La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Si può scherzare su Berlusconi ferito?

21-12-2009

di

Il buonismo continua a dividere il centro dalla sinistra, mentre la destra (che lo condannava con disprezzo) adesso vola col ramoscello d’olivo. La convalescenza del Cavaliere è assediata da voci diverse: di amore e comprensione; di rifiuto e ironia. Anche la Chiesa è turbata da tentazioni che non si somigliano. Ascoltiamo un teologo controcorrente. Voi cosa ne pensate?

Leggiamo dalla Bibbia. Dal libro dei Numeri: «Sorgi, Signore, e siano dispersi i tuoi nemici e fuggano davanti a te coloro che ti odiano» (Nm 10,35).  Bono, bono, Signore, bono, abbassa i toni altrimenti Renato Schifani, presidente del senato di palazzo Grazioli e intimo di mafiosi anni ’70-’80, fa chiudere la rete  tra «terra-cielo» e poi chi ti può pregare più?

Dal Libro dei Salmi: «Àlzati, Signore, affrontalo, abbattilo; con la tua spada liberami dal malvagio» (Sal 17/16,13). Signore, per favore, non gridare forte, non dire queste parole violente, altrimenti il Cicchitto suo, tessera P2 n. 2232, ti dà del «terrorista mediatico» ed eversore come Travaglio e come lui diventi «cattivo maestro», rischiando di trovartelo accanto sul Calvario.

Dal Libro dei Salmi: «Signore, accusa chi mi accusa, combatti chi mi combatte. Afferra scudo e corazza e sorgi in mio aiuto. Impugna lancia e scure contro chi mi insegue» (Sal 35/34,1-3). O mio Dio, per favore, non alzare i toni, abbassa i semitoni, altrimenti svegli Bersani che si troverà disorientato e magari viene a sapere del «lodo D’Alema» che vuole due cose: salvare Berlusconi a tutti i costi e portare un cero alla Madonna per averlo salvato. Pio D’Alema Pio.

Ora lo sappiamo con certezza: il Mandante occulto, misterioso (nel senso vero di Mistero) dell’attentato al presidente del coniglio italiano è stato Dio. Travaglio & C. è solo un depistaggio dei servizi segreti in combutta col Vaticano. Sì lui in persona! Il suo insano gesto è stato premeditato da oltre 1500 anni di odio per il presidente buono che ama tutti e non capisce perché qualcuno lo odia tanto. Dio ha avuto paura che Berlusconi gli soffiasse il posto: dove non riuscì Adamo con il serpente, potrebbe riuscire il Nano con la Escort.

Un testimone oculare ha visto che qualcuno armava la mano assassina tesa a colpire la vittima rifatta, beata e olezzante profumo di santità e purezza e integrità. Tutti gli indizi portano alla Trinità: il Padre ha sradicato il Duomo di Milano, ormai sconsacrato dalla presenza di un vescovo, Tettamanzi, che parla da comunista fazioso e violento: dice che bisogna essere accoglienti, che anche gli stranieri sono persone soggetti di diritto. Sacrilegio! Sacrilegio! Il Padre passa il Duomo al Figlio che essendo giovane ha buona mira e infine lo Spirito Santo fa da telescopio per colpire sicuro, ma senza uccidere. Come è buono Dio! Insomma un avvertimento in piena regola, tipico della sinistra che si assembla sempre in numero dispari per non fare tornare i conti.

Un altro indizio che porta a Dio (nella sua misteriosa partecipazione trinitaria) è l’oggetto contundente: un luogo sacro, un luogo di pace, un luogo di amore: il Duomo di Milano. Chi poteva ardire di prendere un Duomo e colpire a colpo sicuro? Chi poteva usare un simbolo religioso per offendere un uomo pacifico che vestito di saio, predicava agli uccelletti presenti in piazza e chiedeva l’obolo di un piccolo contributo per aiutare un’azienda mediatica contro i terroristi e gli uomini dell’odio? Chi poteva pensare una cosa così perversa? Solo Dio, solo un Dio, Uno e Trino che dopo ampio, solidale e unanime consulto (unico caso nella storia dell’eternità in cui la sinistra si trova «unanime», poffarbacco!) ha deciso di buttare la maschera millenaria per gettare sulla terra la guerra dei faziosi e dei reprobi: «Vade retro, Travaglio, cattivo maestro! Pussa via dal regno dell’Amore e sprofonda nell’abisso dell’odio!!!». Oh, Travaglio, che delusione per sua nonna!

