La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Italia »

Sta per scoppiare il PdL (Partito di Latta). Saran dolori per tutti, restate nei paraggi

22-07-2010

di

Dopo il volo di una statuetta raffigurante il duomo di Milano che, navigando tra la folla, andò ad insozzarsi su un muso tumefatto di suo perché appesantito da km 18,50 di mascara artificiale, nacque come reazione il «partito dell’amore». Per mesi abbiamo visto la faccia del capo, gridare e urlare che lui e loro non odiano, ma amano fino alla bestemmia: «L’amore vince l’odio». Non sanno più che pesci pigliare per accreditarsi per quello che non sono e non saranno mai. Il capo e i suoi manutengoli, i servi e le schiave che vivono di rendita, sono esperti nell’odio e nella calunnia, nella falsità e nello spergiuro. Urlano, inveiscono e sbraitano di essere il «partito dell’amore», ma si arrabbiano se si dice che il loro capo, per avere un po’ di sesso, se lo deve comprare. Anzi, se lo deve fare comprare pagando professioniste del mestiere. Poveracci, sono tanto il partito dell’amore che si sbranano fra loro, si infangano, si uccidono.

Costui e costoro sono solo il «Pdl» (cioè il «Partito Del Latrocinio» o se volete il «Partito Di Latta», visto che il partito non conta proprio nulla, ma è solo il predellino di un’auto (per giunta non italiana) su cui il capo poggia il suo piede con tacco rialzato. Credevamo che la vecchia Dc e il contumace Craxi avessero toccato il fondo. Invece dobbiamo ricrederci: questi qua, che avrebbero dovuto essere «ricchi di loro» e quindi sazi, si sono dimostrati famelici più di tutti coloro che li hanno preceduti. Questa è la vera celebrazione del 150° dell’unità d’Italia: allora Massimo D’Azeglio aveva un progetto: «Abbiamo fatto l’Italia, ora dobbiamo fare gli italiani». A distanza di un secolo e mezzo, l’Italia è in pieno delirio leghista in corsa verso la frantumazione e gli italiani sono letteralmente fatti. Fatti e strafatti. Il dramma comico è che chi se li fa è un signore che è riuscito a fare apparire il mostro di Notre Dame come la bella addormentata nel bosco.
Bossi ha incoronato i suoi pargoli trigliati come suoi eredi, assicurando loro la prebenda lauta della casta politica. E dire che lui era contro «Roma ladrona». Cota sembra che abbia vinto con l’imbroglio e ora si appella al popolo. Hanno tolto l’Ici anche ai ricchi e straricchi e ora si accingono a mettere una super tassa sui fabbricati, ma vogliono farla passare come riforma del catasto.

Lo chiamavano partito delle libertà; invece era la cricca del malaffare. Lo chiamavano il popolo della libertà; invece era il gregge della mafia, della ‘ndrangheta e della camorra. Lo chiamavano il capo carismatico; era solo un capobastone e nemmeno tra i più quotati perché manovrato e ricattato dai mammasantissima. Lo chiamavano «meno male che Silvio c’è»; invece era la convergenza di un sistema che ha reso la nazione un letamaio e lerciume senza precedenti nella storia.

Ha ricevuto anche il premio come «Statista di rara capacità» per furto con destrezza, per evasione fiscale, per falso in bilancio, per corruzione di giudici e testimoni, per spergiuro sulla testa dei figli. Quando la sentina fuoriesce dalle fogne è il segno che le fogne stanno scoppiando e può cominciare un nuovo progetto di pulizia e di depurazione. Basterebbe che il PD, il partito che non c’è, battesse un colpo e prendesse il timone dell’opposizione dura e senza compromessi di sorta. Non si fanno accordi di alcun genere con i mafiosi malavitosi di stampo berlusconista. Bisogna solo cacciare lui e il suo parterre dell’amore a pagamento. Il bello deve ancora venire perché il Verdini (compaesano del ministro Bondi) ha più trippa di quanta lascia intendere. Restate nei paraggi.

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. chiara totilo

    io credo, caro predicatore dei miei stivali, che a schiattare per l’invidia sia prima tu che il Berlusca.
    I mafiosi sono in casa tua, credimi

  2. alfred

    Chiara la melma emerge ogni giorno nel Partito dell,ammore,indagati corrotti,corruttori,condannati per reati di MAFIA zoccole CHE FANNO LE MINISTRE NON CERTO PER MERITOCRAZIA,ma per prestazioni.Vedi le cose da FANS TIFOSO ,altrimenti avresti ogni giorni il volta stomacoamo.

