita Nuova e, dopo di lui, dei romantici? L’ideale sia guida per l’applicazione dell’umano ingegno, non fine a se stessa. Per troppo tempo, soprattutto in Italia, si è creduto, in ovvia malafede o perlomeno cecità sociale, che bastasse una ricompensa metafisica al buon agire.

Il problema è che questa evoluzione morale italiana – perché in alcuni paesi di cultura protestante uno sforzo del genere è stato fatto, cercando addirittura di dare un’etica al capitalismo, senza negarne l’ovvietà del profitto e del successo -, è stata al contrario adottata per legittimare le convenienze dell’illecito. Oggi, innegabilmente, delinquere e truffare non solo conviene, ma è addirittura motivo di orgoglio e rispetto sociale.

Marco Lombardi, nato nel 1977, laurea in Scienze Politiche conseguita alla Cesare Alfieri di Firenze, vive da sempre nella cintura del capoluogo toscano, dove attualmente si occupa di politiche sanitarie. Ha lavorato nel settore delle politiche sociali, seguendo progettazioni in materia di politiche giovanili, adolescenza, sport, immigrazione e cooperazione internazionale.