Signore, lo sappiamo tutti che Marco Travaglio è un «bravo fieu», sono le cattive compagnie che lo hanno rovinato come si conviene a tutti i figli di buona famiglia. Montanelli lo ha corrotto da subito; poi Santoro lo ha arruolato al carro dei «critici» documentati e per giunta chiari di concetto. Per la miseria, ahi, ahi, ahi! proprio questo non s’ha da fare mai, specie in tv: mai documentare con documenti, date e citazioni, ma sempre adulare e leccare, leccare e adulare – grazie vespa, basta così, a cuccia, a cuccia! mi stai sbrodolando tutto –).

Abbassare i toni, istigare all’odio, creare un clima di violenza armata e denigratoria contro Shilviush Berluskonijad; sì, proprio contro di lui, che, poveretto, nonostante debba portare la croce enorme del conflitto di interessi e la fatica di uno slalom gigante per non toccare un palazzo di giustizia, si sforza di amare tutti. Oh che amatore di professionista! Che professionista dell’amore! Come lui non ce n’è (ve lo garantisco proprio che non ce n’è, nemmeno a cercarli con il lanternino di Diogene, parola mia, parola vostra). Lui ama anche le prostitute a pagamento per le pause di governo, ama perdutamente le ministre che hanno fatto con lui minestra appiccicosa per arrivare dove sono; lui ama anche i comunisti riciclati come Bondi; anche i piduisti compagni di tessera come Cicchettuzzo suo; ama i mafiosi che col suo compare Dell’Utruzzo chiama «eroi». Come ama i giudici che per la grande fatica che fanno sono «mentalmente malati», cioè antropologicamente tarati (tarati, non karati, mi raccomando). Lui come un padre, appena incestuoso, ama come figlie anche le minorenni che vuole giovani, pure e pulite che lo ricambiano come «papi». Ama alla follia i popoli irakeno e afghano, ai quali senza nemmeno conoscerli ha mandato in regalo armi, soldati, bombe per «distruggere e ricostruire» (che sant’uomo, ma dove lo troviamo un altro così!!!!).

Abbassare i toni, dare una svolta, basta con la violenza della sinistra assassina che pur di governare non esita a distruggere la Costituzione, che è pronta a farsi leggi su misura, che denigra il parlamento impedendo di lavorare e compagnia cantando. Fuori legge la sinistra, subito! Contro tutti costoro, fomentatori d’odio e di violenza antidemocratica, lui, solo lui, – poareto»! –  è capace di soffrire, vittima innocente in mezzo al degrado umano di una umanità inferiore perché di sinistra: «L’amore vince tutto! Se cambia il clima, il mio dolore non sarà stato inutile» (infatti si è messo a nevicare). Che parole da papa! Che santo! Che tormento e che gaglioffo! Fratelli e Sorelle, ecco  a voi il «Servo di Yhwh», il Messia che offre se stesso per la moltitudine, la vittima immolata oltre il comandamento di Cristo, somiglia ad un pecora condotta al macello e resta muta davanti ai suoi tosatori: lui è uno «Statista» e sopporta il dolore dei suoi che assume nelle sue carni, che nascondo nei suoi capelli, lui, l’utilizzatore finale del dolore del popolo. Lui è così generoso che supera anche Gesù che ha detto: «Amatevi come fratelli, perché io sono figlio unico», ma lui no, deve superare Dio perché ama tutti, ama alla perfezione, ama ed è riamato da folle osannati che lo invocano come Redentore e Liberatore di comunisti nascosti dappertutto. Silvio, l’amatore puttanesco, santo subito!

Lui è così amabile e dolce, gentile e tenero, quasi erotico andante, ha licenziato in tronco l’avv. Previti che osò dire, birichino!,: «non faremo prigionieri» e mandò ai lavori forzati il Brunetta che disse alla sinistra di andare «a morire ammazzati». Lui che rinchiuse nelle galere fasciste La Russa il quale, anche senza avere bevuto grappa, gridò contro la Corte di Giustizia dell’Aja che «devono morire ammazzati, ma il crocefisso non si tocca». Il Signore tirò un sospiro di sollievo davanti a tanto ardire e coraggio che lo difende fino alla morte … degli altri! Lui che ama il popolo, tutto il popolo, tanto che sciolse personalmente nell’acido (ma con ammorbidente di marca) un disfattista di sinistra che osò chiamare «coglioni» metà degli Italiani e Italiane che non votavano in modo «giusto»: cioè per lui. Come si fa ad odiarlo così ferocemente. L’Italia è impazzita!