  3. TEX

    Ma Chiara perché lo riscribvi più volte il messaggio?
    Vuoi convincerti che sia così?
    Vedi ragazza, quelle come te ancora non è chiaro se siete talmente stupide da non capire nulla ora e sempre oppure, sei parte integrante della cricca di questi sgangherati delinquenti in tal caso, è umano dichiarare il falso anche davanti al mondo.
    Ma come dice Farinella di trippa in giro ce n’è ancora molta…

  4. Francesco Degregorio

    Cara signora totilo, se lei parlasse a gente delle sue stesse idee farebbe bene a ripeterle 4 volte, conoscendo l’ignoranza del popolo berlusconiano, ma a un sacerdote come don Paolo Farinella, avrebbe fatto bene a tacere completamente, mi creda
    saluti

  5. saverio

    Povera chiara..
    Poveri berluscones..
    Povera Italia..
    POVERI NOI!!!!!!!!!!!!!
    Saverio da CZ

  6. peter parisius

    Chiara Totilo parla di “schiattare per l’invidia”. Ma invidia per chi? Per il nano? Per quel deficiente con i rialzi nelle scarpe e il catrame sulla cervice? Eheheheh! Guarda, non vorrei essere come lui nemmeno se mi dasse tutti i suoi soldi. Io non ho processi a mio carico, amo la mia immagine allo specchio, leggo i romanzi dei miei autori preferiti (lui non legge libri, credo) e, quando ho voglia di amore, mi occorre solo uscire in strada (a piedi, bada bene, o con la mia utilitaria, e non su una limousine blu!!!).

  7. Domenico Falconieri

    Il livore manifestato dalla ragazzina dimostra solo la sua paura, come quella di tutti i becero ciechi-credenti nel loro capo-asfaltato, di veder smentita dai fatti, da loro per nulla o poco conosciuti, la cieca fiducia che ripongono nel loro ducetto; la paura di dover finalmente aprire gli occhi e rendersi conto della verità. Nulla di più, ma niente di peggio. Ma così sono i poveri berluschini!

  8. Tiziana Minieri

    Caro don Paolo,
    condivido tutto quello che dici, ma non il modo con cui lo dici…
    Mi piacerebbe che fossi meno aggressivo, più distaccato,con qualche dimostrazione in più per quello che affermi, a volte, a priori…
    Da un sacerdote ci si aspetterebbe la condanna per il peccato e la misericordia con il peccatore.
    Se tu fossi meno aggressivo, credimi, otterresti più accettazione e porresti almeno il dubbio nelle persone che la pensano o agiscono diversamente. Prego perché il Signore ti conceda più dolcezza perchè tu possa continuare a fare il fustigatore della nostra povera classe politica! E il Signore sa se ne abbiamo bisogno di persone come te!… Non avertene a male.
    Ogni bene e tanti auguti da
    Tiziana

  9. marilena motta

    Esimio Don Paolo, mi piace come dice le cose, il suo tono, (più che giusto visto come siamo conciati) le sue arringhe sui ladroni, corrotti, mafiosi e……sarebbe troppo lungo……… continui così, le Totilo tonte tra un pò spariranno ……grazie !

  10. sergigia

    E’ la seconda lettera di don Farinella che leggo
    Tanti sacerdoti dovrebbero essere come Lei. Glielo dice una che è assolutamente e convintamente atea.
    Si dovrebbe candidare possibilmente per il partito di DI PIETRO o il movimento 5 stelle (ma forse un sacerdote non puo?)
    Un forte abbraccio

  11. angi

    farinella?… l’ultimo degli schizzati dalla mano di dio (???): da vomito.

  12. Adriano Marco

    Corsi e ricorsi storici:Dalla “Milano da bere” dell’era
    Craxi alla “Milano da annusare”dell’era Berlusconi

  13. Anna Onorati

    …sono felice finalmente ascoltare una voce che dice le cose esattamente come stanno e con la dovuta chiarezza di tono…sono stanca di sentire parlare gente che non dice nulla e che fa finta di essere buono…per poi pugnalarti alle spalle…
    …meglio mille la voce di Don Paolo che esprime ciò che sente senza censura…che le voci del gregge che non fanno altro che belare per compiacere il pastore (volutamente minuscolo)….