Zitti, abbassate i toni, anche con i bambini; ecco, sull’uscio appare, come la Madonna, don Verzè, compagno e sodale in affari e affarucci;  egli soave, soave, mite, mote, compunto e con un fil voce sussurra: «Lui vuole bene a tutti e non si spiega perché nel mondo ci sia tanta violenza. Sì, lui ha perdonato». Oh, Dio! don Verzé non lo nomina come noi, anche lui (don Verzè) lo chiama «lui» (Shilviush). Oh, Dio, che emozione! Pari pari come Eva Kant chiama Diabolik: «Lui»; come Cesare chiama se stesso nel «De bello Gallico». Questa è arte, estetica, modello narrativo, degno di una poesia di Bondi: «Lui» per dire «Io». Insomma per confondere le tracce.

Il presidente dell’amore a pagamento «perdona» come Giovanni Paolo II perdonò Alì Agca, come Gesù Cristo perdonò il ladrone terrorista (era Travaglio, ma Gesù non lo sapeva!). Poteva «Lui» essere da meno di un polacco e di un ebreo? Giammai! Lui perdona. Perdona sempre anche chi giura il falso, chi spergiura sulla testa dei figli, chi corrompe testimoni, chi compra giudici, chi compra senatori per fare cadere il governo della sinistra assassina, chi falsifica i bilanci, chi evade il fisco, chi esporta capitali, chi … chi … chi … chicchirichì!

Ssssss! Abbassate i toni, altrimenti tutto va a puttane e poi quei delinquenti di Santoro, Travaglio, Repubblica e affiliati possono sentire e si rischia di ritrovarci in prima pagina con nome, cognome e indirizzo. Taci, il nemico ascolta! «Fischia il vento, urla la bufera / Scarpe rotte eppur bisogna andar». Sì, fischiamo col vento e urliamo con la bufera perché se non mi trattengo da solo, il giorno di Natale, imbottisco Biondi di esplosivo tenebroso e morbidoso e vado a piazzarlo dove dico io. Anzi, no, in alternativa, invito i Sardi a sradicare tutti i 4.000 e rotti cactus della santa e casta Villa Certosa e glieli facciamo assumere tutti, uno per uno, senza eccezione, come supposte. Garantisco la guarigione.

Paolo Farinella, prete (Parrocchia S. Torpete – Genova)

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. luca mattioli

    Continuando così a lobotomizzare la cittadinanza con le notizie che riguardano il nostro squallido – altre parole non servono – Primo Ministro, L’Italia si vende
    al gioco mediatico e ne è prigioniera.
    Berlusconi è il rappresentante di così tanti italiani che sono, come lui, il peggio che si possa augurare,che
    bisogna concentrarsi nel fare, nel rispetto della legge e della Costituzione, ciò che sappiamo e ciò che vogliamo e chiunque venga a disturbarci si prenderà la giusta dose di insulti,tutti meritati.
    Io da tempo ho Spento la televisione, non leggo i giornali e vivo la vita che mi riguarda.

  2. miriam della croce

    Io ho scherzato con questa:

    Reset Italia 14 dicembre 2009
    Miracolo a Milano
    Il Cavaliere, secondo il fedelissimo Emilio Fede, ha detto: “Sono miracolato, un centimetro più su e avrei perso l’occhio”. E’ molto probabile che le parole di Giovanni Paolo II: “Fu una mano materna a guidare la traiettoria della pallottola e il Papa agonizzante si fermò sulla soglia della morte”, saranno presto modificate in tal guisa: “E’ stata una mano materna a guidare la traiettoria della miniatura del Duomo di Milano, e il Cavaliere si è fermato sulla soglia della cecità ad un occhio”. E poiché uno dei proiettili sparati da Agcà, si trova ora nella corona della Madonna di Fatima, è molto probabile che anche il Duomo finirà sul capo della Vergine.
    Miriam Della Croce

  3. Paola Di Giuseppe

    Perfettamente d’accordo con Luca Mattioli

  4. Mauro Mazza

    Con parroci del genere………tornerei a frequentare gli oratori! Grande Paolo!

  5. luca mattioli

    Fini, Casini, Rutelli ed altri stanno cercando di riportare in Italia la vecchia DC che era comunque molto meglio di loro per il semplice fatto che era capace di pervadere tutta la società e non era settaria e di corte vedute come questi mediocri politicanti.
    La DC non mi è mai piaciuta perchè sempre succube della Chiesa – questa Chiesa Cattolica opprimente ed ottusa – e delle influenze internazionali che tramite loro hanno fatto i più sporchi affari in Italia.
    Prima salgono sui carri dei vincitori e poi cercano di ripulirsi con le ” nuove ” sigle.
    Ma sono tutti convinti o ci fanno ? Sono convinto che ci credono e perciò sono degli emeriti ipocriti.
    Vedono il popolo italiano intero come un branco di fessi, di pecore smarrite e di plagiabili senza alcun carattere.
    Una buona parte potrà anche ascoltarli, ma non tutto il popolo.
    C’è sempre chi non è schiavo, chi vive libero.
    L’Italia è amata non per il suo inno o la sua bandiera ma perchè l’Italia è un patrimonio dell’umanità e l’umanità la ama perchè è culla di storia a cui tutti appartengono

  6. Francesco Negro

    Pienamente d’accordo con Luca Mattioli.
    Io?
    Eliminata la TV da 30 anni.
    Mai stato così bene!
    L’ultima statistica dice che in Italia siamo rimasti solo in 8 a non avere apparecchio televisivo..
    Fino a pochi mesi fa eravamo ancora in 9 ma uno è morto ultimamente.
    Ovviamente siamo ricercatissimi dalla Polizia in quanto ritenuti dei SOVVERSIVI ANARCO-INSURREZIONALISTI (maccheccazzovordì?) PARTICOLARMENTE PERICOLOSI!!!
    Prima o poi mi troveranno, lo sento!
    Fine del messaggio.
    NOTA: Se lo avete stampato, ingoiatelo.
    P.S. Certo che poi non si fa fatica a capire come mai in itaglia ci siano tanti voti per il ridicolo nuovissimo: Partito dell’Amore (predellino 2).
    Merda!
    E non ci penso minimamente a chiedere scusa!

  7. Luigi Zanolli

    Che schifo!
    Un personaggio del genere come può ancora avere il coraggio di ergersi a difensore di valori, e dei per- sonaggi che gli stanno intorno come possono reggere alla puzza che si sprigiona dalla sentina delle iniquità che esala odio e violenza?
    Ma quello che meraviglia è che sono proprio tanti quelli che non capiscono in quale mondo stiamo grufolando: ormai neppure l’ironia aiuta a moralizzare: e questo è veramente tragico!
    Che il Signore ci aiuti a capire!
    Bravo, Don Paolo, tieni duro

  8. Franescvo Fenudi

    E allora? Lo vogliamo santo subito il messaggero
    dell’amore a pagamento. Santo protettore delle puttane d’Italia. Non solo, ma anche vergine e martire. E infatti, come S.Giuseppe, egli è sempre vergine anche dopo l’incontro con la D’Addario. Prima perché l’ha giurato sulla testa dei figli, poi perché si è trattato di un evento prettamente spirituale e B. è persona ripiena di spirito, come dimostra ogni giorno raccontando delle esilaranti barzellette.
    Martire, neanche a dirlo, dopo il lancio di quel souvenir,che ne ha sfigurato i delicati lineamenti tanto cari alla Presidentessa della Finlandia. Chi sa quanto soffre, poveretta.

  9. Franescvo Fenudi

    E allora? Lo vogliamo santo subito il messaggero
    dell\’amore a pagamento. Santo protettore delle puttane d\’Italia. Non solo, ma anche vergine e martire. E infatti, come S.Giuseppe, egli è sempre vergine anche dopo l\’incontro con la D\’Addario. Prima perché l\’ha giurato sulla testa dei figli, poi perché si è trattato di un evento prettamente spirituale e B. è persona ripiena di spirito, come dimostra ogni giorno raccontando delle esilaranti barzellette.
    Martire, neanche a dirlo, dopo il lancio di quel souvenir,che ne ha sfigurato i delicati lineamenti tanto cari alla Presidentessa della Finlandia. Chi sa quanto soffre, poveretta.

  10. Rosetta Bolletti

    Ringrazio di queste parole, perché davvero non se ne può più di tutta l’ipocrisia di questi politici e della strumentalizzazione indecente di un incidente che doveva accadere, dato che il sig. Berlusconi fa convergere tutto sulla propria immagine e quindi si espone. E poi fa il martire.

  11. Stefano Rova

    D’Alema e Berlusconi fuori dai……in poche parole abbiamo i veri ladri in Parlamento..mi provoca il vomito solo a vedere Casini Calderoli Rutelli Capezzone poi non ne parliamo…tutti servi ben stipendiati e incollati a quelle poltrone..ci vorrebbe Batman o il Bronson del giustiziere della notte!

  12. Stefano Rova

    D\’Alema e Berlusconi fuori dai……in poche parole abbiamo i veri ladri in Parlamento..mi provoca il vomito solo a vedere Casini Calderoli Rutelli, Capezzone poi non ne parliamo…tutti servi ben stipendiati e incollati a quelle poltrone..ci vorrebbe Batman o il Bronson del giustiziere della notte!

  13. Stefano Rova

    D\\\’Alema e Berlusconi fuori dai……in poche parole abbiamo i veri ladri in Parlamento..mi provoca il vomito solo a vedere Casini Calderoli Rutelli, Capezzone poi non ne parliamo…tutti servi ben stipendiati e incollati a quelle poltrone..ci vorrebbe Batman o il Bronson del giustiziere della notte!

  14. Riccardo Bartolotti

    Non ho tempo di leggere ogni commento che mi arriva.
    Voglio Fare al Signor Silvio Berlusconi, Tanti auguri di:
    - Pronta guarigione: Purtroppo il mondo è fatto di persone a cui andiamo a genio e di persone a cui non andiamo a genio.

    - Di poter contare sul personale giusto per portare avanti una logica su cui lavorare TUTTI in modo che ogni ingranaggio possa girare per un quieto funzionamento. Poi,se il mezzo non va: Meglio aggiustarlo pezzo per pezzo, che non cambiare tutto, rischiando addirittura di incappare in un mezzo prevalentemente inadatto, quando non addirittura guasto.

    -Non si faccia mai influenzare da chi manifesta assoluto atteggiamento avverso e di non collaborazione, poiché ” Il SENSO UNICO ” è già per metà una proposta di impedimento, che se dovesse o potesse rendersi esecutiva ……

  15. Riccardo Bartolotti

    Non ho tempo di leggere ogni commento che mi arriva.
    Voglio Fare al Signor Silvio Berlusconi, Tanti auguri di:
    - Pronta guarigione: Purtroppo il mondo è fatto di persone a cui andiamo a genio e di persone a cui non andiamo a genio.

    - Di poter contare sul personale giusto per portare avanti una logica su cui lavorare TUTTI in modo che ogni ingranaggio possa girare per un quieto funzionamento. Poi,se il mezzo non va: Meglio aggiustarlo pezzo per pezzo, che non cambiare tutto, rischiando addirittura di incappare in un mezzo prevalentemente inadatto, quando non addirittura guasto.

    -Non si faccia mai influenzare da chi manifesta assoluto atteggiamento avverso e di non collaborazione, poiché \" Il SENSO UNICO \" è già per metà una proposta di impedimento, che se dovesse o potesse rendersi esecutiva ……

  16. Riccardo Bartolotti

    Non ho tempo di leggere ogni commento che mi arriva.
    Voglio Fare al Signor Silvio Berlusconi, Tanti auguri di:
    - Pronta guarigione: Purtroppo il mondo è fatto di persone a cui andiamo a genio e di persone a cui non andiamo a genio.

    - Di poter contare sul personale giusto per portare avanti una logica su cui lavorare TUTTI in modo che ogni ingranaggio possa girare per un quieto funzionamento. Poi,se il mezzo non va: Meglio aggiustarlo pezzo per pezzo, che non cambiare tutto, rischiando addirittura di incappare in un mezzo prevalentemente inadatto, quando non addirittura guasto.

    -Non si faccia mai influenzare da chi manifesta assoluto atteggiamento avverso e di non collaborazione, poiché \\" Il SENSO UNICO \\" è già per metà una proposta di impedimento, che se dovesse o potesse rendersi esecutiva ……

  17. simona brucoli

    Mi sono divertita.
    Apprezzo sempre Paolo Farinella….e poi abbiamo veramente oltrepassato il limite dell’ intelligenza altrui. Non siamo poi cosi c…..ni.

    Auguri al Don

  18. Lara Dalessandri

    “Santo subito” ha ragione don Farinella!Dove troviamo uno più buono ed “AMATORE” di tutti e “tutte” le gentil donne? “tanto gentile e tanto onesto pare…”anche Dio si inchina a Lui.E’molto bella questa preghiera dell’amore,altro che quel bugiardo di Travaglio(uno dei pochi ancora che meritano il nome “giornalista”);amiamo mister B. &company ,auguriamo che in Vaticano sia sempre accolto a braccia aperte e si caccino via i poveri che muiono in strada per il gelo.Mi fermo quì altrimenti sarebbe lungo l’elenco di chi amare,il suo va benissimo. Auguri di Buone Feste,sinceri per quello che fa e se verrete cacciati,continueremo ad amarvi e ad aiutarvi a far bene a chi lo:ognuno ,un giorno, risponerà a chi di dovere per quello che ha fatto.

  19. Lara Dalessandri

    “Santo subito” ha ragione don Farinella!Dove troviamo uno più buono ed “AMATORE” di tutti e “tutte” le gentil donne? “tanto gentile e tanto onesto pare…”anche Dio si inchina a Lui.E’molto bella questa preghiera dell’amore,altro che quel bugiardo di Travaglio(uno dei pochi ancora che meritano il nome “giornalista”);amiamo mister B. &company ,auguriamo che in Vaticano sia sempre accolto a braccia aperte e si caccino via i poveri che muiono in strada per il gelo.Mi fermo quì altrimenti sarebbe lungo l’elenco di chi amare,il suo va benissimo. Auguri di Buone Feste,sinceri per quello che fa e se verrete cacciati,continueremo ad amarvi e ad aiutarvi a far bene a chi lo merita veramente:ognuno ,un giorno, risponerà a chi di dovere per quello che ha fatto.

  20. luisa

    ma io la vengo a trovare ! Lei è un genio !

  21. luca mattioli

    Bisogna sconfiggere il crimine organizzato che si espande come un cancro in ogni settore della società italiana togliendo libertà e dignità.
    Non si può più convivere con il malaffare,gli omicidi,i soldi riciclati,la corruzione dilagante,i soprusi ed i privilegi.
    Mentre si discute del maltempo,della crisi economica,dei senza lavoro – purtroppo sempre di più – i fuorilegge prendono spazio,conquistano immobili ed attività commerciali,comprano banche,centri commerciali,taglieggiano l’agricoltura,speculano sulle tariffe, creano monopoli,etc.
    Saviano ci ha dato un chiaro messaggio : è fondamentale rendersi conto fino in fondo quanto è diffusa la regola del ” sistema ” .
    Non ci rivela niente di particolarmente nuovo ed eclatante ma ciò che è importante è che ci dice di stare con gli occhi ben aperti per non cadere vittime di assassini ed galeotti, vestiti alla buona o con abiti fatti su misura dal sarto.
    Cosa vuoi che importi se hai studiato nelle migliori Università e sei diventato un delinquente ” rispettabile ” se poi il tuo scopo è solo di ottenere privilegi,compiere soprusi e violenze ?
    Ma come hanno fatto tanti milioni di italiani a votare quella banda di incompetenti ed incapaci,ladri e conniventi,arroganti ed ignoranti ?
    Saranno anche loro uguali ai loro raprresentanti.
    Quindi un bel 40 % degli italiani sono dei delinquenti altrimenti come lo spiegate il merdaio in cui ci hanno messo quei fetenti ?

  22. mario

    Se guardate ad un telegiornale e notate la pochezza e la bassezza delle informazioni somministrate, allora capite quanto poco valgano le loro parole. Essi parlano con la bocca, non col cuore. Se parlassero con le loro vere emozioni, allora, probabilmente, Berlusconi sparirebbe!

  23. michelangelo

    Berlusconi e il Duomo in testa.
    Noi siamo ciechi e la nostra guida non ci vede.
    Noi siamo sordi e la nostra guida non ci sente.
    Noi siamo malconci e la nostra guida è tumefatta.
    Noi siamo nel mirino e la nostra guida è il bersaglio.
    Noi siamo perdenti e la nostra guida non vincerà mai.
    Noi siamo pazzi e la nostra guida è fuori di testa.
    Noi siamo come lui e lui non è meglio di noi.
    Chi è senza peccato scagli la prima chiesa.

  24. nicola frangione

    a propositi di santi e di padroni, qualcuno sa spiegare come mai sulla camicia del berlusconi non esista alcuna gopccia di sangue? miracolo! questo è sintomo di santità, già dimostrato quando anzicchè ricorrere ai carabinieri o alla polizia si è rivolto prima di tuitti a Marazzo. questa è bontà.

  25. Gian Franco Bonanni

    Basta!!! È ora di “finiamola” con inutili sproloqui!
    A scuola ho studiato Diritto…poi lo hanno tolto dai programmi scolastici perché si sono accorti che è meno facile manipolare le idee di certi concetti fondamentali li ha ben chiari.
    1) L’Italia è una repubblica democratica.
    2) Ci sono due poteri: quello legislativo e quello esecutivo…il primo è eletto dal popolo ed ha il compito di fare le leggi…il secondo NON è eletto dal popolo ed ha il compito di farle applicare.
    3) Il Magistrato non può dire che una legge, a lui non va bene: può non andargli bene come uomo e votare contro dentro alle urne ma, finché è magistrato, ha ugualmente il dovere di farla applicare perché lui non è stato eletto dal popolo e perché è quello il suo compito profumatamente pagato…altrimenti cambia mestiere e va a fare il gelataio!
    4) Il Governo eletto dal popolo ha il diritto/dovere di governare e nessuno, che si ritenga democratico, ha diritto di dire che la maggioranza degli italiani ha sbagliato…abbiamo avuto già esperienze in tal senso all’epoca dell’ascesa del fascismo.
    5) Il fascismo non ha colore: ovunque ci sia una minoranza che non accetta democraticamente una maggioranza, quello è fascismo!
    6) L’attentato fatto a Berlusconi, che – detto fra noi, non mi è nemmeno simpaticissimo – è purtroppo solo un atto stupidamente fascista che lo rafforza ulteriormente.
    7) L’opposizione a priori del “non va mai bene nulla a priori” è un altro atto estremamente stupido perché la statistica insegna che nessuno può sempre sbagliare tutto e nessuno può avere sempre ragione…e la statistica è una scienza basata sulla matematica e, come tale, rigorosamente esatta!
    8) Anche gli atteggiamenti di chi va in piazza con “10…100…1000 Nassirya” o a sfasciare automobili e negozi…o chi scrive sui blog di fare santo subito uno stupido attentatore, non giovano certo alla causa di chi vorrebbe cambiare le cose…sono azioni illegali che giustificano contromisure.
    9) L’opposizione si fa dentro alle cabine elettorali: sono fatte apposta per quello…e se vince l’altro, è solo colpa di chi ha perso…nessuno ha parlato di brogli!
    10) Nessuno mi dica che Travaglio e soci sono “soldati”…con quello che sono pagati, al massimo sono mercenari!

  26. sonia

    vorrei ricordare a Gian Franco Bonanni che l’opposizione non si fa nelle cabine elettorali ma in parlamento. nelle cabine elettorali al massimo si vota. e vorrei anche ricordargli che governare non significa comandare, ma applicare la costituzione per il bene di tutti.

  27. Giampaolo Guiotto

    A Gian Franco Bonanni:integrazioni ai suoi punti;
    1)… fondata sul Lavoro!(non sul “love-oro”)
    4)Il Governo NON è eletto dal popolo!
    5)Semmai è il contrario! E’ la maggioranza che non accetta le minoranze che è Fascismo!
    7)A proposito della Statistica, mai sentito parlare di … 3 italiani mangiano 1 pollo a testa perchè sono stati venduti 3 polli, ma quello che è rimasto a digiuno dice arrabbiato . “Quello”, appunto come lei, dice che la statistica è rigorosamente esatta, mentre io dico che è solo “ri-GOLOSAMENTE” esatta!
    9)Cioè l’opposizione si può fare “solamente” al momento del voto e poi per tutta la Legislatura, NIENTE! E via così fino al prossimo voto!
    Questo è sicuro non sia un’idea “leggermente” fascistoide?!?
    10) … tutta invidia!Comunque

  28. Giampaolo Guiotto

    A Gian Franco Bonanni:integrazioni ai suoi punti;
    1)… fondata sul Lavoro!(non sul \"love-oro\")
    4)Il Governo NON è eletto dal popolo!
    5)Semmai è il contrario! E\’ la maggioranza che non accetta le minoranze che è Fascismo!
    7)A proposito della Statistica, mai sentito parlare di … 3 italiani mangiano 1 pollo a testa perchè sono stati venduti 3 polli, ma quello che è rimasto a digiuno dice arrabbiato <se trovo \"quello\" che ha mangiato anche il mio pollo!…>. \"Quello\", appunto come lei, dice che la statistica è rigorosamente esatta, mentre io dico che è solo \"ri-GOLOSAMENTE\" esatta!
    9)Cioè l\’opposizione si può fare \"solamente\" al momento del voto e poi per tutta la Legislatura, NIENTE! E via così fino al prossimo voto!
    Questo è sicuro non sia un\’idea \"leggermente\" fascistoide?!?
    10) … tutta invidia!Comunque

  29. Giampaolo Guiotto

    A Gian Franco Bonanni:integrazioni ai suoi punti;
    1)… fondata sul Lavoro!(non sul love-oro)
    4)Il Governo NON è eletto dal popolo!
    5)Semmai è il contrario! E’ la maggioranza che non accetta le minoranze che è Fascismo!
    7)A proposito della Statistica, mai sentito parlare di … 3 italiani mangiano 1 pollo a testa perchè sono stati venduti 3 polli, ma quello che è rimasto a digiuno dice arrabbiato: se trovo ‘quello’ che ha mangiato anche il mio pollo!… ‘Quello’ appunto come lei, dice che la statistica è rigorosamente esatta, mentre io dico che è solo ‘ri-GOLOSAMENTE’ esatta!
    9)Cioè l’opposizione si può fare ‘solamenteì al momento del voto e poi per tutta la Legislatura, NIENTE! E via così fino al prossimo voto!
    Questo è sicuro non sia un’idea leggermente fascistoide?!?
    10) … tutta invidia! Comunque, essendo Mercenari, qualcuno potrebbe sempre pagarli come si fa con i Giudici per rabbonirseli o con gli avvovati perchè tacciano!
    Auguri! Questi senza ironia.

  30. Giampaolo Guiotto

    mi scuso per la ripetizione del commento, quello giusto è l’ultimo. Mi dava sempre codice di sicurezza errato.

  31. imerio

    ma si può scherzare con una finta aggressione per fare leva sulla sensibilità popolare ad accusare l’opposizione di violenza ed estremismo? Reato di procurato allarme! con rispetto! Imerio.

  32. guido.

    scusate la mia riflessione, penso che l’utilizzo improprio delle leggi, cioè quando si crea un abuso di norme che tutelano dei diritti soggettivi/o, a scapito dei diritti di un altri soggetti/o sia da sempre stato un mezzo legale di potere, nè è sempre stato il modo civile di umiliare e/o costringere, penso che questo alle volte per gravi motivi di ordine pubblico o personali non se nè possa fare a meno ma quando è la stessa politica ad adottare queste misure, non vi è più libertà, il politico credo debba avere da sempre una funzione diplomatica, purtroppo questo non avviene mai, c’è sempre stata la legge del più forte e/o del più sapiente, questo per me è un quesito che da sempre fa rabbia, in quanto ci hanno insegnato a rispettare il prossimo nostro, ad essere diplomatici, a porgere sempre l’altra guancia, a perdonare ad avere pazienza, ma penso anche che quando alla fine comunque, come per me sovente è gia successo, in qualche modo cerchi di agire e/o reagire spontaneamente vieni tacciato e accusato di violenza e prepotenza se non anche pregiudicato dalle personebue come mafioso.
    Io non sono mai stato per la violenza, ma come si fa a sapere ancora da chi ci si deve guardare, in questa giungla sempre più effimera di persone che per pochi denari sono disposti a qualsiasi cosa.
    Se qualcuno di voi può aiutarmi, anche semplicemente a continuare a credere e dirmi che non mi sbaglio, nonostante le immeritate situazioni imbarazzanti e umilianti superate e da superare, per sperare in una comunità dove non si deva sempre farsi largo per sopravvivere.